p. 109 + 32 (Guida alla lettura a cura di Remo Cacciatori)Roux si reca in India. Tra fuggiaschi e profeti dall'aspetto mostruoso desidera rintracciare un amico portoghese che, come molta altra gente, si è perduto diventando un uccello notturno. Ha ... Continua
Ha scritto il 27/09/17
"Notturno Indiano" è un libro da leggere per tutto fuorché la trama. Si legge per gli ambienti, belli, esotici, inquietanti; si legge per i personaggi, suggestivi, con una storia pesante alle spalle, ricchi, esotici e, ovviamente, inquietanti; si ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 15/08/17
Prezioso. Leggero come una vacanza esotica, profondo come un viaggio alla ricerca di se stessi.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 31/05/17
Un libro scritto negli autobus e negli alberghi, da leggere in autobus e negli alberghi, tra una stazione e l'altra, con gli occhi rossi dal sonno e la testa leggera.Un racconto piacevolissimo, senza pretese, e che proprio per questo colpisce nel ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 22/12/16
"Non so chi ha detto che nella pura attività del guardare c'è sempre un po' di sadismo. Ci pensai ma non mi venne in mente, però sentii che c'era qualcosa di vero in quella frase: così guardai con maggiore voluttà, con la perfetta sensazione di essere...
...solo due occhi che guardavano mentre io ero altrove, senza sapere bene dove."Questo "racconto lungo" è davvero qualcosa di meraviglioso, così tanto che l'ho sottolineato quasi tutto!Mi ha colpita, mi ha messo i brividi, specie nell'inquietante ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 22/12/16
Cartoline dall' India.
Un Tabucchi strano, quello di "Notturno indiano". Un Tabucchi che sceglie, forse deliberatamente ma forse no, di far comparire in germe tutte le sue tematiche tradizionali (il tema della ricerca di sé stessi e dell'amata, il tema del viaggio...) fa ...Continua
  • 10 mi piace
  • 3 commenti

Ha scritto il Sep 23, 2016, 14:56
"Uffa", disse Christine, "ma in questo libro è tutto fuori cornice? Mi sa dire cosa c'è dentro la cornice?"
Ha scritto il Sep 23, 2016, 14:37
La realtà passata è sempre meno peggio di quello che fu effettivamente: la memoria è una formidabile falsaria.
Ha scritto il May 02, 2014, 13:16
«Allora?», chiesi io, «posso saperlo?». «Mi dispiace», disse lui, «mio fratello dice che non è possibile, tu sei un altro». «Ah sì», dissi io, «chi sono?».
Pag. 68
Ha scritto il May 02, 2014, 13:13
«Senta, credo di capire vagamente com'è andata. Lei non è esistita per anni, è sempre stata solo un prestanome, finché un giorno ha deciso di dare una realtà a questo nome. E questa realtà è lei stessa. Però io di lei conosco solo il nome ...Continua
Pag. 50
Ha scritto il May 02, 2014, 12:46
Mentre uscivo lo ringraziai brevemente. Egli sorrise e non rispose niente. Poi, prima di chiudere la porta, mi disse: «la scienza cieca ara vane zolle, la fede pazza vive il sogno del suo culto, un nuovo dio è solo una parola, non credere o ...Continua
Pag. 61

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi