Novecento

pianiste

By

Editeur: Mille et Une Nuits

4.2
(18621)

Language: Français | Number of pages: 91 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) Chi traditional , German , Italian , Spanish , Swedish , Catalan , Hungarian , Japanese , Portuguese , Romanian , Polish , Dutch , English , Chi simplified

Isbn-10: 2842053877 | Isbn-13: 9782842053871 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , Music , Travel

Aimez-vous Novecento ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Sapeva ascoltare. E sapeva leggere. Non i libri, quelli son buoni tutti, sapeva leggere la gente. I segni che la gente si porta addosso: posti, rumori, odori, la loro terra, la loro storia.. tutta scritta addosso.

    Dal Virgiarian sono scesa un mucchio di volte. La prima volta che ci salì avevo ventidue anni, e nonostante siano passati solamente tre anni a me sembra sia passata una vita. Non soggiornai per una ma ...continuer

    Dal Virgiarian sono scesa un mucchio di volte. La prima volta che ci salì avevo ventidue anni, e nonostante siano passati solamente tre anni a me sembra sia passata una vita. Non soggiornai per una manciata di giorni o per una settimana: la mia permanenza fu duratura. Con una certa curiosità, una fame inspiegabile di conoscenza, la smania di porre nero su bianco ciò che mi passa per la testa. Tutto, senza tralasciare niente.
    Parole semplici, soavi, lente come una dolce litania scivolarono sul palmo della mia mano come sabbia fine, ed io assieme a loro, con Novecento che suonava, e non staccava lo sguardo dai tasti. Lo sguardo altrove, il piano che seguiva le onde in un ritmo lento ma concitato. Andava e tornava, girava su se stessa, puntando dritto verso una meta sconosciuta.
    Con gli occhi di un altro, le parole di qualcuno, respirando, avvertendolo, ascoltandolo in ogni gesto, frase, parola. Il mondo magari non l'ha ancora visto, ma in pochissimo tempo lui, su una nave dritta chissà dove, mi ha letta. Mi ha rubato l'anima.

    dit le 

  • 5

    Ho riletto molto volentieri uno dei miei libri preferiti in assoluto!
    Viene narrata in poche pagine la singolare storia un neonato che viene abbandonato sul pianoforte della prima classe nel piroscafo ...continuer

    Ho riletto molto volentieri uno dei miei libri preferiti in assoluto!
    Viene narrata in poche pagine la singolare storia un neonato che viene abbandonato sul pianoforte della prima classe nel piroscafo Virginian. Da questo monologo teatrale è stato tratto anche il film "La leggenda del pianista sull'Oceano" di Giuseppe Tornatore.
    Adoro il modo di scrivere di Baricco che mi porta davvero in un altro mondo, mi fa viaggiare e mi sognare come nessuno! Ogni singola parola sembra scelta per toccare un punto esatto dell'anima, per far provare un'emozione particolare, sembra sempre che nulla venga lasciato al caso.

    dit le 

  • 4

    Un buon testo con una chiara vocazione teatrale, mi piacerebbe avere l' occasione di vederlo dal vivo.
    Nella sua semplicità riesce a toccare temi profondi in maniera originale, con un finale molto ben ...continuer

    Un buon testo con una chiara vocazione teatrale, mi piacerebbe avere l' occasione di vederlo dal vivo.
    Nella sua semplicità riesce a toccare temi profondi in maniera originale, con un finale molto ben scritto.

    dit le 

  • 4

    Monologo teatrale..

    Un libro che racchiude in meno di 100 pagine una storia singolare ma intensa.
    Il libro è un monologo teatrale.
    Secondo l'autore il testo può essere definito come una via di mezzo tra «una vera messa i ...continuer

    Un libro che racchiude in meno di 100 pagine una storia singolare ma intensa.
    Il libro è un monologo teatrale.
    Secondo l'autore il testo può essere definito come una via di mezzo tra «una vera messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce».
    Nel 1998 ne è stato tratto un film, La leggenda del pianista sull'oceano di Giuseppe Tornatore. Nello stesso anno Edoardo Bennato pubblica un brano ispirato a Novecento, Sempre in viaggio sul mare, contenuto nell'album Sbandato.

    dit le 

  • 0

    Un libro piccolo ma intenso, una storia emozionante che tiene con gli occhi incollati sulla pagina fino all'ultima pagina senza prendere espiro, fino alla fine. Si instaura subito tra il lettore e Nov ...continuer

    Un libro piccolo ma intenso, una storia emozionante che tiene con gli occhi incollati sulla pagina fino all'ultima pagina senza prendere espiro, fino alla fine. Si instaura subito tra il lettore e Novecento una forte empatia. Lo consiglio assolutamente.

    dit le 

Sorting by
Sorting by