Novelle e riviste drammatiche [1920]

Di

Editore: Lampi di Stampa

4.5
(2)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8848802575 | Isbn-13: 9788848802574 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Ti piace Novelle e riviste drammatiche [1920]?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il volume ripropone le tre novelle più note di Arrigo Boito. "L'Alfier nero" (1867) si apre con due uomini di colore opposto, muti, immobili, che combattono col loro pensiero, il bianco con gli scacchi bianchi, il negro coi neri, strani e quasi solenni e quasi fatali. Suggestioni neogotiche da fiaba medievale in "Iberia" (1867), in cui si narra un dramma senza data che si consuma in un remoto castello dell'Estremadura e che ha per protagonisti i leggiadri Elisenda ed Estebano. "Il trapezio", incompiuta (1873-74), è la novella più complessa delle tre: una paralisi irrigidisce la lingua al vecchio e saggio geometra Yao, costringendolo a costruire per iscritto la sua storia. Riproduzione a richiesta dell'edizione: R. Ricciardi Editore, 1920.
Ordina per
  • 5

    Lirico

    Francamente non avevo letto nulla di Boito. neanche sapevo chi fosse.
    Ho iniziato la lettura di questo ebook http://www.gutenberg.org/etext/28869 così, per caso, era uno dei pochi italiani pubblicati. ...continua

    Francamente non avevo letto nulla di Boito. neanche sapevo chi fosse.
    Ho iniziato la lettura di questo ebook http://www.gutenberg.org/etext/28869 così, per caso, era uno dei pochi italiani pubblicati.

    Il primo racconto L'alfier nero mi ha catturato al 100% e mi ha sommerso.
    Ipnotico, riesce a rendere non solo la tensione dei giocatori, ma anche il profumo che emanano.
    Certo uno potrebbe dire che indulge nelle simmetrie (d'immagine e culturali), ma anche queste sono così sublimate che invece che infondere l'universale emergono come universale. Insomma suonano concrete e non apatie da letterato stanco.
    Mi ha catturato moltissimo e lo sto continuando con passione.

    ha scritto il