Nudi e crudi

Di

Editore: Adelphi

3.7
(3143)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 57 | Formato: eBook

Isbn-10: 884597197X | Isbn-13: 9788845971976 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Claudia Valeria Letizia , Giulia Arborio Mella

Disponibile anche come: Paperback , CD audio

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Nudi e crudi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Trovare la casa svaligiata dai ladri è senza dubbio un evento sinistro.
Ordina per
  • 0

    tre posizioni

    Critica cattiva:
    trama artificiosa, lingua molto compiaciuta di sé - uno che mette i puntini
    "sugli i" e lo dice "guardate che adesso metto i puntini sugli i"
    Un radical, addirittura.
    Io lavoro sulla ...continua

    Critica cattiva:
    trama artificiosa, lingua molto compiaciuta di sé - uno che mette i puntini
    "sugli i" e lo dice "guardate che adesso metto i puntini sugli i"
    Un radical, addirittura.
    Io lavoro sulla lingua asciutta e non fasulla ecc.

    Critica simpatetica:
    fantastica presa in giro della società contemporanea, un pasolini aggiornato
    e simpatico perlopiù. Si ride un sacco

    Critica snob:
    un libro proprio da Adelphi

    ha scritto il 

  • 3

    Divertente? no...forse ironico, abbastanza cinico, nudo e crudo si.Onestamente mi aspettavo un po' di più. Il racconto parte bene, incuriosisce, ma poi la attesa cala. Continuando nella lettura tutt ...continua

    Divertente? no...forse ironico, abbastanza cinico, nudo e crudo si.Onestamente mi aspettavo un po' di più. Il racconto parte bene, incuriosisce, ma poi la attesa cala. Continuando nella lettura tutto diventa monotono e incapace di suscitare interesse... Il messaggio che l'autore vuole lanciare con la metafora della casa svaligiata e poi ritrovata, in una chiave di lettura di come il vecchio possa essere poi rivissuto come nuovo, mi e' sembrato un po' come dire ..... stanco. Stucchevole il finale con il marito che muore e la moglie pronta a rifarsi una nuova vita.

    ha scritto il 

  • 1

    95 pagine frutto di un grandissimo e meraviglioso esercizio di stile, condito - senza alcun motivo - dai soliti contenuti con richiami sessuali e di tradimento. Plot narrativo interessante e aperto ad ...continua

    95 pagine frutto di un grandissimo e meraviglioso esercizio di stile, condito - senza alcun motivo - dai soliti contenuti con richiami sessuali e di tradimento. Plot narrativo interessante e aperto ad una profondità che si sfiora solo in rare occasioni, il resto è a mio avviso solo ricamo, intrattenimento, fors'anche dovere contrattuale.

    ha scritto il 

  • 3

    Divertissment

    Di ritorno da una serata a teatro i coniugi Ransome trovano la casa decisamente svaligiata. I ladri hanno lasciato solo i muri.
    Spogliati delle loro certezze e le loro routine dopo un primo spaesament ...continua

    Di ritorno da una serata a teatro i coniugi Ransome trovano la casa decisamente svaligiata. I ladri hanno lasciato solo i muri.
    Spogliati delle loro certezze e le loro routine dopo un primo spaesamento si accorgono, soprattutto la Sig.ra Ransome che non tutto il male vien per nuocere.
    E come questo evento si tradurrà' in un scombussolamento di abitudini e come farà' deflagrare voglie represse e' la ragione per leggere questo romanzo breve intriso di caustico humour inglese

    ha scritto il 

  • 3

    Tragicomico

    Questo Natale un'amica - che è quasi una sorella - mi ha regalato 3 libri di Bennett, dandomi anche un'ordine di lettura corrispondente all'ordine in cui lei si è avvicinata a questo autore.
    Nudi e Cr ...continua

    Questo Natale un'amica - che è quasi una sorella - mi ha regalato 3 libri di Bennett, dandomi anche un'ordine di lettura corrispondente all'ordine in cui lei si è avvicinata a questo autore.
    Nudi e Crudi era il primo.
    Premtto che le mie aspettative erano altissime. Un po' perché quest'amica è una delle mie guru letterarie e un po' perché, lavorando in libreria, ho sempre sentito parlare di questo autore e sempre in termini entusiastici, quindi diciamo che mi aspettavo molto da questa lettura.
    Non sono stata delusa. Non definirei Nudi e Crudi il libro della vita, ma è abbastanza surreale e pungente da rimanere impresso.
    Casa Ransome viene svaligiata. Ma non semplicemente dei beni preziosi come gioielli, tv al plasma o computer. Viene completamente ripulita, saccheggiata, svuotata. Il risultato è un appartamento completamente vuoto, privo di ogni tipo di mobilio, come quelli che si vanno a vedere quando si vuole affittare/comprare una casa.
    Questo evento così scioccante mette a repentaglio il già fragile equilibrio di coppia tra Mr Ransome, un avvocato londinese agiato e pedante e la moglie Mrs Ransome, pacata, remissiva a quasi invisibile.
    Fiumi di un'ironia tragicomica pungente scorrono mano a mano che si dipanano i fili di questo garbuglio di eventi. C'è chi pensa a uno scherzo, chi a una vendetta, chi minimizza cominciando ad enumerare le infinite circostanze simili in cui si è trovato e prestando in realtà ben poca attenzione alla tragedia del prossimo.
    Il finale, ossia la soluzione dell'enigma è un po' meno all'altezza del resto del libro, ma tutto sommato è accettabile.

    Lo consiglio, è una lettura leggera, divertente, ma pregna di riflessioni sulla società moderna.
    Ora sono curiosa di leggere anche gli altri due!

    ha scritto il 

  • 3

    Molto british

    E anche molto teatrale.
    Persino da un furto può nascere l'occasione di un rinnovamento.
    Tre stelle per quel senso di "compitino" svolto con sufficienza.
    Vedremo in seguito.

    ha scritto il 

  • 4

    “Casa Ransome era stata svaligiata. “Rapinata” disse Mrs. Ransome. “Svaligiata” la corresse il marito. Le rapine si fanno in banca; una casa si svaligia. Mr Ransome era avvocato e riteneva che le paro ...continua

    “Casa Ransome era stata svaligiata. “Rapinata” disse Mrs. Ransome. “Svaligiata” la corresse il marito. Le rapine si fanno in banca; una casa si svaligia. Mr Ransome era avvocato e riteneva che le parole avessero la loro importanza.”

    Un piccolissimo libro da leggere con piacere perché divertente ed intelligente. Bennet sa raccontare le sue storie in maniera assolutamente originale ed essenziale con ironia, acume ed ovviamente l’inconfondibile umorismo british.
    Gli bastano poche pagine per mandare a segno il suo messaggio. I suoi ingredienti sono la leggerezza, la semplicità e la sincerità, tutto condito qua e là con qualche spruzzo di genialità: il risultato è incisivo e ricco di spunti di riflessione.
    Nudi e crudi sono i due coniugi rispetto a loro stessi; nuda e cruda è la loro casa dopo un furto esemplare, talmente esemplare che finirà con il rivelarsi qualcosa d’altro; nudo e crudo diverrà da quel momento il loro rapporto di coppia e nuda e cruda è l’immagine che alla fine Bennet ci rende della vita e di ciò che conta veramente.

    ha scritto il 

  • 4

    https://antoniodileta.wordpress.com/2015/10/20/nudi-e-crudi-alan-bennet/

    “Aveva continuato a girovagare per le strade deserte, domandandosi come faceva la gente. I pub erano tutti chiusi e l’unico pos ...continua

    https://antoniodileta.wordpress.com/2015/10/20/nudi-e-crudi-alan-bennet/

    “Aveva continuato a girovagare per le strade deserte, domandandosi come faceva la gente. I pub erano tutti chiusi e l’unico posto ancora aperto era una lavanderia a gettone, che aveva un telefono pubblico in vetrina. Gli sembrò un colpo di fortuna: non avendo mai avuto motivo di frequentare un negozio del genere, non sapeva che potesse essere così attrezzato, e si domandò se il servizio fosse a disposizione anche di chi non aveva niente da lavare. In ogni caso, il telefono era attualmente in mano all’unica cliente, una vecchia con due cappotti che visibilmente non lavava i panni da tempo. Così Mr Ramsome prese coraggio.
    La vecchia teneva la cornetta schiacciata su un orecchio lercio senza parlare, e in realtà neppure ascoltare.
    - Potrebbe sbrigarsi, per favore? - le chiese Mr Ramsome. - È un’emergenza.
    - Anche la mia, caro, - ribatté la vecchia. - Sto telefonando a Padstow, solo che non rispondono.
    - Devo chiamare la polizia, - disse Mr Ramsome.
    - L’hanno aggredita? - chiese la vecchia. - A me anche, una settimana fa. Ma ormai nessuno si stupisce più. Era un ragazzino. Qui squilla, però c’è un corridoio lungo. Verso quest’ora bevono qualcosa di caldo. Sa, sono suore, - aggiunse per chiarire.
    - Suore? - fece Mr Ramsome. - Ma è sicura che non siano già andate a letto?
    - No, ce n’è sempre qualcuna in giro. Sono in ballo con le funzioni tutta la notte.
    E continuò ad ascoltare il telefono che squillava in Cornovaglia.
    - Non può riprovare dopo? - tornò alla carica Mr Ramsome, vedendo sfrecciare i suoi avere sull’autostrada. - La rapidità è un fattore essenziale.
    - Lo so, - rispose la vecchia, - invece le suore hanno tutto il tempo che vogliono. Il bello è proprio questo, salvo quando gli si telefona. Ho intenzione di andarci in ritiro a maggio.
    - Ma siamo solo a febbraio! - esclamò Mr Ramsome. E io...”
    (Alan Bennet, “Nudi e crudi”, ed. Adelphi)

    L’avvocato Mr Ramsome e sua moglie stanno insieme ma, complice la lunga convivenza, che sembra più una degenza, l’intesa tra loro è certamente inferiore a quella che l’uomo ha con la musica di Mozart. Un giorno, a vivacizzare la loro esistenza, arriva un furto o sarebbe meglio dire una scomparsa collettiva dei mobili e di qualsiasi oggetto avessero in casa. Armadi, divani, posacenere, stereo, persino carta igienica e mutande, tutto svanito. I due, ovviamente, si rivolgono alle autorità per cercare di capire cosa sia successo, con scarsi esiti. Il supporto psicologico che un’esperta del ramo vorrebbe fornirgli per superare il trauma è un trauma superiore a quello originale, che del resto, in pochi giorni, ha lasciato spazio al lato dilettevole della faccenda, cioè riorganizzare da zero il loro appartamento, e forse anche la loro vita.
    La storia narrata da Bennet è irreale ma soprattutto comica; l’estro dello scrittore, infatti, si sbizzarrisce in trovate che strappano risate al lettore, consentendogli di oltrepassare la sensazione di inverosimiglianza e guidandolo fino alla sorprendente risoluzione finale dell’enigma.

    ha scritto il 

Ordina per