Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Nudités

By Giorgio Agamben

(0)

| 9782743619947

Like Nudités ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

6 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bello ed interessante. Secondo me è uno testi più adatti per approcciarsi ad Agamben. Centro della riflessione è naturalmente il corpo e la sua nudità. Vengono trattati tutti i temi più cari ad Agamben con un piglio più leggero rispetto alle opere ma ...(continue)

    Bello ed interessante. Secondo me è uno testi più adatti per approcciarsi ad Agamben. Centro della riflessione è naturalmente il corpo e la sua nudità. Vengono trattati tutti i temi più cari ad Agamben con un piglio più leggero rispetto alle opere maggiori. Sembra adatto a quelle belle serate con pochi amici dove, di fronte ad un buon bicchiere di rosso, si discute di filosofia e si prende come spunto un testo adatto. Mai fatto? Vi siete persi qualcosa. Questo testo potrebbe essere un buon modo di iniziare.

    Is this helpful?

    Sorel1968 said on Jan 1, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    molto interessante il saggio su 'il processo' di kafka. anche quello sulla festa è curioso.

    Is this helpful?

    Zeta Bau said on Nov 9, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Agamben considera che la nudità non è uno stato, bensì un evento. Nudità è ciò che "appare" a conseguenza dello svelamento, e togliere il velo rivela il momento propizio (kairós) per la conoscenza. Non la conoscenza vera e propria, però ...(continue)

    Agamben considera che la nudità non è uno stato, bensì un evento. Nudità è ciò che "appare" a conseguenza dello svelamento, e togliere il velo rivela il momento propizio (kairós) per la conoscenza. Non la conoscenza vera e propria, però, ma la possibilità della conoscenza, perchè la nudità è come una tabula rasa, dove ogni cosa è latente, pronta per essere messa in luce, e quindi conosciuta.

    Is this helpful?

    mauroo said on Jan 22, 2011 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Bellissima l'interpretazione dell'opera di Kafka come guidata dal concetto di autocalunnia

    Is this helpful?

    Giacomo Mason said on Sep 8, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Splendido, sopratutto il saggio, naturalmente, sulla nudità, nonchè a fine libro quello relativo alla festa.

    Is this helpful?

    Marco Morici said on Dec 29, 2009 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    Tenersi nella giusta relazione con una ignoranza

    "I modi in cui ignoriamo qualcosa sono altrettanto e forse più importanti dei modi in cui lo conosciamo. Vi sono modi del non sapere - sbadataggini, disattenzioni, dimenticanze - che producono goffaggine e bruttura; ma di altri - la svagatezza di un ...(continue)

    "I modi in cui ignoriamo qualcosa sono altrettanto e forse più importanti dei modi in cui lo conosciamo. Vi sono modi del non sapere - sbadataggini, disattenzioni, dimenticanze - che producono goffaggine e bruttura; ma di altri - la svagatezza di un giovinetto, la sprezzatura incantata di un bambino - non ci stanchiamo di ammirare la compiutezza. La psicoanalisi chiama rimozione un modo di ignorare che produce spesso effetti nefasti sulla vita di colui che ignora. Al contrario, chiamiamo bella una donna la cui mente sembra felicemente inconsapevole di un segreto di cui il suo corpo è perfettamente al corrente. Vi sono dunque modi riusciti di ignorarsi e la bellezza è uno di questi. E' possibile, anzi, che sia proprio il modo in cui riusciamo a ignorare a definire il rango di ciò che riusciamo a conoscere e che l'articolazione di una zona di non conoscenza sia la condizione - e, insieme, la pietra di paragone - di ogni nostro sapere [...]. Articolare una zona di non conoscenza non significa, infatti, semplicemente non sapere, non si tratta soltanto di una mancanza o di un difetto. Significa, al contrario, tenersi nella giusta relazione con un'ignoranza, lasciare che un'incoscienza guidi e accompagni i nostri gesti, che un mutismo risponda limpidamente per le nostre parole. O, per usare un vocabolario desueto, che ciò che ci è più intimo e nutriente abbia la forma non della scienza e del dogna, ma della grazia e della testimonianza."
    pp. 161-162
    Tutto il breve saggio a:
    http://www.scribd.com/doc/13592979/Lultimo-capitolo-del…

    Is this helpful?

    finO said on Jun 21, 2009 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection