Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nuevo elogio de la locura

By

Publisher: Lumen

3.8
(46)

Language:Español | Number of Pages: 238 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 8426415814 | Isbn-13: 9788426415813 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Eduardo Hojman

Also available as: Paperback

Category: Non-fiction

Do you like Nuevo elogio de la locura ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    "nel chiudere il libro, il lettore ideale sente che, se non l'avesse letto, il mondo sarebbe più povero.

    Una serie di saggi, a volte sembrano conferenze, su vari argomenti, ovviamente quelli cari a Manguel, più o meno lunghi, più o meno intriganti, tutti molto dotti,...forse.....
    Da collante ogni capitolo riporta un disegno di John Tenniel e una citazione tratti da "Le avventure di Alice nel paese d ...continue

    Una serie di saggi, a volte sembrano conferenze, su vari argomenti, ovviamente quelli cari a Manguel, più o meno lunghi, più o meno intriganti, tutti molto dotti,...forse..... Da collante ogni capitolo riporta un disegno di John Tenniel e una citazione tratti da "Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie"o "Al di là dello specchio". Come in altri suoi libri del genere trovi mille informazioni utilissime, mille citazioni preziose, mille argomentazioni intriganti,....ma io preferisco il Manguel romanziere, quello di "Tutti gli uomini sono bugiardi" dove la sua capacità di scrittura ma sopra ogni cosa la sua ironia trova terreno più fertile. Questo libro a me da l'impressione veramente della conferenza ad un congresso di professori, dove lui sale in cattedra con un pochino di puzzetta sotto il naso e ti fa sentire un pochino il nano Bagonghi, cosa che in realtà io sono. Ma come dice lui nelle pagine forse più divertenti del libro dove definisce il lettore ideale "Ogni libro, bello o brutto che sia, ha il suo lettore ideale"

    said on 

  • 4

    Il lettore ideale è lo scrittore appena prima che le parole prendano forma sulla pagina

    Il risvolto di copertina di questo denso volumetto ("Le Mongolfiere" di Archinto hanno un peso specifico riconoscibilissimo!), vorrebbe convincerci che "filo conduttore di questa raccolta di saggi è la follia".
    Ciò è solo parzialmente vero. In realtà, filo conduttore di questi saggi (pochi pretes ...continue

    Il risvolto di copertina di questo denso volumetto ("Le Mongolfiere" di Archinto hanno un peso specifico riconoscibilissimo!), vorrebbe convincerci che "filo conduttore di questa raccolta di saggi è la follia". Ciò è solo parzialmente vero. In realtà, filo conduttore di questi saggi (pochi pretestuosi, la maggior parte vividi e appassionanti) è la Cultura e il ruolo che essa ha, o dovrebbe avere, nell'aiutarci a decifrare la realtà in cui siamo immersi. Che questa realtà, poi, sia irrimediabilmente compromessa da una follia "non buona" è dato quasi tangenziale. A questa follia "non buona", Manguel, lettore onnivoro e proteiforme erudito, sembra voler contrapporre la follia "buona" del gesto artistico, culturale, come naturale medicina. Ecco allora che, di saggio in saggio, procedendo per salti nemmeno così pindarici, il lettore Manguel snocciola recensioni, immagini, sensazioni, ricordi legati all'elettivo mondo della Cultura, declinato quasi sempre nell'accezione di Letteratura - pur non mancando incursioni in altri campi dell'Arte (Van Gogh, Gaudì...). Ne emerge un quadro vivo, cangiante, che spinge a riflettere su certe insensatezze o trascuratezze del vivere civile; che offre chiavi d'accesso a mondi (solo letterari?) in cui, se non sarà dato di trovare risposte, sarà almeno possibile rinvenire domande formulate con epifanica chiarezza. Oltre a fornire inesauribili e sorprendenti spunti per nuove letture e approfondimenti.

    said on 

  • 1

    Sono riuscita a leggere appena 50 pagine ma decisamente non l'ho trovato scorrevole e appassionante, forse solo per pochi veri intenditori. Magari nelle pagine successive sarebbe stato diverso, ma non ci sono arrivata.

    said on 

  • 5

    Fantastico! Chi non vorrebbe conoscere Manguel di persona?
    Vorrei innanzitutto farvi capire che questo e' un libro per i lettori. Adorate i libri? Leggereste sempre e comunque? Manguel e' con voi e scrive di voi ( di noi!). Manguel e' fantastico. Manguel e' Dio. :)


    (pausa divagazione su q ...continue

    Fantastico! Chi non vorrebbe conoscere Manguel di persona? Vorrei innanzitutto farvi capire che questo e' un libro per i lettori. Adorate i libri? Leggereste sempre e comunque? Manguel e' con voi e scrive di voi ( di noi!). Manguel e' fantastico. Manguel e' Dio. :)

    (pausa divagazione su quanto E' Manguel :D)

    Il libro, comunque, tratta di lettura, di scrittura, di segni di interpunzione, di autori, delle loro vite, dei loro rapporti con la letteratura, col mondo. E' un libro sulla lettura, sul piacere di leggere, su tutto cio' che riguarda la LETTURA. Che altro vi posso dire???

    DOVETE LEGGERLO!!!!

    said on 

  • 5

    A pagina 243 leggo: - Ci sono testi che, anziché libri, sono autentiche biblioteche, compendi che, sotto l'apparenza di un saggio, racchiudono in sé una pluralità di generi e di materie. - Entusiasmo. Ecco ciò che provo leggendo MAnguel.

    said on 

  • 3

    Un lettore di genio

    Raccolta di saggi pubblicata nel 2008 e scritta in inglese. Funziona da filo rosso una serie di citazioni riprese da “Alice nel paese delle meraviglie”, di cui l’autore è ammiratore e cui dedica pagina di acuta esegesi. La parte iniziale è quella più folgorante, vuoi per le riflessioni sulla natu ...continue

    Raccolta di saggi pubblicata nel 2008 e scritta in inglese. Funziona da filo rosso una serie di citazioni riprese da “Alice nel paese delle meraviglie”, di cui l’autore è ammiratore e cui dedica pagina di acuta esegesi. La parte iniziale è quella più folgorante, vuoi per le riflessioni sulla natura dei libri, della lettura, dei lettori, e così via; vuoi per la polemica con il “pensiero unico” che pretende di ergersi a giudice supremo perfino in campo letterario. Seguono parti più tradizionali articoli e ritratti di autori, dei quali Manguel propone letture molto originali (e che formano in ogni caso un catalogo tutt’altro che scontato). Da ricordare che nello studio su Javier Cercas compare l’interesse per la storia della guerra civile di Spagna.

    said on 

  • 2

    A causa della mia scarsa preparazione letteraria, di alcuni capitoli ho raccolto solo qualche briciola, di altri ho messo da parte del buon pane fragrante che mi sfamerà nei momenti di bisogno.

    said on 

  • 4

    Alcune pagine scorrono via più lentamente, altre (come, aggiungendomi al coro degli altri lettori, la descrizione del lettore ideale) si divorano, parola dopo parola, mentre incorniciano una realtà che solo chi ama davvero i libri può comprendere e condividere.. Bello; Manguel è un maestro.

    said on 

Sorting by