Numero zero

Di

Editore: Bompiani (Narratori italiani)

2.7
(991)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 218 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Catalano , Inglese

Isbn-10: 8845278514 | Isbn-13: 9788845278518 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Numero zero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Una redazione raccogliticcia che prepara un quotidiano destinato, più che all'informazione, al ricatto, alla macchina del fango, a bassi servizi per il suo editore. Un redattore paranoico che, aggirandosi per una Milano allucinata (o allucinato per una Milano normale), ricostruisce la storia di cinquant'anni sullo sfondo di un piano sulfureo costruito intorno al cadavere putrefatto di uno pseudo Mussolini. E nell'ombra Gladio, la P2, l'assassinio di papa Luciani, il colpo di stato di Junio Valerio Borghese, la Cia, i terroristi rossi manovrati dagli uffici affari riservati, vent' anni di stragi e di depistaggi, un insieme di fatti inspiegabili che paiono inventati sino a che una trasmissione della BBC non prova che sono veri, o almeno che sono ormai confessati dai loro autori. E poi un cadavere che entra in scena all'improvviso nella più stretta e malfamata via di Milano. Un'esile storia d'amore tra due protagonisti perdenti per natura, un ghost writer fallito e una ragazza inquietante che per aiutare la famiglia ha abbandonato l'università e si è specializzata nel gossip su affettuose amicizie, ma ancora piange sul secondo movimento della Settima di Beethoven. Un perfetto manuale per il cattivo giornalismo che il lettore via via non sa se inventato o semplicemente ripreso dal vivo. Una storia che si svolge nel 1992 in cui si prefigurano tanti misteri e follie del ventennio successivo, proprio mentre i due protagonisti pensano che l'incubo sia finito. Una vicenda amara e grottesca che si svolge in Europa dalla fine della guerra ai giorni nostri.
Ordina per
  • 3

    Titolo interessante per come affronta la questione dell'etica giornalistica, sottolineando certe dinamiche distorte. Un tema attuale, in tempi di post-verità ed evoluzione delle testate per l'avvento ...continua

    Titolo interessante per come affronta la questione dell'etica giornalistica, sottolineando certe dinamiche distorte. Un tema attuale, in tempi di post-verità ed evoluzione delle testate per l'avvento di internet e social media. Considerato l'acume di Umberto Eco, mi sarei aspettato però un'analisi più incisiva, al posto di una piacevole parodia senza troppo mordente. Anche la storia appare più un pretesto per tirare qualche bordata al sistema dell'informazione, che una linea narrativa profonda e sviluppata.

    "L'astuzia sta nel virgolettare prima un'opinione banale, poi un'altra opinione, più ragionata, che assomigli molto all'opinione del giornalista. [...] Il problema è cosa e come virgolettare"

    ha scritto il 

  • 3

    Partiamo dal presupposto che per quanto mi riguarda tutto ciò che scrive Eco diventa automaticamente leggenda e poesia, detto questo il libro è molto ben scritto e pensato, trama ineccepibile e intere ...continua

    Partiamo dal presupposto che per quanto mi riguarda tutto ciò che scrive Eco diventa automaticamente leggenda e poesia, detto questo il libro è molto ben scritto e pensato, trama ineccepibile e interessante, ben diversa dai soliti romanzi di Eco ma ugualmente interessante; unico neo per me è stata la conclusione: mi è sembrata un po' (passatemi il termine) arraffazzonata e frettolosa, tutto durante l'intero romanzo è stato sviluppato così bene che non mi aspetavo un finale così brusco.

    ha scritto il 

  • 3

    Una stella in meno per la tirata finale, che a mio avviso avrebbe potuto essere più sottile.
    A parte questo il romanzo è scritto bene, mi è piaciuta la tematica ed il modo di costruire le ipotesi stor ...continua

    Una stella in meno per la tirata finale, che a mio avviso avrebbe potuto essere più sottile.
    A parte questo il romanzo è scritto bene, mi è piaciuta la tematica ed il modo di costruire le ipotesi storiche è divertente.

    ha scritto il 

  • 1

    incredibilmente eco riesce a superare il suo già forte record di autoplagio, con un romanzucolo composto almeno per metà da roba pubblicata nella bustina di minerva e già riciclata anche in altri tes ...continua

    incredibilmente eco riesce a superare il suo già forte record di autoplagio, con un romanzucolo composto almeno per metà da roba pubblicata nella bustina di minerva e già riciclata anche in altri testi.

    ha scritto il 

  • 3

    Ingredienti: un giornalista-scrittore assunto per uno strano impiego, la redazione cialtronesca di un giornale in fase di avvio, piccoli sporchi trucchi per mantenere rodata la macchina del fango, tan ...continua

    Ingredienti: un giornalista-scrittore assunto per uno strano impiego, la redazione cialtronesca di un giornale in fase di avvio, piccoli sporchi trucchi per mantenere rodata la macchina del fango, tanti frammenti interconnessi di oscure storie italiane (morte di Mussolini, Gladio, stragi di stato).
    Consigliato: a chi cerca i meccanismi più opachi del quarto potere, a chi desidera un breve saggio sullo stato dell’informazione in Italia.

    ha scritto il 

  • 2

    Un libro di Eco che si riesce a leggere senza avere per forza una laurea umanistica e vocabolario continuamente aperto...! Anzi...devo dire che, se anche non ce ne fosse bisogno, apre gli occhi sulle ...continua

    Un libro di Eco che si riesce a leggere senza avere per forza una laurea umanistica e vocabolario continuamente aperto...! Anzi...devo dire che, se anche non ce ne fosse bisogno, apre gli occhi sulle metodologie editoriali di molti giornali e di come vengano presentate ad arte le notizie...a seconda della linea editoriale di chi in definitiva paga! Come storia un po' raccogliticcia...giusto buona per riempire qualche ora...di più non oserei aggiungere! Ciauuuu

    ha scritto il 

  • 4

    Eco 最後生平一本小說, 也是最短且最易讀的小說。充滿了Eco 一貫的特色, 很多的小幽默, 用陰謀論來看這個世界, 對只有Eco 自己有興趣的長串名單的挪用。故事以對“創造新聞”的反諷來諷喻現代人所活在其中, “真亦假時假亦真”, 或者說既沒真相也無假像, 反正真假就是順手拈來的運用之道, 存乎一心。那麽在這種地獄一般惡夢的世界, 人所剩下的, 便是去習慣世事紛陳, 感悟“明天還是要繼續”。 ...continua

    Eco 最後生平一本小說, 也是最短且最易讀的小說。充滿了Eco 一貫的特色, 很多的小幽默, 用陰謀論來看這個世界, 對只有Eco 自己有興趣的長串名單的挪用。故事以對“創造新聞”的反諷來諷喻現代人所活在其中, “真亦假時假亦真”, 或者說既沒真相也無假像, 反正真假就是順手拈來的運用之道, 存乎一心。那麽在這種地獄一般惡夢的世界, 人所剩下的, 便是去習慣世事紛陳, 感悟“明天還是要繼續”。

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per