Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nuovi misteri d'Italia

I casi di Blu notte

Di

Editore: Einaudi (Stile libero Big, 1180)

3.9
(675)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 213 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806167405 | Isbn-13: 9788806167400 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Crime , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Nuovi misteri d'Italia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dalla strage di Bologna a quella di Ustica, dall'omicidio di Pier Paolo Pasolini a quelli di Alceste Campanile, di Beppe Alfano e di Wilma Montesi, dai delitti del bandito Giuliano e della mafia a quelli del mostro di Firenze, Carlo Lucarelli torna a indagare la parte nascosta dell'Italia, gli intrecci tuttora inspiegati fra politica, crimine e società in un nuovo libro basato sulla trasmissione televisiva "Blu notte". La narrazione, attraverso gli strumenti letterari del giallo, consente di approfondire le storie rispetto alla sceneggiatura televisiva, ma mantiene costante la fedeltà ai documenti dando voce a tutte le ipotesi e a tutte le piste.
Ordina per
  • 4

    Dalla strage di Bologna a quella di Ustica, dall'omicidio di Pier Paolo Pasolini a quelli di Alceste Campanile, di Beppe Alfano e di Wilma Montesi, dai delitti del bandito Giuliano e della mafia a quelli del mostro di Firenze, Carlo Lucarelli torna a indagare la parte nascosta dell'Italia, gli in ...continua

    Dalla strage di Bologna a quella di Ustica, dall'omicidio di Pier Paolo Pasolini a quelli di Alceste Campanile, di Beppe Alfano e di Wilma Montesi, dai delitti del bandito Giuliano e della mafia a quelli del mostro di Firenze, Carlo Lucarelli torna a indagare la parte nascosta dell'Italia, gli intrecci tuttora inspiegati fra politica, crimine e società in un nuovo libro basato sulla trasmissione televisiva "Blu notte".
    Un libro che racconta fatti di cronaca che spesso hanno coinvolto Mafia e Stato con il classico stile di Carlo Lucarelli e della trasmissione Blu Notte. La lettura pertanto risulta non pesante, ma molto coinvolgente e con lo stile di un romanzo giallo.

    ha scritto il 

  • 4

    La versione su pagina scritta di alcune puntate della trasmissione televisiva dell'autore dedicata ai misteri italioani. La dimostrazione che il successo della stessa e' dovuto anche alla grande capacita' narrativa di Lucarelli. Uno sguardo su pagine importanti della nostra storia.

    ha scritto il 

  • 2

    ...e liberaci da Lucarelli, amen.

    Lucarelli non mi piace. Non mi piace il suo modo di raccontare né il suo modo di gesticolare da prete che dice messa. Essendo questo libro la perfetta trascrizione della serie televisiva Blu Notte, leggendolo mi pareva proprio di averlo davanti che muoveva le manine, mimava decapitazioni, o si sp ...continua

    Lucarelli non mi piace. Non mi piace il suo modo di raccontare né il suo modo di gesticolare da prete che dice messa. Essendo questo libro la perfetta trascrizione della serie televisiva Blu Notte, leggendolo mi pareva proprio di averlo davanti che muoveva le manine, mimava decapitazioni, o si spostava tra improbabili accessori scenici quali scale, pallet, vanghe, borsoni da viaggio.
    In ogni caso, tralasciando la sciatteria dell'autore, il libro (anzi meglio, il copione) colpisce pochissimo e tratta con vertiginosa velocità casi che meriterebbero qualche pagina in più. Capisco la necessità di sintesi, ma per chi non ha mai sentito parlare del bandito Giuliano, 20 paginette mi paiono davvero poche. Per non parlare della dietrologia sfoderata per l'omicidio Pasolini. Accurata e avvincente la parte riguardante il Mostro di Firenze, anche se offre solo una delle tante interpretazioni. In questo caso Lucarelli centra il bersaglio e mi sembrava quasi di sentire una certa passione. Evidentemente il caso di Firenze gli piace. Buco nero, invece, per la strage di Bologna che offre un analisi oltremodo datata degli eventi, imbrogliando il lettore con le parole: Dopo ventiquattro anni la strage di Bologna ha una sua verità storica: la strage è fascista. In realtà questa è solo una parte delle verità giudiziaria, non storica (tant'è che la definizione "strage fascista" è stata rimossa anche dalla targa commemorativa). La verità chiara e cristallina ancora non si ha, ma da molto tempo, anche grazie alle dichiarazioni dell'ex-Presidente della Repubblica Cossiga, ci si orienta verso il cosiddetto Lodo Moro e quindi della strage come terribile errore da parte di aderenti all'OLP in transito alla stazione di Bologna quel maledetto 2 agosto. Il Lodo Moro è stato confermato anche da esponenti Palestinesi e lo si intuisce, a posteriori, dalle lettere e dal memoriale scritti da Moro nel corso della sua prigionia.
    Lucarelli ha per me un difetto enorme: alimentare la più becera dietrologia all'italiana e di cui gli italiani non sono mai sazi. Questa è una malattia tipicamente nostrana, cresciuta esponenzialmente a ogni morto, ogni bomba, ogni pallottola. I casi di depistaggio e di inquinamento ci sono stati e ci sono, ma vanno sempre messi in un contesto preciso e mai e poi mai inseriti in cornici fumose come per esempio la "strategia della tensione". In un paese dove, come affermava Montanelli, niente si risolve e tutto si cronicizza, il complotto risulta l'unica soluzione accettabile.

    ha scritto il 

  • 4

    Altre storie interessanti, ben scritte e raccontate, che danno uno spaccato dell'Italia peggiore, quella che fa arrabbiare, quella che fa venire i brividi. Il libro è bello e ben scritto, purtroppo i temi trattati ed il soggetto lasciano una buona dose di nervosismo in corpo per cui la sensazione ...continua

    Altre storie interessanti, ben scritte e raccontate, che danno uno spaccato dell'Italia peggiore, quella che fa arrabbiare, quella che fa venire i brividi. Il libro è bello e ben scritto, purtroppo i temi trattati ed il soggetto lasciano una buona dose di nervosismo in corpo per cui la sensazione finale è negativa (negatività interamente a carico delle porcherie descritte). Sarebbe da rendere, insieme al precedente, libro di testo di storia di quinta superiore, per conoscere e per imparare a reagire.

    ha scritto il 

  • 5

    travolgente

    letto tutto d'un fiato! avvolgente, coinvolgente. andrebbe letto da tutti, per la storia, per non dimenticare determinati eventi non risolti nel nostro paese avvenuti negli ultimi 60 anni. Lucarelli è una garanzia nei gialli, irrisolti o meno.

    ha scritto il 

Ordina per