Nuovo cinema (1965-2005)

Scritti in onore di Lino Miccichè

Editore: Marsilio

5.0
(2)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 221 | Formato: Altri

Isbn-10: 8831787012 | Isbn-13: 9788831787017 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Nuovo cinema (1965-2005)?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La Mostra internazionale del Nuovo cinema compie 40 anni e questo volume ne racconta la storia, ponendo al centro la figura del suo ideatore e fondatore, Lino Micciché. Attraverso i saggi degli studiosi che in questi anni hanno "fatto" il festival, il libro mira a offrire un quadro completo dei temi e delle cinematografie affrontate in più di quaranta edizioni. In appendice una completa bibliografia con tutti i volumi pubblicati dalla mostra, in grandissima parte editi con Marsilio. Il curatore del volume, Bruno Torri, insegna Storia del cinema italiano all'Università di Roma Tor Vergata.
Ordina per
  • 5

    realizzato in memoria di Lino Micciché (alla quale il cinema e i festival di cinema devono molto) costituisce una raccolta di saggi estremamente interessante, che stimola a riflettere su molte delle p ...continua

    realizzato in memoria di Lino Micciché (alla quale il cinema e i festival di cinema devono molto) costituisce una raccolta di saggi estremamente interessante, che stimola a riflettere su molte delle problematiche che investono l'estetica e l'industria cinematografica contemporanea. consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Nuovo cinema (1965-2005) a cura di Bruno Torri.

    L'impegno e l'amore profondo per il cinema di Miccichè e della "sua" mostra del Nuovo cinema di Pesaro. Una realtà unica in Italia e apprezzata a livello internazionale che ha dato visibilità e ha sap ...continua

    L'impegno e l'amore profondo per il cinema di Miccichè e della "sua" mostra del Nuovo cinema di Pesaro. Una realtà unica in Italia e apprezzata a livello internazionale che ha dato visibilità e ha saputo apprezzare movimenti cinematografici quali il cinema novo brasiliano, il documentario, la nouvelle vague, l'underground, il neorealismo e allo stesso tempo ha cercato di capire i meccanismi del cinema hollywoodiano e di crescere dall'esperienza (inizialmente traumatica) del '68. Una figura quella di Miccichè commovente nella sua incredibile passione e assolutamente poliedrica (è stato regista, critico, organizzatore, saggista, storico...).
    Raccontato da chi lavorava con lui, da chi gli era affezionato, da chi condivideva con lui la smodata passione per il cinema.

    ha scritto il