OUT 主婦殺人事件

By

Publisher: 臺灣東販股份有限公司

4.0
(2348)

Language: 繁體中文 | Number of Pages: 472 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , German , Spanish , Japanese , French , Dutch , Portuguese , Czech , Swedish

Isbn-10: 9574731049 | Isbn-13: 9789574731046 | Publish date:  | Edition 2

Translator: 林敏生

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like OUT 主婦殺人事件 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

  內容描述一群在便當工廠工作的婦女,聯手策畫一宗駭人的分屍案。晚上在工廠打工的彌生,因不堪好賭的丈夫長期精神及肉體上的虐待,憤而將其殺害,並由雅子等三名同事協助分屍。某日,屍塊在公園裡被發現,才揭露她們不為人知的一面...

Sorting by
  • 5

    Thriller davvero nero e tagliente, implacabile con i suoi personaggi. La scrittura è sempre lucida e scorrevole, quando entra nel dettaglio splatter l'effetto è un po' straniante, sembra quasi una cro ...continue

    Thriller davvero nero e tagliente, implacabile con i suoi personaggi. La scrittura è sempre lucida e scorrevole, quando entra nel dettaglio splatter l'effetto è un po' straniante, sembra quasi una cronaca dell'orrore. La base culturale-sociologica è distante e pertanto lo svolgimento sa essere sorprendente, soprattutto nel tirare le fila. Consigliatissimo, ça va sans dire

    said on 

  • 5

    Un romanzo cattivo, nero, spietato.
    Non c'è posto per i buoni sentimenti qui se li cercate andate a fare un giro altrove.
    Queste quattro casalinghe giapponesi sono terribilmente affascinanti, ciascuna ...continue

    Un romanzo cattivo, nero, spietato.
    Non c'è posto per i buoni sentimenti qui se li cercate andate a fare un giro altrove.
    Queste quattro casalinghe giapponesi sono terribilmente affascinanti, ciascuna a suo modo, ma anestetizzate rispetto ad ogni forma di buon sentimento.
    Cadaveri fatti a pezzi e infilati in sacchetti della spazzatura da smaltire o in pacchi da spedire, uomini che tradiscono, picchiano, uccidono, violentano a loro modo si innamorano, donne che si ribellano, che alzano la testa al punto da perdere di vista la linea di demarcazione tra bene e male e spietatamente agiscono e si auto convincono della giustezza delle loro azioni.
    Io l'ho trovato fantastico, scritto benissimo e ad effetto Bostik.
    Ma si sa, a me il noir piace parecchio..

    said on 

  • 3

    Du dù ,du daah ... Da-Datemi un coltello - Che cosa ne vuoi fare? - a-a-aah a-a-aah ,che rabbia mi fa! Du dù, du dah

    Non fatevi fuorviare dalla canzone interpretata dal famoso quartetto di Tokyo --->
    voce solista : Masako
    ai cori: : Yayoi ,Yoshie e Kuniko
    La storia è molto cupa, l'atmosfera è soffocante, tossica ,o ...continue

    Non fatevi fuorviare dalla canzone interpretata dal famoso quartetto di Tokyo --->
    voce solista : Masako
    ai cori: : Yayoi ,Yoshie e Kuniko
    La storia è molto cupa, l'atmosfera è soffocante, tossica ,opprimente ...
    Esistenze senza sapore - come le scatolette di cibo precotto che preparano in turni massacranti - estrema solitudine , vuoto affettivo, frustrazioni quotidiane
    Tutto questo ad un certo punto coagula in un folle , lucido furore omicida ...

    Una lettura davvero avvincente (ammazza! ) ,
    un gioco a incastri molto ben strutturato , una notevole caratterizzazione psicologica dei personaggi , un ritmo incalzante con svolte narrative sorprendenti e in alcune pagine...
    agghiaccianti , per crudezza ed efferatezza ( numeri splatter , di alta macelleria! )

    Sarebbero 4 stelle
    però, ecco, alla fine...
    sono diventate 3 stelle e mezza
    ...la colpa è di Masako-san (!) e del suo bisturi tascabile ,
    ZAC ! non ha potuto fare a meno di spezzare a metà la quarta stellina , di netto !
    ( infilata poi in un sacchetto ,con chissà quali frattaglie, in un cassonetto indifferenziato :) )

    said on 

  • 4

    Titolo rivelatore

    Colpisce la perversione, in tutti i campi, dei Giapponesi. Quindi non è tanto la letteratura ad essere indimenticabile qui, ma una mente che racconta ciò che c'è di malato in una comunità per molti ve ...continue

    Colpisce la perversione, in tutti i campi, dei Giapponesi. Quindi non è tanto la letteratura ad essere indimenticabile qui, ma una mente che racconta ciò che c'è di malato in una comunità per molti versi robotica nelle mansioni e quindi perversa nella vita privata. Ho avuto la fortuna di andare in Giappone e riesco quasi a visualizzare Satake e Masako, non mi sembrano per niente improbabili in quel contesto. Il libro quindi solleva un interrogativo, un qualunque altro scrittore con differenti origini, avrebbe potuto descrivere comportamenti malati con così tanta disinvoltura?

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    È un libro molto bello e molto interessante, privo di quella patina glam e della melassa che imperversa di questi tempi. Ma: SPOILER------------------------------------------>

    Ha la stessa caratterist ...continue

    È un libro molto bello e molto interessante, privo di quella patina glam e della melassa che imperversa di questi tempi. Ma: SPOILER------------------------------------------>

    Ha la stessa caratteristica che mi ha indispettito negli altri libri della Kirino: una narrazione che parte all'insegna del realismo e della critica sociale, che però finisce per avvitarsi e sfociare in un finale simbolico e vago. Mi indispone perché lo trovo anticlimatico, perché ho seguito le lotte quotidiane e feroci di persone vere, ma mi ritrovo con un'immagine simbolica che non chiude davvero il loro arco narrativo. In questo caso è così specialmente per Masako (e in misura minore anche per Yoshie): una donna infelice ma energica e lucida, che nel finale si lascia trascinare in uno gioco erotico psicotico e si dirige verso un futuro incerto.

    said on 

  • 5

    Quattro piccole giapponesi...

    Raro trovare riuniti in un solo romanzo un così fine approfondimento psicologico e una storia piena di snodi e colpi di scena, sullo sfondo di una società, quella della metropoli orientale, fredda e d ...continue

    Raro trovare riuniti in un solo romanzo un così fine approfondimento psicologico e una storia piena di snodi e colpi di scena, sullo sfondo di una società, quella della metropoli orientale, fredda e distante, in cui il culto dell'apparenza e del rispetto delle tradizioni trascende persino i rapporti familiari. Le Quattro Casalinghe (che casalinghe non sono, almeno nell'accezione comune del termine, visto che lavorano fuori casa, tanto che si sarebbe potuto intitolarlo le quattro colleghe di Tokio) sono, come le famose famiglie di Tolstoj, ciascuna infelice a modo suo. Ma la loro non è una condizione disgraziata di persone perseguitate dalla sfortuna, bensì, da quello che traspare dalle righe del romanzo, la condizione di tutte le donne costrette a fare lavori pesanti, chi per mantenere una famiglia ingrata, chi per sopperire alle mancanze del marito, chi perché costretta dalla propria inettitudine e chi, infine, perché disgustata dai compromessi che richiede un lavoro regolare gomito a gomito con gli uomini. La frustrazione, la rabbia, la forza nascosta di queste donne erompono improvvisamente ma, anziché diventare un'occasione di riscatto, si trasformano in un vortice distruttore che le trascina inesorabilmente sempre più in basso, fino alla perdita di tutto il poco che avevano; i residui affetti, la rispettabilità, la volontà di vivere. Per me un romanzo grandioso. che racconta con inaudita schiettezza il declino della famiglia e la disintegrazione del tessuto sociale.

    said on 

  • 4

    Espléndida novela negra japonesa con un argumento muy complejo y bastante original, que parte de un crimen doméstico y que se complicará más tarde con todo tipo de incidentes siniestros y misteriosos. ...continue

    Espléndida novela negra japonesa con un argumento muy complejo y bastante original, que parte de un crimen doméstico y que se complicará más tarde con todo tipo de incidentes siniestros y misteriosos.
    La historia que cuenta Out es, en realidad, una mezcla de inquietante thriller con tintes un poco gore, y una crítica política de los problemas de discriminación laboral y social de las mujeres japonesas contemporáneas.
    Es también un cuento con moraleja, que habla entre otras cosas de las formas de gestionar la economía personal. Es curioso que en esta fábula parecen castigarse más la avaricia y la vanidad que la violencia y el crimen.
    Lo mejor: Unos personajes con personalidad y vida propìa y una forma de narrar que atrapa desde las primeras páginas.Me ha gustado mucho, creo que esta autora tiene mucho que aportar a la novela negra y estoy deseando leer la otra novela suya publicada en España: Grotesco.

    said on 

  • 3

    Non me lo aspettavo.

    Il titolo mi aveva spinta verso la direzione del romanzo,della storia vissuta con la realtà del Giappone. Invece troverete un thriller che poco alla volta diventerà sempre più appassionante,fino a non ...continue

    Il titolo mi aveva spinta verso la direzione del romanzo,della storia vissuta con la realtà del Giappone. Invece troverete un thriller che poco alla volta diventerà sempre più appassionante,fino a non potervi più staccare dalle pagine del libro e arrivare alla fine.
    A tratti troppo ricco di particolari,ma nel complesso un ottimo libro.

    said on 

  • 3

    E' la storia di quattro signore di diverse età che condividono situazioni familiari disastrate ed un lavoro notturno come confezionatrici di pasti pronti.
    Poi accade un fattaccio e le vicende assumono ...continue

    E' la storia di quattro signore di diverse età che condividono situazioni familiari disastrate ed un lavoro notturno come confezionatrici di pasti pronti.
    Poi accade un fattaccio e le vicende assumono i toni del thriller macabro, dove il macabro avviene però quasi sempre fuori fuoco, in bilico costante tra il vedo/non vedo, il dico/non dico.
    Chi cercasse un romanzo dal respiro giapponese sappia che, ambientazione a parte, dal punto di vista narrativo il libro è molto più vicino ai modelli occidentali che a quelli del paese del sol levante.
    Scorrevole, con una buona atmosfera che evoca le notti delle periferie di una grande megalopoli, con una buona caratterizzazione dei personaggi principali, con i quali è facile empatizzare nonostante la loro natura borderline, una trama che funziona, priva di momenti morti, e un finale ben scritto, al quale si arriva in maniera credibile ed organica.

    said on 

  • 4

    Noir ad alta tensione

    Questo è il classico romanzo che si legge tutto d'un fiato ma...è meglio che non lo facciate. E' meglio che lo leggiate a piccole dosi perché può realmente fregarvi il cervello e farvi avere degli inc ...continue

    Questo è il classico romanzo che si legge tutto d'un fiato ma...è meglio che non lo facciate. E' meglio che lo leggiate a piccole dosi perché può realmente fregarvi il cervello e farvi avere degli incubi sui quali David Lynch potrebbe costruire l'intero plot per gli agognati episodi della nuova serie su Twin Peaks.
    Quattro squilibrate mentali (e mi mantengo gentile..) lavorano al turno di notte in una fabbrica che produce cibi precotti. Quattro donne che vengono descritte minuziosamente nelle loro psicologie, nei loro rapporti sociali, nella loro condizione esistenziale. Ed è proprio questa la caratteristica predominante del romanzo che ha l'enorme merito di farti percepire odori, sentimenti, luoghi in cui queste donne (e non solo loro) si trovano collocate. Kirino trattegia con una "precisione chirurgica" personaggi e ambienti in una storia noir davvero molto ben scritta e molto avvincente fino ad un inspiegabile, a mio avviso, finale, dove seppur nel nome di una ricercata/voluta libertà si perde un po' il bandolo della matassa, andando a giustificare comportamenti inspiegabili e cambiamenti di rotta fin troppo estremi, in nome della utopica distinzione fra colpevoli e carnefici.

    said on 

Sorting by