Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

O Rapaz de Olhos Azuis

Por

Editor: Edições Asa

3.4
(269)

Language:Português | Number of Páginas: 432 | Format: Others | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Italian , Spanish , Polish

Isbn-10: 9892310004 | Isbn-13: 9789892310008 | Data de publicação: 

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like O Rapaz de Olhos Azuis ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Ele conhece-a há uma eternidade e, contudo, ela nunca o viu. É como se fosse invisível para a mulher que ama. Mas ele vê-a a ela: o cabelo; a boca; o rosto pequeno e pálido; o casaco vermelho-vivo na neblina matinal, como algo saído de um conto de fadas.
Até agora, ele nunca se apaixonou. Assusta-o um pouco: a intensidade dessa emoção, a maneira como o rosto dela se intromete nos seus pensamentos, a maneira como os seus dedos traçam o nome dela, a maneira como tudo, de algum modo, conspira para que ela nunca lhe saia da cabeça…
Ela não sabe de nada, claro. Tem um ar muito inocente, com o seu casaco vermelho e o seu cesto. Mas por vezes os maus não se vestem de preto e por vezes uma menina perdida na floresta é bem capaz de fazer frente ao lobo mau...
Sorting by
  • 5

    La storia di blueeyedboy sarà vera o falsa?

    Questo romanzo è tutto il contrario di tutto, le vicende s'intrecciano, si complicano, si disinnescano da sole in un crescendo di pathos che a un certo punto diviene difficile da sopportare.
    Il protag ...continuar

    Questo romanzo è tutto il contrario di tutto, le vicende s'intrecciano, si complicano, si disinnescano da sole in un crescendo di pathos che a un certo punto diviene difficile da sopportare.
    Il protagonista si fa chiamare blueeyedboy e ha fondato un forum di cattivissimi, inaccessibile alla polizia dove tutti si scambiano fantasie e racconti di vera perfidia. Il forum si divide in vari blog, tra i quali il suo e vengono riportati anche i commenti (perfino di utenti infiltratisi e dediti all'insulto facile).
    Blueyedboy ammette di aver commesso un assassinio dietro l'altro con una freddezza lucida da far accapponare la pelle però poi ritratta affermando che sul web la realtà si può confondere con la fantasia per cui egli può non aver commesso tutte quelle atrocità, può essere innocente come tutti gli altri visitatori del forum.
    A un certo punto però la trama s'infittisce. Infatti Blue eyed boy non è chi esattamente ha dichiarato di essere e questa cosa sconvolge gli equilibri del forum in un modo tale che...
    Consigliata la lettura. La Harris sa scrivere in maniera magnifica, catturare la tua attenzione e farti vedere solo quello che vuole lei. Il romanzo è ricco di suspance e i colpi di scena, uno dietro l'altro e la realtà viene svelata solo nelle ultime 10 pagine.

    dito em 

  • 1

    Delusione

    Lungo, noioso, senza un minimo di pathos o un qualcosa che rendesse meno straziante la lettura di questo libro. La suddivisione del racconto tramite blog che poteva essere un'idea interessante si è ri ...continuar

    Lungo, noioso, senza un minimo di pathos o un qualcosa che rendesse meno straziante la lettura di questo libro. La suddivisione del racconto tramite blog che poteva essere un'idea interessante si è rivelata alla fine un'allungamento (inutile) del brodo .

    dito em 

  • 4

    Molto combattuta sulla valutazione da dare a questo libro.
    La Harris scrive incredibilmente bene e la struttura narrativa è originale. Un buonissimo prodotto, una lettura piacevole e godibile con pare ...continuar

    Molto combattuta sulla valutazione da dare a questo libro.
    La Harris scrive incredibilmente bene e la struttura narrativa è originale. Un buonissimo prodotto, una lettura piacevole e godibile con parecchie frasi degne di nota. Ho notato però che la sua voglia di ingarbugliare la trama ha fatto sì che si ingarbugliasse lei nel narrarla, dando la vita ad alcuni punti veramente confusi che non fanno venire voglia di proseguire con la lettura, facendo comparire nella mente del lettore un gran punto interrogativo. Tiene viva, però, la curiosità di andare fino in fondo con la lettura, il che significa che la storia di per sé è intrigante e interessante. Forse, appunto, troppo forzatamente complessa in alcune parti.

    dito em 

  • 4

    Avevo già letto qualche libro di Joanne Harris, trovandola interessantisima ma spesso difficile da seguire e confesso che in questo caso ho pensato più volte di non continuare la lettura perché alcune ...continuar

    Avevo già letto qualche libro di Joanne Harris, trovandola interessantisima ma spesso difficile da seguire e confesso che in questo caso ho pensato più volte di non continuare la lettura perché alcune situazioni erano davvero ingarbugliate e ai limiti della noia. Per fortuna ho continuato, perché dopo un terzo di libro un po' pesante, si entra nel vivo della vicenda e non si riesce più a smettere.

    dito em 

  • 4

    un grosso punto interrogativo

    Confesso che ho letto questo libro ,perchè innamorata dell'altro libro dell'autrice "choccolat". L'ho acquistato solo ora anche se volevo farlo da quando anni fa è uscito ,dopo aver letto una recensi ...continuar

    Confesso che ho letto questo libro ,perchè innamorata dell'altro libro dell'autrice "choccolat". L'ho acquistato solo ora anche se volevo farlo da quando anni fa è uscito ,dopo aver letto una recensione su La Repubblica.
    In sè il libro mi è piaciuto ,ma l'ho trovato contorto,ogni volta che pensavo di aver capito chi fosse Blueyedboy ,poi tutto si capovolgeva e forse ancora ora ho dei seri dubbi di chi sia relamente l'omicida ,se un omicida c'era per davvero o se tutto faceva parte delle fiction che il protagonista scriveva sul blog.
    Forse la Harris avrebbe dovuto scrivere qualcosa di meno contorto e più probabile ,il protagonista ti sembra una persona poi all'improvviso sembra togliersi la maschera e diventare un altro (un pò Totò Diabolicus,per chi l'ha visto),insomma tutti in questo libro diventano qualcun altro .Mentre lo leggevo pensavo potrebbe essere una buona trama per un film ,ma poi ho relaizzato che più che un thriller ,sarebbe sembrato una parodia .Insomma continuo a preferire "Choccolat".

    dito em 

  • 4

    originale ed assolutamente diverso da chocolat ed altri romanzi dell'autrice.
    attraverso l'uso del blog la vicenda si svolge come un grande puzzle, i cui pezzi si incastrano mano a mano che la vicenda ...continuar

    originale ed assolutamente diverso da chocolat ed altri romanzi dell'autrice.
    attraverso l'uso del blog la vicenda si svolge come un grande puzzle, i cui pezzi si incastrano mano a mano che la vicenda evolve.un gioco di specchi, dove non sempre è così limpido il confine fra realtà e fiction e chi sia chi.

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    2

    Voglio dire, io amo i libri che m'insegnano qualcosa che ancora non so, e qui trapela la Sinestesia di cui non sapevo nulla, poteva a mio parere trattare l'argomento con una storia più emozionante, an ...continuar

    Voglio dire, io amo i libri che m'insegnano qualcosa che ancora non so, e qui trapela la Sinestesia di cui non sapevo nulla, poteva a mio parere trattare l'argomento con una storia più emozionante, anzichè unire un'argomento interessante a una vicenda per me sciocca

    dito em 

  • 3

    giallo prospettico mi pare che si dica. su di un blog un uomo scrive le sue fantasie omicide,qualcuno si limita a commentare, qualcuno continua le sue storie.il punto centrale è il rapporto morboso tr ...continuar

    giallo prospettico mi pare che si dica. su di un blog un uomo scrive le sue fantasie omicide,qualcuno si limita a commentare, qualcuno continua le sue storie.il punto centrale è il rapporto morboso tra un bambino,poi uomo, e sua madre.nessuno è chi crediamo che sia e alla fine del libro molti punti restano oscuri.libro scritto indubbiamente bene,storia strana, in alcuni punti difficile da digerire, con un finale però veramente deludente.la morale forse potrebbe essere:siamo prigionieri più di noi che di chi ci tiene imprigionati

    dito em 

Sorting by