Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

O Senhor das Moscas

By William Golding

(3)

| Hardcover | 9788589665186

Like O Senhor das Moscas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1404 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il signore delle mosche

    Un libro con un ritmo in crescendo di angoscia... dall'adagio all'andante con brio!!
    La descrizione cruda a veritiera delle due facce tipiche di un assetto societario, ma formato solamente da bambini. Non per questo meno veri, anzi, proprio per quest ...(continue)

    Un libro con un ritmo in crescendo di angoscia... dall'adagio all'andante con brio!!
    La descrizione cruda a veritiera delle due facce tipiche di un assetto societario, ma formato solamente da bambini. Non per questo meno veri, anzi, proprio per questo puri e semplici.
    Lascia aperto qualche interrogativo, come se per esempio alla fine i ragazzi vogliano o meno tornare indietro, ma... visto lo stile del libro, è coerente.
    Davvero fantastico, da leggere.

    Is this helpful?

    Vicky said on Oct 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La perdita dell'innocenza, la natura come detonatore degli istinti, l'impossibilità dell'educazione e dell'esperienza come filtro per le furie primordiali, il male come connaturale all'uomo.
    In un unico romanzo tutta una serie di intuizioni, tanto pr ...(continue)

    La perdita dell'innocenza, la natura come detonatore degli istinti, l'impossibilità dell'educazione e dell'esperienza come filtro per le furie primordiali, il male come connaturale all'uomo.
    In un unico romanzo tutta una serie di intuizioni, tanto profonde quanto grevi.
    I protagonisti di un simile pessimista ritorno alla natura?
    Dei ragazzini nemmeno adolescenti!

    Is this helpful?

    Libero Rossotti said on Oct 9, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Delusione totale

    Ho tentato con estrema fatica di proseguire con la lettura, ma ho mollato la presa a metà libro. Non mi ha appassionato per niente. L'ambientazione troppo descrittiva, la storia noiosa e ripetitiva. Peccato, perché ero carico di aspettative dopo aver ...(continue)

    Ho tentato con estrema fatica di proseguire con la lettura, ma ho mollato la presa a metà libro. Non mi ha appassionato per niente. L'ambientazione troppo descrittiva, la storia noiosa e ripetitiva. Peccato, perché ero carico di aspettative dopo aver letto le altre recensioni e soprattutto per i temi trattati. Se avete amato (al contrario di me) la serie tv "Lost", questo libro probabilmente farà al caso vostro. Libri distopici come "1984" e "IL MONDO NUOVO" sono di un altro pianeta.

    Is this helpful?

    Doctor R. said on Oct 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mediocre riflessione sulla natura umana

    Rientra nella categoria di quelle opere letterarie scritte in forma di romanzo ma che si propongono di veicolare messaggi a mo' di saggio.
    La riflessione sulla natura umana di Golding è però di scarso valore ed impallidisce di fronte ad opere che si ...(continue)

    Rientra nella categoria di quelle opere letterarie scritte in forma di romanzo ma che si propongono di veicolare messaggi a mo' di saggio.
    La riflessione sulla natura umana di Golding è però di scarso valore ed impallidisce di fronte ad opere che si propongono simili obiettivi (penso, in particolare, a "Cecità" di Saramago).

    Is this helpful?

    Lorenzo Azzi said on Oct 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    "Si tratta di decidere sulla paura [...] Bisogna che parliamo di questa paura, e che decidiamo ch'è fatta di nulla. Ho paura anche io, qualche volta, ma è solo una sciocchezza! Poi quando avremo deciso, potremo ricominciare a badare alle cose importanti"

    La paura di un luogo sconosciuto. La paura della solitudine. Ma soprattutto la paura di se stessi. Questo libro mostra i lati più oscuri dell’animo umano, quelli più bestiali, che per quanto possiamo tenere sopiti, fanno parte di ognuno di noi. La ra ...(continue)

    La paura di un luogo sconosciuto. La paura della solitudine. Ma soprattutto la paura di se stessi. Questo libro mostra i lati più oscuri dell’animo umano, quelli più bestiali, che per quanto possiamo tenere sopiti, fanno parte di ognuno di noi. La razionalità di Ralph e l’intelligenza di Piggy in contrapposizione all’istintività di Jack e alla bestialità di Roger. Sebbene fra questi personaggi sembri delinearsi la lotta fra Bene e Male, in realtà la vera lotta risiede in ciascuno di loro, se lasciarsi abbandonare ai propri istinti primordiali o mantenere un minimo di integrità morale, umana. In questo quadro la figura di Simon è forse quella meno definibile, pertanto più complessa: il “tocco” del gruppo, il pazzo che invece è il primo a capire come il vero mostro sia dentro di noi, ma allo stesso tempo è proprio nella sua follia a realizzarlo, nei suoi dialoghi con il Signore delle Mosche; eppure non perde la speranza, è in preda alla paura come tutti gli altri ma non vuole, non può credere all’esistenza di un mostro nella foresta.

    Certo il quadro che dipinge Golding è tutt’altro che ottimista, non solo se ci lasciamo dominare dagli istinti primordiali e feroci del nostro essere, ma anche perché coloro che dovrebbero rappresentare i “buoni” sono dipinti negativamente: l’intelligenza di Piggy è sovrastata dalla sua perenne incapacità di instaurare una semplice amicizia; la razionalità di Ralph risulta molto spesso inutile in quanto non è in grado di coinvolgere gli altri, il gruppo va avanti sotto la sua guida solo per inerzia; i due Sammeric sono dipendenti l’uno dall’altro, incapaci di prendere una decisione, di imporsi,in completa balìa della figura più influente di turno seppur in completo disaccordo con questa; come abbiamo già detto la lucidità e l’intuizione di Simon è costantemente minata dalla sua follia. Inoltre, è vero che ciascuno di loro non partecipa alla danza, ma è anche vero che i due Sammeric non erano presenti, Piggy e Ralph in realtà si sono ritrovato fuori dalla danza, in quanto non appartenenti alla tribù da poco formata, ma entrambi sentono il desiderio di farne parte.

    Anche se si tratta di un semplice racconto con protagonisti dei bambini, è spiazzante con quale crudezza Golding riesce a descrivere la ferocia e la violenza inaudita che caratterizza i passaggi più cruenti della storia. Impossibile rimanere impassibili di fronte alla morte di Simon, una delle scene più agghiaccianti che abbia mai letto. Un libro che fa paura, sia per l’atmosfera che l’autore riesce a creare, rendendo terrorizzante la semplice ombra di una palma, sia nel realizzare cosa saremmo in grado di fare se dessimo sfogo ai nostri istinti più bassi.

    Is this helpful?

    Clint said on Oct 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il libro va in crescendo, ho preferito la seconda metà alla prima;
    Il modo in cui i personaggi si trasformano dall'essere bambini a selvaggi senza scrupoli mi ha inquietato in certi momenti.

    Se lo si legge come semplice romanzo di intrattenimento ce ...(continue)

    Il libro va in crescendo, ho preferito la seconda metà alla prima;
    Il modo in cui i personaggi si trasformano dall'essere bambini a selvaggi senza scrupoli mi ha inquietato in certi momenti.

    Se lo si legge come semplice romanzo di intrattenimento certamente c'è di meglio in giro; Ciò che gli da valore e lo rende interessante è l'allegoria sulla natura umana;
    Come si comporterebbero gli uomini se fossero totalmente liberi,privi di condizionamenti morali/sociali (come i bambini) e senza un'autorità superiore a cui rispondere? (assenza di adulti sull'isola)

    Is this helpful?

    Davide009 said on Sep 27, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book