Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

O apanhador de sonhos

Por

Editor: Objetiva

3.3
(2679)

Language:Português | Number of Páginas: 656 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , French , Spanish , Italian , German , Dutch , Chi simplified , Greek , Czech , Catalan , Polish , Romanian , Russian , Swedish

Isbn-10: 8573024186 | Isbn-13: 9788573024180 | Data de publicação:  | Edition 1

Translator: José Arantes

Também disponível como: eBook

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like O apanhador de sonhos ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
O "Apanhador de sonhos" une, numa mesma história, terror, amizade e ficção científica. O cenário é a pacata cidade de Derry, no Maine, estado onde mora Stephen King e eleito pelo escritor para ilustrar grande parte de suas mais famosas tramas. E é lá que quatro garotos presenciam uma cena chocante - Duddits, um menino portador de síndrome de Down, é torturado por uma gangue de adolescentes. Num ato de coragem os quatro conseguem salvar a vida do indefeso menino. O que os amigos não ficam sabendo é que Duddits é um menino especial, com poderes para penetrar na mente de outras pessoas e compartilhar pensamentos e lembranças. Uma espécie de apanhador de sonhos. Em pouco mais de duas décadas, esse encontro será fundamental para salvar a vida de toda uma cidade.
Sorting by
  • 3

    Non consigliato

    Bel libro, ma troppo lungo per me. Soprattutto la parte intermedia è troppo lenta (tanto per far rovinare il libro, iniziato alla grande). Poi verso la fine tutto ritorna veloce, per poi deludere ...continuar

    Bel libro, ma troppo lungo per me. Soprattutto la parte intermedia è troppo lenta (tanto per far rovinare il libro, iniziato alla grande). Poi verso la fine tutto ritorna veloce, per poi deludere con il finale.

    dito em 

  • 2

    Un'occasione mancata

    Quattro amici d’infanzia uniti da uno straordinario legame si ritrovano ogni anno in novembre x una battuta di caccia nei boschi del Maine. Un uomo, sfinito e molto sofferente, arriva alla loro ...continuar

    Quattro amici d’infanzia uniti da uno straordinario legame si ritrovano ogni anno in novembre x una battuta di caccia nei boschi del Maine. Un uomo, sfinito e molto sofferente, arriva alla loro baita e viene soccorso. Pessima idea: il visitatore non è solo malato, ma il suo corpo ospita un orribile parassita alieno, portatore di una spaventosa epidemia. Un’astronave si è schiantata nella foresta, e gli extraterrestri, capaci di comunicazione telepatica, vogliono impossessarsi del corpo e della mente degli umani. L’esercito ricorre a drastiche misure x fronteggiare l’emergenza, ma non saranno i militari a salvare la Terra. Determinante, come in altri libri di King, un portatore di handicap che, avendo esternamente qualcosa meno degli altri, ha però il dono di una vista interiore che diventa un tramite salvifico. Storia ad altissima tensione negli eventi alla baita e nei boschi, forse il più avvincente racconto di assoluto horror mai scritto da King. Poi però la storia diventa confusa, a tratti anche noiosa, con continui flashback, non si capisce più chi sia chi, ritorna il gruppo degli eroici Buoni uniti nella lotta del Bene contro il Male, la Persona Speciale che sola può salvare il mondo, il sacrificio supremo x il bene comune. Scritto subito dopo il terribile incidente che è quasi costato la vita a King, questo è un racconto sul dolore fisico, nelle vittime dell’epidemia, nella malattia di Duddits, e quasi autobiografico in Jonesy. Un mondo confuso e nebbioso, in equilibrio precario tra squarci di realtà, lampi di dolore e ottundimento della percezione. Decisamente antimilitarista, il romanzo ricalca gli esordi di Richard Bachman: un governo cinico e crudele vuole privare i cittadini del libero arbitrio, ma la ribellione dei Giusti porta alla moralistica e scontata conclusione. Peccato, un’occasione mancata.

    dito em 

  • 4

    più che la trama in sè, spettacolare e toccante il rapporto umano che lega 4 ragazzi ad un amico tanto speciale, così speciale che anche la vita normale, con i suoi guai, i suoi problemi e le sue ...continuar

    più che la trama in sè, spettacolare e toccante il rapporto umano che lega 4 ragazzi ad un amico tanto speciale, così speciale che anche la vita normale, con i suoi guai, i suoi problemi e le sue vicissitudini riesce ad affievolire, ma mai a cancellare. Splendido Ovvio, senza contare una visione degli alieni decisamente interessante! Attenti al Byrus!

    dito em 

  • 4

    A me è sempre piaciuto parecchio...

    Letto (finalmente) in inglese dopo averlo letto diverse volte in italiano, devo dire che il mio apprezzamento per questo che è uno dei romanzi generalmente meno amati del Re, resta e ne esce anzi ...continuar

    Letto (finalmente) in inglese dopo averlo letto diverse volte in italiano, devo dire che il mio apprezzamento per questo che è uno dei romanzi generalmente meno amati del Re, resta e ne esce anzi rinforzato: non sarà il suo più grande capolavoro ma da qui a dire che sia un lavoro inutile ce ne passa...

    Quattro amici, quattro persone speciali e la loro amicizia condivisa sin dall'adolescenza con una persona veramente speciale: Duddits, che 'vede la riga'. Ogni anno, memori di tale amicizia, i quattro si riuniscono per andare a caccia, in relax, vicino all'Hole in the Wall, una baita che da sempre è stato il loro punto di ritrovo. Ma quest'anno le cose vanno diversamente e ben presto si trovano coinvolti in qualcosa che non riescono pienamente a capire. Mentre stanno completando i preparativi, strani fatti apparentemente scollegati tra loro cominciano ad accadere nella zona e ben presto (troppo presto) Beav, Jonesy, Henry e Pete si trovano in una situazione senza scampo: costretti a difendersi da qualcosa che ancora non capiscono appieno e, allo stesso tempo, dalla tipica follia militare umana, obbligati a rincorrere un loro (forse ex) amico che minaccia l'umanità, i quattro troveranno nella loro amicizia e nel rapporto che li lega a Duddits la forza per contrastare la follia che imperversa nei boschi...

    La storia è molto semplice e veramente coinvolgente e, come capita spesso con King, il lato horror presente è (quasi) solo uno sfondo per ambientare le "storie umane" che gli riescono tanto bene: l'amicizia dei quattro, il loro rapporto con Duddits, l'analisi psicologica di Jonesy e di Mr. Gray e diverse considerazioni sul mondo umano e sul rapporto con l'ambiente che lo circonda fanno di questo (bistrattato) romanzo, un'opera valida di un King che, particolare non trascurabile, aveva appena rischiato di morire in un incidente stradale...

    ps. grazie Ele per il regalo! :)

    dito em 

  • 3

    Definitivamente no es mi libro favorito de Stephen King y comprendí a muchos de sus detractores que mencionan que a veces sus libros son demasiado largos y tienen detalles necesarios. Generalmente ...continuar

    Definitivamente no es mi libro favorito de Stephen King y comprendí a muchos de sus detractores que mencionan que a veces sus libros son demasiado largos y tienen detalles necesarios. Generalmente no comparto esa opinión, pues para mí en los libros de King hay metáforas e historias importantes en tanto que emulan la cotidianeidad de la vida humana, pero en este, sinceramente, sí me pareció que hubo muchas cosas innecesarias.

    Al estar narrado desde diversos puntos de vista y retomar hechos que se mencionaban en otros, aunque facilitó la comprensión de la trama, un tanto complicada y enredada, también hizo el libro muy lento, pues ya sabíamos qué le pasaba a tal o cual personaje y sin embargo, teníamos que volver a leerlo desde su punto de vista, lo que alargó el libro más de lo necesario y todo sin que se supiera, hasta casi más de la mitad, cuál era la trama principal y se hiciera siquiera una alusión al título.

    Cuando digo que la trama es complicada y enredada no me refiero a que sea un tratado teológico o filosófico, sino que está escrito de una manera un poco confusa, en la que se mezclan los sueños, los extraterrestres y la percepción extrasensorial; si bien todo esto cobra sentido al final del libro, durante su lectura resulta desconcertante y por ende, añade un poco más de frustración a la lectura.

    Ahora, en cuanto a los puntos buenos: como siempre, la narración. Stephen King tiene una manera única de crear un estilo narrativo nuevo y aún así único de su persona para cada historia que nos regala y por ello, los personajes que crea también resultan únicos como seres humanos que parecen calcados de la realidad. En ese sentido, King no decepciona, por lo que el conflicto humano de la amistad, la lealtad, el amor y el compañerismo, así como otras cosas más "desagradables" de la especie, se muestran como contrapartida de los extraterrestres, dándonos una metáfora la mar de interesante sobre nuestra propia humanidad.

    Repito que no es mi favorito, pero tampoco es malo. Si bien no lo recomendaría como primera lectura de King y sí a fans acérrimos o un poco más acostumbrados a sus temas sobrenaturales y en este caso, sobrehumanos.

    dito em 

  • 3

    Esencia del sr.King

    Una vez más, la novela me ha recordado quien la escribe..... tiene su huella. Novela que a pocas páginas del final se le va un poco. Pese a eso, los protagonistas me han trenido entretenida con la ...continuar

    Una vez más, la novela me ha recordado quien la escribe..... tiene su huella. Novela que a pocas páginas del final se le va un poco. Pese a eso, los protagonistas me han trenido entretenida con la historia de su vida cuando eran adolescentes.

    dito em 

Sorting by