Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

O carteiro de Pablo Neruda: ardente paciência

Por

3.9
(3065)

Language:Português | Number of Páginas: 172 | Format: Others | Em outros idiomas: (outros idiomas) Spanish , English , Italian , German , Polish , French

Isbn-10: 9726952514 | Isbn-13: 9789726952510 | Data de publicação: 

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like O carteiro de Pablo Neruda: ardente paciência ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Sorting by
  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    5

    Leggere questo romanzo è stato come leggere una poesia in un crescendo di emozioni che coinvolgono completamente il lettore nella storia di Mario, il timido postino diciassettenne e della sua amicizia Pablo Neruda, il poeta, il vate, il Premio Nobel per la Letteratura, il candidato alla preside ...continuar

    Leggere questo romanzo è stato come leggere una poesia in un crescendo di emozioni che coinvolgono completamente il lettore nella storia di Mario, il timido postino diciassettenne e della sua amicizia Pablo Neruda, il poeta, il vate, il Premio Nobel per la Letteratura, il candidato alla presidenza del Cile e l'ambasciatore poi a Parigi del Presidente Salvador Allende.
    La storia è ambientata in un villaggio di pescatori a Isla Nigra, nel Sud del Cile alal fine degli anni Sessanta: qui il mare, esce da sé a ogni istante, in azzurro, in schiuma, in galoppo. Non può stare tranquillo.
    Un'isola che il suono delle campane fa vibrare:
    non c'è nulla che suoni come la parola campana, se l'appendiamo in un campanile accanto al mare.
    E poi gli scogli, il frangersi delle onde, i gabbiani, il silenzio delle stelle siderali.
    Ma quel giorno, benché le onde fossero molte, il mezzodì immacolato, l'arena molle e la brezza lieve, non fiorì alcuna metafora per Mario. Tutto ciò che nel mare era eloquenza, in lui fu mutismo. Una così risoluta afonia che al paragone persino le pietre gli parvero logorroiche.
    A giocare con gli ossidati pupazzi azzurri c'era la ragazza più bella che ricordasse di aver veduto: Beatriz, la fanciulla con gli occhi color caffè.
    Beatriz, come la Beatrice di Dante.
    Si,perché tutte le Beatrice hanno sempre fatto innamorare i poeti e gli uomini, gli spiega Neruda.
    E Mario guarda la sua Beatriz e si innamora in silenzio di quel sorriso che si espande come una farfalla.
    La sua prima metafora: le metafore gliele ha insegnate il poeta. In fondo tutto il mondo con il vento, i mari, gli alberi, le montagne, il fuoco, gli animali, le case, i deserti, le piogge è una metafora di qualcosa.
    A Mario, il postino con la bicicletta, piacerebbe essere poeta, perché se fosse poeta potrebbe dire quello che vuole, ma siccome non è poeta, non sa che cosa vuole dire.
    Ma presto impara che le parole bisogna assaporarle. Bisogna lasciare che si sciolgano in bocca.
    Quando la spieghi, la poesia diventa banale. Meglio delle spiegazioni, è l'esperienza diretta delle emozioni che può raccontare la poesia ad un animo disposto a comprenderla.
    La poesia non è di chi la scrive, ma di chi se ne serve, è convinto Mario.
    La poesia è un modo per sognare e Mario è un sognatore,lo sguardo sempre rivolto all’orizzonte, verso quel mare dove è cresciuto e dove ha imparto, grazie a Neruda, il senso più profondo della vita, uscendo dalla mediocrità,divenendo più uomo, più sensibile, più capace.
    E diverrà testimone coraggioso di ciò che accade dopo la morte di Allende e la dittatura.

    dito em 

  • 4

    La trama è semplice, il titolo dice quasi tutto: è il 1969 e il 17-enne Mario Jimenéz viene assunto come postino per portare la posta a un unico cliente, il famoso poeta Pablo Neruda nella sua abitazione di Isla Negra. L'ammirata soggezione del ragazzo non gli impedisce di tentare di entrare in c ...continuar

    La trama è semplice, il titolo dice quasi tutto: è il 1969 e il 17-enne Mario Jimenéz viene assunto come postino per portare la posta a un unico cliente, il famoso poeta Pablo Neruda nella sua abitazione di Isla Negra. L'ammirata soggezione del ragazzo non gli impedisce di tentare di entrare in confidenza con la celebrità e così s'instaura una sorta di rapporto a metà tra confidenza e sopportazione (da parte di Neruda), costruito tra discussioni sulla poesia e i tentativi di Mario di conquistare la bella Beatriz, in cui il poeta svolgerà una sorta di ruolo di mentore.
    Bello. Bello perché lo stile è veloce, ironico, scorrevole ma anche lirico e poetico. Bello perché la storia è lineare, semplice, leggera ma anche commovente in certi tratti. Bello perché al fondo della spensieratezza si può cogliere l'amaro della malinconia e il finale spegne il sorriso che ti sei portato dietro per tutta la storia.
    Voto: 8,5

    dito em 

  • 3

    Spanish Tales - 07 set 14

    Un altro bello anche se non eccellentissimo romanzo. Di quelli che una volta farebbero piangere lacrime a fiumi. Per la storia in sé. E per il suo contesto, cioè quel bello e dolentissimo film che se-gnò l’ultima apparizione di Troisi, morto poche ore dopo la fine delle riprese. Sono 20 anni che ...continuar

    Un altro bello anche se non eccellentissimo romanzo. Di quelli che una volta farebbero piangere lacrime a fiumi. Per la storia in sé. E per il suo contesto, cioè quel bello e dolentissimo film che se-gnò l’ultima apparizione di Troisi, morto poche ore dopo la fine delle riprese. Sono 20 anni che Massimo c’ha lasciato, ma il suo ricordo è sempre lì, o qui nella memoria. Ma il contesto è anche il Cile dell’85, dodici anno dopo il colpo di stato militare. Ed allora, dimentichiamoci il film (anche se quella prima apparizione della Cucinotta…), e veniamo al veloce romanzo breve. Sicuramente tor-neremo sulla sciagurata traduzione del titolo alla fine di questa trama. La storia in realtà è breve come il romanzo. C’è Mario, ragazzo di 17 anni, sognatore, senza arte né parte. Siamo nel 1969, e siamo ad Isla Negra (che non è un’isola ma una località ad un centinaio di chilometri da Santiago), dove per decenni ha eletto la sua residenza Pablo Neruda (che in realtà non si chiamava né Pablo né Neruda, ma Ricardo Neftalì Reyes Basoalto). Mario ha solo una bicicletta, e per questo viene assunto come postino. Con un unico cliente, appunto il poeta, dato che nessuno riceve lettere ad Isla. Il rapporto tra i due si fa prima di sguardi, poi di timide avances di Mario, affascinato dalla poesia. Il sessantacinquenne poeta non è molto incline alla confidenza, ma viene poi preso dall’innocenza di Mario, dal suo entusiasmo. E diventano grandiose le discussioni tra i due sulle metafore e sul loro uso in poesia. Parallelamente al rapporto di conoscenza, se non di amicizia, tra i due, si sviluppano due momenti importanti per Isla Negra, uno interno ed uno esterno. Si avvici-nano, dall’esterno, le elezioni del settembre del 1970, quelle che portarono al Governo Allende, con la grande spaccatura del popolo cileno, anche sotto la spinta delle manovre nordamericane. Dall’interno, Mario conosce la giovane Beatriz e se ne innamora perdutamente. Tanto che chiede al poeta di aiutarlo a conquistare il cuore della donna. Neruda non lo fa direttamente, ma rinfocola la via di Mario alla metafora, e con le parole, le azioni, e vincendo la resistenza della futura suocera, finalmente i diciottenni convolano a giuste nozze. Intanto Neruda è nominato ambasciatore in Francia e lascia Isla Negra. Dove la vita procede, anche con la nascita del piccolo Pablo Neftalì. Mario aiuta l’osteria, ma nel 1971 è chiamato da Neruda ad una missione personale. Pieno di no-stalgia, il poeta vuole sentire i suoni di Isla Negra, e Mario gira con un registratore per la zona, cogliendo le campane, la risacca del mare, i gabbiani che si alzano in volo, ed il pianto del piccolo Pablito. È uno dei momenti più belli la descrizione dei suoni del nastro. E poi Mario riunisce tutta Isla Negra, di destra e di sinistra, persino il fascista Labbé, per vedere alla televisione il conferimento del Premio Nobel a Neruda. Ma se la storia di Mario e Beatriz prosegue con passione (e tanta) non altrimenti avviene nel Cile, che passo dopo passo si avvicina al baratro. Nell’agosto del ’73 Neruda torna a Isla Negra malato. Mario cerca di confortarlo, ma anche la moglie del poeta, Matilde, è preda ad oscuri presentimenti. Poi, il settembre nero, il golpe di Pinochet pagato dalla CIA, la morte di Allende, l’occupazione militare di Isla Negra. Ed il poeta viene prelevato, portato nella capitale, dove, 12 giorni dopo il golpe muore. Amato da tutto il paese, i generali negano i funerali. Solo Mario, nella cittadina, ne fa l’orazione, internamente, ricordando il passaggio della poesia di Rimbaud citata da Neruda al Nobel (“armati di ardente pazienza entreremo nelle città splendide”), verso che il poeta riprende nella sua bellissima poesia “Lentamente muore”. Il giorno dopo Labbé arresta Mario, che “desaparece”. Rimango quindi sul testo (scordando definitivamente il film), sot-tolineando la dolenza estrema che Skármeta infonde nelle delicate descrizioni della vita di Mario. Della sua presa di coscienza, e della sua scomparsa a soli 21 anni, insieme alla migliore gioventù cilena (quella dei Victor Jara, delle Violeta Parra, dei Miguel Littin, e di tanti altri). Un libro triste, ma con la speranza che “Solamente l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità”.

    dito em 

  • 5

    Questo libro è un'ode di Skàrmeta al poeta Pablo Neruda , impareggiabile sintassi è un libro evocativo che è esso stesso poesia . Bellissimo , c'è una trasparenza,una purezza e una semplicità nel racconto della storia dell'amicizia tra il maestro Neruda e Mario , il suo postino ,che intenerisce . ...continuar

    Questo libro è un'ode di Skàrmeta al poeta Pablo Neruda , impareggiabile sintassi è un libro evocativo che è esso stesso poesia . Bellissimo , c'è una trasparenza,una purezza e una semplicità nel racconto della storia dell'amicizia tra il maestro Neruda e Mario , il suo postino ,che intenerisce . Mario con la sua ingenuità , con la sua visione del mondo senza filtri ,come lo è quella di un bambino , arriva all'anima del poeta che diventa suo amico .Due anime affini che si cercheranno fino all'epilogo , perché,anche a suo modo ,Mario è un poeta.
    Cinque stelle

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    4

    Una vera ‘poesia’ scritta con una passione tale da pervadere di sé ogni gesto, ogni pensiero, ogni istante della vita privata e pubblica di due personaggi così diversi e distanti per formazione, ma così simili nei sentimenti e nelle più semplici espressioni.
    Un paesaggio incantevole, quello ...continuar

    Una vera ‘poesia’ scritta con una passione tale da pervadere di sé ogni gesto, ogni pensiero, ogni istante della vita privata e pubblica di due personaggi così diversi e distanti per formazione, ma così simili nei sentimenti e nelle più semplici espressioni.
    Un paesaggio incantevole, quello di Isla Negra, che fa da sfondo ad una vita serena e, nel contempo, avvolge in un abbraccio visivo, sonoro e olfattivo Mario Jiménez, il timido e sconosciuto postino e Pablo Neruda il grande e famoso maestro, presto uniti da ‘parole’ pensate e trascritte in poesia; soprattutto è la ’metafora’, sia come termine che come figura retorica, a colpire l’immaginario di Mario tanto da indurlo a chiedere: ”Lei crede che il mondo intero sia la metafora di qualcosa?
    Ed è alla maestria del poeta che il postino si rivolge per catturare l’amore della focosa e giovanissima Beatriz, perché egli sente che nulla più di parole espresse in forma poetica possa trasmettere tale sentimento, non è dello stesso parere, invece, la madre della ragazza per la quale ”…dietro le parole non c’è niente. Sono fuochi d’artificio che si disfano nell’aria”, ma la conclusione non può che essere scontata e, per giunta, con un padrino speciale.
    Però, anche se la vita compie scelte che non si possono contrastare, l’amico poeta non dimenticherà l’amico postino, sa che solo a lui potrà rivolgere una richiesta che potrebbe sembrare un paradosso: registrare i suoni della loro Isla, dal vento sul campanile alle onde sulla scogliera, dal canto dei gabbiani all’alveare delle api, a corollario il ’pianto del neonato’, il piccolo Pablo.
    La storia del Cile fa da sfondo, non sempre marginale, alla vicenda dei due, senza intaccare il loro rapporto eterno anche dopo la scomparsa del burbero ma generoso Premio Nobel.

    La poesia non è di chi la scrive, ma di chi la usa.”.

    dito em 

  • 5

    Il postino Massimo Troisi mi ha accompagnato dolcemente e malinconicamente per le prime decine di pagine. Poi il libro ha preso il sopravvento sul film. Lettura bellissima, piacevolissima, corta e colma.

    dito em 

  • 2

    No.

    Non ci siamo proprio.
    Linguaggio e storia abbastanza chiari ma troppo ridondanti con tempi lunghissimi. A tratti la storia diventa noiosa.
    Mi spiace abbandonare un libro, specialmente se ci riponevo delle speranze.
    Non consiglio di leggere questo libro.

    dito em 

Sorting by