Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Occhi di cane azzurro

Di

Editore: Mondadori

3.6
(558)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804450932 | Isbn-13: 9788804450931 | Data di pubblicazione:  | Edizione 15

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Occhi di cane azzurro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
È un balzo verso magie e simboli arcani quello che si compie leggendo la raccolta di Gabriel Garcìa Màrquez "Occhi di cane azzurro": il titolo del racconto omonimo è una specie di frase in codice che serve per rendersi riconoscibili:
"Aveva dedicato la sua vita a cercarmi nella realtà mediante quella frase identificatrice: “Occhi di cane azzurro”. E per strada la diceva ad alta voce, il che era una maniera per dire all'unica persona che avrebbe potuto intenderla: 'Io sono colei che arriva ogni notte nei tuoi sogni e ti dice: Occhi di cane azzurro.' "
Ordina per
  • 3

    Un'esperienza metafisica sul tema della morte. I racconti ci introducono in ordine cronologico all'evoluzione stilistica di Márquez, dagli aspetti più acerbi e cupi della tormentata gioventù sino alla miglior concretizzazione dei significati e al perfezionamento della tecnica narrativa, tipici di ...continua

    Un'esperienza metafisica sul tema della morte. I racconti ci introducono in ordine cronologico all'evoluzione stilistica di Márquez, dagli aspetti più acerbi e cupi della tormentata gioventù sino alla miglior concretizzazione dei significati e al perfezionamento della tecnica narrativa, tipici di una maturità artistica ormai consolidata. Bello.

    ha scritto il 

  • 3

    Non c'è il realismo magico che un lettore sciocco e superficiale di Marquez (io) potrebbe stare cercando; ma la scrittura è notevole, perfetta, nessuna parola di troppo. Sono i temi, le storie, che si dimenticano in fretta o che ci si rende conto sarebbero potute essere molto più ragionate

    ha scritto il 

  • 4

    Non delude le aspettative

    Non sapevo che voto dare... 3 o 4 stelline? Poi ho deciso per le 4 stelline. Perchè alcuni dei racconti sono carini... ma altri sono eccezionali!
    Ho riletto ogni racconto due volte, la prima per capirne il senso generale, la seconda per approfondire e capirci qualcosa in più. L'ho fatto pe ...continua

    Non sapevo che voto dare... 3 o 4 stelline? Poi ho deciso per le 4 stelline. Perchè alcuni dei racconti sono carini... ma altri sono eccezionali!
    Ho riletto ogni racconto due volte, la prima per capirne il senso generale, la seconda per approfondire e capirci qualcosa in più. L'ho fatto perchè non si tratta sicuramente di scritti di facile lettura e spesso mi sfuggivano dettagli significativi... soprattutto se leggevo la sera tardi ;)

    ha scritto il 

  • 3

    Un GGM ancora acerbo...

    Lettura in sé deludente se paragonata ai grandi capolavori della maturità, interessante solo per chi voglia capire la genesi dell’originalità di Garcia Marquez. In questi racconti giovanili, il linguaggio è già maturo, ma non lo sono ancora le storie. La cifra di Marquez è il suo straordinario s ...continua

    Lettura in sé deludente se paragonata ai grandi capolavori della maturità, interessante solo per chi voglia capire la genesi dell’originalità di Garcia Marquez. In questi racconti giovanili, il linguaggio è già maturo, ma non lo sono ancora le storie. La cifra di Marquez è il suo straordinario surrealismo piantato in profondità nella Storia e nel Territorio, mentre in questi racconti l’aspetto surreale resta abbastanza avulso, in esso riecheggiano soprattutto le influenze delle sue letture (Kafka e certamente anche il Borges di Finzioni e dell’Aleph)

    ha scritto il 

  • 4

    Era diverso tempo che non leggevo Márquez e avevo un estremo bisogno di rigettarmi nella sua magia e nelle sue atmosfere, e questa raccolta di racconti ha saputo magistralmente soddisfarmi.


    Sono racconti abbastanza datati, diversi e simili al contempo fra di loro. La tipica scrittura magic ...continua

    Era diverso tempo che non leggevo Márquez e avevo un estremo bisogno di rigettarmi nella sua magia e nelle sue atmosfere, e questa raccolta di racconti ha saputo magistralmente soddisfarmi.

    Sono racconti abbastanza datati, diversi e simili al contempo fra di loro. La tipica scrittura magica di Márquez si ritrova in ogni riga di ogni storia, in ogni personaggio sempre così misterioso, in ogni traccia di verosimiglianza che con superba maestria l'autore riesce a imprimere in queste pagine. Sono racconti indefiniti, eterei, difficili da collocare in qualsiasi tipo di contesto, così immateriali, a volte strani, da elevare la mente e l'animo a qualcosa di più, altrettanto indefinibile. Racconti che ti portano a desiderare fortemente un'arancia, o a chiedere un quarto d'ora in più alla tua giornata, o a girovagare nei sogni cercando quegli occhi particolari.

    Sublime Márquez!

    ha scritto il 

  • 3

    Non il miglior scritto di Gabo.
    Sebbene nutra un amore viscerale per questo autore, non sono riuscita a lasciarmi coinvolgere, e ho durato una fatica incredibile nel carpire il significato intrinseco di ogni racconto. Indubbiamente il romanzo è totalmente incentrato sulla morte e sui suoi r ...continua

    Non il miglior scritto di Gabo.
    Sebbene nutra un amore viscerale per questo autore, non sono riuscita a lasciarmi coinvolgere, e ho durato una fatica incredibile nel carpire il significato intrinseco di ogni racconto. Indubbiamente il romanzo è totalmente incentrato sulla morte e sui suoi risvolti psicosomatici, sul modo in cui tocca le persone. Dopotutto, questo è un tem che ricorre sovente, oserei sempre, nelle sue opere.

    Un vero peccato. Quale che fosse il vero motivo per cui non sia riuscita ad apprezzare appieno questo libro (difficoltà mie, lessico impegnativo e/o ermetico) la stima nei confronti di uno dei più grandi autori contemporanei non scema di certo. Magari lo rileggerò in un periodo in cui sono più rilassata.

    ha scritto il 

  • 3

    SE NON FOSSE FIRMATO GARCIA MARQUEZ QUESTA RACCOLTA SAREBBE 5 STELLE!

    Questa serie di racconti che costituiscono i suoi primissimi scritti risentono di una sorta di macchinosità, quasi provocazione ostentata. Non manca comunque di meravigliarmi con racconti che fanno di OCCHI DI CANE AZZURRO una meta obbligata per chi ama Garcia Marquez. Nonostante ciò non lo consi ...continua

    Questa serie di racconti che costituiscono i suoi primissimi scritti risentono di una sorta di macchinosità, quasi provocazione ostentata. Non manca comunque di meravigliarmi con racconti che fanno di OCCHI DI CANE AZZURRO una meta obbligata per chi ama Garcia Marquez. Nonostante ciò non lo consiglierei a chi vuole approcciarsi all'autore perchè ancora non spicca il suo magico tocco nel descrivere elementarmente la complessità dei processi sociali e personali.

    ha scritto il 

  • 5

    "Ricordai le notti di agosto,nel cui silenzio stupefatto si sente solo il rumore millenario che fa la Terra girando sull'asse arrugginito e da oliare..." Solo Marquez può emozionare così.

    ha scritto il 

Ordina per