Occhi di cane azzurro

Di

Editore: Mondadori

3.6
(644)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804450932 | Isbn-13: 9788804450931 | Data di pubblicazione:  | Edizione 15

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Occhi di cane azzurro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
È un balzo verso magie e simboli arcani quello che si compie leggendo la raccolta di Gabriel Garcìa Màrquez "Occhi di cane azzurro": il titolo del racconto omonimo è una specie di frase in codice che serve per rendersi riconoscibili: "Aveva dedicato la sua vita a cercarmi nella realtà mediante quella frase identificatrice: “Occhi di cane azzurro”. E per strada la diceva ad alta voce, il che era una maniera per dire all'unica persona che avrebbe potuto intenderla: 'Io sono colei che arriva ogni notte nei tuoi sogni e ti dice: Occhi di cane azzurro.' "
Ordina per
  • 2

    I primi racconti in assoluto scritti da Marquez giovanissimo non sono ancora all'altezza del grande scrittore che diventerà, ma denotano piuttosto un gusto quasi ossessivo per il macabro e la morte. ...continua

    I primi racconti in assoluto scritti da Marquez giovanissimo non sono ancora all'altezza del grande scrittore che diventerà, ma denotano piuttosto un gusto quasi ossessivo per il macabro e la morte.

    ha scritto il 

  • 3

    Le tre stelline sono per i tre racconti che ho apprezzato (Rassegnazione, Eva e il gatto, Le rose), gli altri mi sono rimasti indifferenti. Marquez ha un modo di trattare la morte macabro ma allo stes ...continua

    Le tre stelline sono per i tre racconti che ho apprezzato (Rassegnazione, Eva e il gatto, Le rose), gli altri mi sono rimasti indifferenti. Marquez ha un modo di trattare la morte macabro ma allo stesso tempo rassicurante, cosa che mi pare di aver notato anche in altri autori sudamericani. Ma a parte questo non è uno dei libri che mi hanno coinvolta di più, non credo che lo rileggerò

    ha scritto il 

  • 4

    Il mio primo approccio con Marquez è stata una lettura davvero particolare. In questi suoi racconti, i primissimi, i sogni sono nevroticamente preferiti alla realtà che non si fa mai vivere a pieno. C ...continua

    Il mio primo approccio con Marquez è stata una lettura davvero particolare. In questi suoi racconti, i primissimi, i sogni sono nevroticamente preferiti alla realtà che non si fa mai vivere a pieno. C'è sempre qualcosa di monco. E così si rifugge nel doppio, nella morte, nei sogni. Sono racconti evanescenti, scivolano tra le mani. Davvero belli.

    ha scritto il 

  • 4

    tra i primi libri di Marquez,mostra una certa acerbità rispetto alla pienezza dello stile che raggiungerà con i suoi capolavori successivi.ma già qui si notano gli elementi caratteristici della sua le ...continua

    tra i primi libri di Marquez,mostra una certa acerbità rispetto alla pienezza dello stile che raggiungerà con i suoi capolavori successivi.ma già qui si notano gli elementi caratteristici della sua letteratura,la magia,le saghe familiari,la descrizione preziosa degli ambienti,i personaggi memorabili ed unici.

    ha scritto il 

  • 3

    Un'esperienza metafisica sul tema della morte. I racconti ci introducono in ordine cronologico all'evoluzione stilistica di Márquez, dagli aspetti più acerbi e cupi della tormentata gioventù sino alla ...continua

    Un'esperienza metafisica sul tema della morte. I racconti ci introducono in ordine cronologico all'evoluzione stilistica di Márquez, dagli aspetti più acerbi e cupi della tormentata gioventù sino alla miglior concretizzazione dei significati e al perfezionamento della tecnica narrativa, tipici di una maturità artistica ormai consolidata. Bello.

    ha scritto il 

  • 3

    Non c'è il realismo magico che un lettore sciocco e superficiale di Marquez (io) potrebbe stare cercando; ma la scrittura è notevole, perfetta, nessuna parola di troppo. Sono i temi, le storie, che si ...continua

    Non c'è il realismo magico che un lettore sciocco e superficiale di Marquez (io) potrebbe stare cercando; ma la scrittura è notevole, perfetta, nessuna parola di troppo. Sono i temi, le storie, che si dimenticano in fretta o che ci si rende conto sarebbero potute essere molto più ragionate

    ha scritto il 

  • 4

    Non delude le aspettative

    Non sapevo che voto dare... 3 o 4 stelline? Poi ho deciso per le 4 stelline. Perchè alcuni dei racconti sono carini... ma altri sono eccezionali!
    Ho riletto ogni racconto due volte, la prima per capi ...continua

    Non sapevo che voto dare... 3 o 4 stelline? Poi ho deciso per le 4 stelline. Perchè alcuni dei racconti sono carini... ma altri sono eccezionali!
    Ho riletto ogni racconto due volte, la prima per capirne il senso generale, la seconda per approfondire e capirci qualcosa in più. L'ho fatto perchè non si tratta sicuramente di scritti di facile lettura e spesso mi sfuggivano dettagli significativi... soprattutto se leggevo la sera tardi ;)

    ha scritto il 

Ordina per