Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Occhi sulla graticola

Di

Editore: Einaudi

3.3
(413)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 113 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8806138782 | Isbn-13: 9788806138783 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Humor

Ti piace Occhi sulla graticola?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    perplesso,,

    Stilisticamente e linguisticamente non c'è veramente niente da eccepire.. originale, fuori dagli schemi, pulp, trasgressivo! Ma è sprecato tutto ciò per scrivere una storia simile. Forse è solo questi ...continua

    Stilisticamente e linguisticamente non c'è veramente niente da eccepire.. originale, fuori dagli schemi, pulp, trasgressivo! Ma è sprecato tutto ciò per scrivere una storia simile. Forse è solo questione di gusti narrativi, ma sarà che passerà ancora altra acqua sotto i ponti prima di rileggere uno scrittore italiano dei nostri tempi.

    ha scritto il 

  • 2

    Manuale post-moderno da porno venexiano

    Prendete un po' di letteratura "bassa" (cazzo culo tette fica ma anche diarree vomito bave varie etc, etc,) e mischiatelo con un po' di letteratura "alta" (amore, sentimento...ma basterebbe anche una ...continua

    Prendete un po' di letteratura "bassa" (cazzo culo tette fica ma anche diarree vomito bave varie etc, etc,) e mischiatelo con un po' di letteratura "alta" (amore, sentimento...ma basterebbe anche una storia semplice con un inizio, uno svolgimento e una fine, cazzo !), agitate il tutto e versate a piacere dove volete. Avrete una salsa misto-pisto : un romanzo un saggio un fumetto un fotoromanzo un porno un manga un cinema un'enciclopedia e via di questo passo !
    Può piacere o non piacere : si ride, a volte si vomita, talvolta si piange e spesso viene voglia di mandare a fanculo l'autore...
    Con grande fatica dò due stelle.

    ha scritto il 

  • 3

    Premetto che sul voto finale, ossia le tre stelline, hanno pesato moltissimo le ultime pagine del libro. Evitando di fare dello spoiler, si può dire che il finale aiuta a capire maggiormente che l'aut ...continua

    Premetto che sul voto finale, ossia le tre stelline, hanno pesato moltissimo le ultime pagine del libro. Evitando di fare dello spoiler, si può dire che il finale aiuta a capire maggiormente che l'autore ha fatto la scelta narrativa di caratterizzare a tal punto i protagonisti da far scrivere i vari capitoli da loro stessi con un particolare stile di scrittura che li contraddistingue. Il problema però, del tutto soggettivo, è che lo stile del protagonista principale occupa l'ottanta per cento del libro e risulta alle volte eccessivamente pesante. Ho deciso di dare un voto medio perché, se da una parte mi è sembrata una scelta originale e ambiziosa quella di caratterizzare in modo estremo il protagonista principale prorio per trasmettere al lettore ciò che rappresenta, dall'altra mi è sembrato anche troppo forzato il personaggio stesso: una volta che si è capito come è fatto credo che non ci sia bisogno di ribadire i suoi pesanti difetti in tutte le pagine frustrando il lettore. Nota molto positiva è invece l'esplorare mondi sconosciuti ai più come quello del fumetto erotico giapponese o, più in generale, le varie vite percorribili da ragazzi in bilico tra lo studio e il lavoro, tra gli -enti e gli -anta.

    ha scritto il 

  • 2

    ebook scambiabile - Personale - Narrativa contemporanea e italiana - Occhi sulla graticola

    Abile nel dipingere situazioni al limite della probabilità, virtuoso e inventivo nella gestione della sintassi, acuto quando legge nelle pieghe dell'anima, è compreso da ogni cosa e nello stesso tempo ...continua

    Abile nel dipingere situazioni al limite della probabilità, virtuoso e inventivo nella gestione della sintassi, acuto quando legge nelle pieghe dell'anima, è compreso da ogni cosa e nello stesso tempo riesce a esserne al di fuori.

    E tuttavia Tiziano Scarpa sa il fatto suo in fatto di dialoghi e di contrappunti (tra le pagine migliori c'è il duetto trai Fabrizio e Carolina, con il monologo di commento di quest'ultima agli impacci del suo innamorato, pp. 94 e segg.), in un controllo del mezzo linguistico, nello svariare dai bassifondi del turpiloquio alla mimesi del tono erudito e ricercato. Tutto questo (e altro ancora) fa sperare che nel prossimo romanzo lo scrittore ridimensioni virtuosismi e montaggi spettacolari, e si cimenti (esca più allo scoperto) nel raccontare le sue storie.

    ha scritto il