Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Oceano mare

Di

Editore: Feltrinelli (Universale Economica 1968)

4.1
(15300)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 212 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Catalano , Olandese , Polacco , Russo

Isbn-10: 8807819686 | Isbn-13: 9788807819681 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Travel

Ti piace Oceano mare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Oceano mare racconta del naufragio di una fregata della marina francese, molto tempo fa, in un oceano. Gli uomini a bordo cercheranno di salvarsi su una zattera. Sul mare si incontreranno le vicende di strani personaggi. Come il professore Bartleboom che cerca di stabilire dove finisce il mare, o il pittore Plasson che dipinge solo con acqua marina, e tanti altri individui in cerca di sé, sospesi sul bordo dell'oceano, col destino segnato dal mare. E sul mare si affaccia anche la locanda AI mayer, dove le tante storie confluiscono. Usando il mare come metafora esistenziale, Baricco narra dei suoi surreali personaggi, spaziando in vari registri stilistici, con una scrittura suggestiva, immaginifica e musicale.
Ordina per
  • 5

    Lo stile di Baricco è astratto, aulico e a volte ampolloso e in alcuni punti occorre soffermarsi maggiormente per capire cosa effettivamente, con un numero spropositato di parole, l'autore vuole dirci ...continua

    Lo stile di Baricco è astratto, aulico e a volte ampolloso e in alcuni punti occorre soffermarsi maggiormente per capire cosa effettivamente, con un numero spropositato di parole, l'autore vuole dirci. Ma Baricco scrive così ... prendere o lasciare e tra le due opzioni opto per la prima!

    ha scritto il 

  • 4

    leggere trattenendo il respiro

    libro particolare di un autore decisamente particolare. Baricco utilizza la propria lingua in modo onirico e forzatamente surreale, crea una struttura paratattica volutamente rigida, infarcita di ripe ...continua

    libro particolare di un autore decisamente particolare. Baricco utilizza la propria lingua in modo onirico e forzatamente surreale, crea una struttura paratattica volutamente rigida, infarcita di ripetizioni e ossimori, esalta ciò che gli pare e gestisce i ritmi come preferisce: il risultato è una narrazione sveglia, che spesso riesce a coinvolgere e ad esaltare le emozioni dei personaggi ma che, ogni tanto, ho trovato cadere un po' nel pretenzioso e in pagine esageratamente appesantite da continue, per quanto poetiche, ricercate immagini.
    la trama in sé appare inizialmente illogica ma poi prende una forma molto apprezzabile, pur restando volutamente criptica e poco percepibile con mezzi pratici, così come i personaggi: nella loro stramberia i protagonisti della vicenda riescono a farsi apprezzare non poco, soprattutto superate le prime pagine - ho personalmente adorato Bartleboom, a cui posso dire di volere tutt'ora un gran bene, ed Elisewin, perché un personaggio sviluppato con questa logica non lo avevo ancora visto e viverlo è stato bello.
    in generale comunque è stata un'immersione che rifarei: un'immersione, perché leggendo le pagine di quest'opera non si può che sentirsi costantemente in uno stato di assoluta apnea; che rifarei, perché quell'apnea, per quanto ogni tanto un po' pesante, mi ha lasciato qualcosa.
    sicuramente leggerò altro di quest'autore.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho adorato Baricco come critico musicale e, oggi, mi ha incantato come scrittore.

    Mi incanta quando è delicato e quando è duro, quando è profondo e quando è ironico, quando scopre dei pensieri che tu ...continua

    Ho adorato Baricco come critico musicale e, oggi, mi ha incantato come scrittore.

    Mi incanta quando è delicato e quando è duro, quando è profondo e quando è ironico, quando scopre dei pensieri che tu avevi da secoli senza mai dire completamente tutto, perché la scoperta te la riserva da un’altra parte e in un altro momento, rinnovando così la sorpresa della conoscenza; salvo poi accorgersi che la verità può anche essere ambigua …

    Arriva dritto al cuore perché, come ricorderò sempre, “l’amore è un dardo” oppure è "l'amor ond'ardo".

    ha scritto il 

  • 1

    SOPRAVVALUTATO!

    Il libro più insensato che abbia mai letto. Non sono riuscita ad affezionarmi ai personaggi, all'ambiente, alla storia. Non si può definire poesia solo perchè si tratta dell'oceano affiancandogli altr ...continua

    Il libro più insensato che abbia mai letto. Non sono riuscita ad affezionarmi ai personaggi, all'ambiente, alla storia. Non si può definire poesia solo perchè si tratta dell'oceano affiancandogli altre parole sconnesse. Evidentemente per qualcuno è poetico non capire cosa si sta leggendo.
    Non sono nemmeno certa di aver compreso la trama.

    ha scritto il 

  • 4

    Affascinante, insolito, onirico, poetico,surreale, intrigante... un libro molto singolare ricco di fascino. Letto su consiglio di una persona arrivata con un ruolo particolare nella mia vita ne sono r ...continua

    Affascinante, insolito, onirico, poetico,surreale, intrigante... un libro molto singolare ricco di fascino. Letto su consiglio di una persona arrivata con un ruolo particolare nella mia vita ne sono rimasta colpita ..... da leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Il mio Baricco preferito.

    Avevo già letto altro di Baricco, ma nonostante sapessi cosa aspettarmi l'inizio di 'Oceano mare' mi ha stranito e interessato come pochi libri. La storia lentamente diventa più chiara, ma senza mai d ...continua

    Avevo già letto altro di Baricco, ma nonostante sapessi cosa aspettarmi l'inizio di 'Oceano mare' mi ha stranito e interessato come pochi libri. La storia lentamente diventa più chiara, ma senza mai diventare banale. Un Baricco onirico come poche altre volte (forse mai), da rileggere più volte. Secondo me il suo capolavoro.

    ha scritto il 

Ordina per