Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Oggi ho salvato il mondo

Canzoni di protesta 1990-2005

By Carlo Bordone,Gianluca Testani

(21)

| Others | 9788879664097

Like Oggi ho salvato il mondo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Che fine ha fatto la canzone politica, la protesta in musica? Per alcuniaspetti, oggi viviamo giorni difficili e drammatici proprio come quelli delpassato. La tensione politica nei testi musicali ha lentamente attraversato igeneri, cambiando pelle, r Continue

Che fine ha fatto la canzone politica, la protesta in musica? Per alcuniaspetti, oggi viviamo giorni difficili e drammatici proprio come quelli delpassato. La tensione politica nei testi musicali ha lentamente attraversato igeneri, cambiando pelle, reinventandosi, partendo dal folk-rock e dal pop, perarrivare al rap e all'hip hop. La canzone di protesta esiste ancora, ma ècambiata: ha trovato nuovi protagonisti e scelto nuove parole, nuovi ritmi.Questo volume raccoglie per la prima volta i testi tradotti e commentati diartisti italiani e internazionali assieme alle loro preziose testimonianze, iricordi e soprattutto le analisi delle loro canzoni più rappresentative.

3 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Una panoramica su alcuni testi di protesta. Onestamente molti mi sembrano puri pretesti commerciali. Comunque istruttivo.

    Is this helpful?

    MAGIO said on Jul 2, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    WM1 su Oggi ho salvato il mondo

    Persino Giovanna Marini, che certo di "canzoni di protesta" se ne intende, confessa di non ascoltare mai le parole: "E' una cosa che mi accade sempre: le parole non le sento, dopo molto incomincio a ripensarle, e solo in quell'istante escono dalla lo ...(continue)

    Persino Giovanna Marini, che certo di "canzoni di protesta" se ne intende, confessa di non ascoltare mai le parole: "E' una cosa che mi accade sempre: le parole non le sento, dopo molto incomincio a ripensarle, e solo in quell'istante escono dalla loro dimensione sonora per acquisire finalmente un significato preciso e non esclusivamente fonetico."
    Le migliori canzoni di protesta in ambito "rock" e "pop" (nelle accezioni più vaste possibili, campi semantici che nessuno è mai riuscito a delimitare) rimangono politiche anche prescindendo dal testo. Noi italiani lo capiamo benissimo coi testi in inglese: di solito, nemmeno chi capisce e parla quella lingua ex-germanica ascolta subito il testo. Arrivano prima l'armonia, la melodia, la timbrica, l'atmosfera del pezzo, la grana della voce, l'attitudine di chi suona, canta, si presenta sul palco o sullo schermo. Il testo è puro suono, di primo acchito: fa parte di un fumigante calderone da sabba. E questo capita anche coi testi in italiano. Non sapremmo spiegare come, ma spesso capiamo che un pezzo è "di protesta" ben prima di ascoltarne e capirne le parole. E' una questione del mezzo che è già il messaggio, e del contesto che è il vero testo.
    [La recensione continua qui: http://www.carmillaonline.com/archives/2006/05/001769.h… ]

    Is this helpful?

    Wu Ming Foundation said on Feb 20, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (21)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others 291 Pages
  • ISBN-10: 8879664093
  • ISBN-13: 9788879664097
  • Publisher: Arcana
  • Publish date: 2006-01-01
Improve_data of this book