Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Olimpo S.p.A.

Caccia grossa

Di ,

Editore: Einaudi

3.9
(293)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 113 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806162144 | Isbn-13: 9788806162146 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Comics & Graphic Novels , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Olimpo S.p.A.?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Scontro fra Titani. Il potere solare di Giove si misura con il potere occultodi un dio buio e sinistro che si nasconde dentro l'anima degli uomini. Tuttocomincia quando gli dèi, dopo millenni di oblio, tornano a essere padroni deidestini degli uomini. Hanno creato un mondo felice, prospero e operoso e oralavorano con profitto e celestiale soddisfazione. Venere, dea della bellezza,si occupa della sanità e delle "beauty farms"; Minerva è ministrodell'istruzione e dei giochi a quiz; Morfeo dirige il dicastero della culturae via dicendo. Insomma tutto va bene, tutti sono contenti, cittadini egovernanti. Ma un bel giorno il padre degli dèi si accorge che qualcosa nonfunziona. C'è nell'aria una presenza ostile, misteriosa...
Ordina per
  • 5

    Come sarebbero accolti gli dei dell'Olimpo se tornassero adesso? Non credo che succederebbe nulla di diverso da quanto ha congetturato Cerami in questa graphic novel tanto divertente quanto intelligente. La polemica punge fra le righe, anzi, fra le immagini: tra gli spettatori obesi di un convegn ...continua

    Come sarebbero accolti gli dei dell'Olimpo se tornassero adesso? Non credo che succederebbe nulla di diverso da quanto ha congetturato Cerami in questa graphic novel tanto divertente quanto intelligente. La polemica punge fra le righe, anzi, fra le immagini: tra gli spettatori obesi di un convegno sulla fame nel mondo, fra gli annoiati coniugi che vivono davanti a un televisore acceso, fra i sindaci pronti a patrocinare meriti altrui, appropriandosene. Questo divino libello, è il caso di dirlo, castigat ridendo mores.

    ha scritto il 

  • 4

    Ironici ad memoriam

    Volevo leggere qualcosa di Cerami vista la sua scomparsa recente ma non ero molto in forma per libri più impegnativi e quindi ho scelto questo volume sottile e divertente con le matite di Silvia Ziche (che già conoscevo e mi ha sempre divertito molto).
    E' una storia tenera ma anche ironica, ...continua

    Volevo leggere qualcosa di Cerami vista la sua scomparsa recente ma non ero molto in forma per libri più impegnativi e quindi ho scelto questo volume sottile e divertente con le matite di Silvia Ziche (che già conoscevo e mi ha sempre divertito molto).
    E' una storia tenera ma anche ironica, abbastanza surreale. Da ombrellone ma molto gustosa; godibile per tutti.

    ha scritto il 

  • 3

    Carino; in alcuni momenti si sorride di più, alcune trovate sono divertenti (vedi Bacco che si porta a spasso la flebo alcolica), ma la storia mi è sembrata un pochino lenta. Diciamo che sembra risentire un po' dello stile di Pollon, almeno per quel che concerne la storia. Sul disegno nulla da di ...continua

    Carino; in alcuni momenti si sorride di più, alcune trovate sono divertenti (vedi Bacco che si porta a spasso la flebo alcolica), ma la storia mi è sembrata un pochino lenta. Diciamo che sembra risentire un po' dello stile di Pollon, almeno per quel che concerne la storia. Sul disegno nulla da dire, Silvia Ziche è sempre lei, inconfondibile :)

    ha scritto il 

  • 2

    Siccome l'ha disegnato la Ziche, e non Manara, uno non si accorge subito, magari, che è solo una ripetizione,tavola per tavola, di donnine (semi)nude e maschi sbavanti.
    Mi appassiona la mitologia, e mi piace Silvia Ziche.
    ma sto libercolo ....BAH!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Io adoro Silvia Ziche. Ma questo libro, pur brioso e assolutamente godibile (perfino le pagine hanno una bella consistenza!) non sviluppa al meglio i pur carini spunti narrativi... Qualche momento davvero divertente c'è, ma si poteva fare di meglio, soprattutto da parte di Cerami, autore dei test ...continua

    Io adoro Silvia Ziche. Ma questo libro, pur brioso e assolutamente godibile (perfino le pagine hanno una bella consistenza!) non sviluppa al meglio i pur carini spunti narrativi... Qualche momento davvero divertente c'è, ma si poteva fare di meglio, soprattutto da parte di Cerami, autore dei testi.

    ha scritto il 

  • 3

    A caccia di fedeli …

    Gli dei classici ci sono ancora …
    Ma gli uomini non credono più in loro …
    Giove, al limite della depressione, non vuole arrendersi …
    E su suggerimento del suo psicologo, dà il via ad una nuova campagna per reclutare nuovi fedeli …
    Ma come fare in un mondo ormai sempre meno ...continua

    Gli dei classici ci sono ancora …
    Ma gli uomini non credono più in loro …
    Giove, al limite della depressione, non vuole arrendersi …
    E su suggerimento del suo psicologo, dà il via ad una nuova campagna per reclutare nuovi fedeli …
    Ma come fare in un mondo ormai sempre meno guidato dalla fede e sempre più vincolato alla politica, alla televisione, al consumismo?
    Non resta che affidarsi alle strategie del marketing …
    Ovviamente in rilettura divina …

    Una graphic novel che scorre via leggera,divertendo nella sua lettura seppur con poca verve …
    Che va a criticare la società attuale seppur con scarsa incisività …
    Un libercolo simpatico ma non molto carismatico …

    ha scritto il 

  • 5

    Per il mondo si aggira lo spettro del consumismo...

    Gli dei dell'Olimpo sono ormai al top. Tutti li amano e tutti li vogliono, il mondo attraversa una fase di benessere economico quasi vergognoso e tutti spendono e spandono garruli. Solo Zeus in tutto questo, è infelice: qualcosa non gli torna, avverte a pelle che qualcosa non va, che c'è un nemic ...continua

    Gli dei dell'Olimpo sono ormai al top. Tutti li amano e tutti li vogliono, il mondo attraversa una fase di benessere economico quasi vergognoso e tutti spendono e spandono garruli. Solo Zeus in tutto questo, è infelice: qualcosa non gli torna, avverte a pelle che qualcosa non va, che c'è un nemico, qualcuno che trama nascosto nell'ombra.

    Gli altri dei, compreso il suo fauno-psichiatra, gli danno del pazzo e cercano di caricarlo di psicofarmaci e ansiolitici in quantità industriali. Giunone è disperata perchè questa sua nuova ossessione non lo fa più nemmeno correre dietro alle belle sottane.

    Con l'aiuto di Bacco, pusillanime e lagnoso come ogni spalla che si rispetti ormai disoccupato in questo clima di benessere consumistico, riesce ad ottenere dal fratello Ade che tollera la vista del re degli dei come un attacco di colite, il segugio Cerbero. E la caccia ha inizio.

    Una storia divertente e ben costruita, una critica del consumismo moderno per quello che mi pare un felicissimo duo Cerami&Ziche, in cui è possibile ritrovare quelle atmosfere alla "Alice a quel paese".

    ha scritto il