Una travolgente giostra di irresistibili personaggi e divertenti vicende da cui emerge il ritratto della più autentica Italia di ieri.Bellano, novembre 1936. Mentre il duce costruisce il suo impero in Africa e la guerra civile infuria in Spagna, ... Continua
Ha scritto il 17/07/17
Irritante
Mi è comparso il libro in seconda fila, nello scaffale alto della libreria e mi sono stupita: non l'avevo riciclato, regalandolo a qualcuno un secolo fa? evidentemente no, non ebbi il coraggio di rifilare la fregatura a qualcun altro. È uno dei ..." Continua...
  • 15 mi piace
  • 14 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 17/07/17
divertentissimo
  • 1 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 08/07/17
noia mortale
mamma mia che noia!! non ce la potevo fare, l'ho abbandonato dopo le prime 50 pagine.
  • Rispondi
Ha scritto il 26/06/17
"E se non fossero tutte ubbie?"...
Ancora una volta Andrea Vitali con una travolgente giostra di vicende e personaggi, in una Bellano in piena epoca fascista, riesce a fare amare quella commedia paesana che lo contraddistingue.In questo romanzo credo che più o meno conosciamo tutti ..." Continua...
  • 12 mi piace
  • 5 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 14/06/17
Preso per caso, a me è piaciuto un sacco. Vitali scrive bene e ha l'arte affabulatoria del raccontare di paese. Dove tutti sanno di tutti, tranne gli interessati. Sembra di sentire le maranteghe che se la raccontano fuori della porta di casa con i ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Mar 06, 2017, 17:33
“Svezza gli infanti risveglia i dormienti è il toccasana dei grossi clienti”
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 14, 2013, 18:27
"Perchè non è vero che tutti potevano sbagliare.
Nossignore.
Dottori preti e carabinieri non potevano permettersi quel lusso.
I loro sbagli portavano direttamente sottoterra, all'inferno o in galera."
Pag. 174
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 18, 2010, 09:47
Rientrò nella cucina di casa sua, dove c'era solo il marito Agostino seduto, davanti a un mezzo bicchere di vino, alla periferia di un agonico cerchio di luce emanato da una lampadina che, nuda e cruda, pendeva da un filo gibboso.
Pag. 9
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 18, 2010, 09:45
Al maresciallo Maccadò il segretario Negri stava sui coglioni. Da sempre, in generale, per l'aria tronfia e l'espressione come se nelle narici avesse continuamente odor di merda. In particolare, invece, dalla volta in cui, già segretario del ... Continua...
Pag. 111
  • Rispondi
Ha scritto il Mar 07, 2010, 11:28
Il Vitali era uomo di rara bruttezza.
Pag. 35
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 20, 2016, 14:29
853.92
VIT 11255
Letteratura Italiana
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi