Olive Kitteridge

A Novel in Stories

By

Publisher: Pocket Books

3.9
(2779)

Language: English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Catalan , Spanish , German , French , Czech , Portuguese

Isbn-10: 0743467728 | Isbn-13: 9780743467728 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , eBook

Category: Comics & Graphic Novels , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like Olive Kitteridge ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Olive Kitteridge might be described by some as a battle axe or as brilliantly pushy, by others as the kindest person they had ever met. Olive herself has always been certain that she is 100% correct about everything - although, lately, her certitude has been shaken. This indomitable character appears at the centre of these narratives that comprise Olive Kitteridge. In each of them, we watch Olive, a retired schoolteacher, as she struggles to make sense of the changes in her life and the lives of those around her - always with brutal honesty, if sometimes painfully. Olive will make you laugh, nod in recognition, as well as wince in pain or shed a tear or two. We meet her stoic husband, bound to her in a marriage both broken and strong, and her own son, tyrannised by Olive's overbearing sensitivities. The reader comes away, amazed by this author's ability to conjure this formidable heroine and her deep humanity that infiltrates every page.
Sorting by
  • 4

    Bello, bello, davvero bello e toccante! Questa scrittrice è abilissima a toccare l'animo umano fin nei recessi più nascosti. È una vera esploratrice di interni umani. Non si sfugge, può dare anche fas ...continue

    Bello, bello, davvero bello e toccante! Questa scrittrice è abilissima a toccare l'animo umano fin nei recessi più nascosti. È una vera esploratrice di interni umani. Non si sfugge, può dare anche fastidio trovare lì messa a nudo quella descrizione di noi che proprio non ci esalta ma come non riconoscere la bravura nel farlo?

    said on 

  • 4

    Solitamente non amo i racconti, ma in questo caso è stato diverso: non sono veri e propri racconti, anche se questo lo si capisce strada facendo, in cui compare Olive Kitteridge a volte come protagoni ...continue

    Solitamente non amo i racconti, ma in questo caso è stato diverso: non sono veri e propri racconti, anche se questo lo si capisce strada facendo, in cui compare Olive Kitteridge a volte come protagonista e a volte in modo molto marginale, sullo sfondo di questa cittadina del Maine. In ognuno di essi, il passato e il presente si mescolano e ci si ritrova a guardare le storie di questa città dall'alto, storie per di più tristi e ad avere un quadro nell'insieme.
    Inizialmente ho creduto che questa donna fosse troppo dura, a volte fredda con reazioni esagerate, poi pian piano mi è entrata in simpatia e mi ci si sono spesso ritrovata.
    Mi piace il modo di scrivere della Strout, anche se le descrizioni sono perfette ti sembra di avere davanti una cartolina, non è diretta nel dire le cose. Butta un sassolino che ti fa supporre una determinata situazione e poi pian piano ti ci ritrovi e le capisci con il mescolarsi di presente e futuro.
    Una nota particolare al racconto del matrimonio del figlio, davvero fantastico!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Rileggendolo mi sono resa conto che tante cose proprio non le ricordavo, mentre altre invece sono ritornate: il primo racconto, malinconico cone un po' tutto il libro, ma in fondo quasi "a lieto fine" ...continue

    Rileggendolo mi sono resa conto che tante cose proprio non le ricordavo, mentre altre invece sono ritornate: il primo racconto, malinconico cone un po' tutto il libro, ma in fondo quasi "a lieto fine", è tra quelli che mi sono tornati in mente, il secondo, con il quasi-suicidio che diventa un salvataggio, lo ricordavo, anche se non benissimo, invece il racconto della visita di Olive al figlio a New York non lo ricordavo affatto, forse perché è uno di quelli che mi ha distrubato di più.

    said on 

  • 4

    Un libro bellissimo e malinconico. Fotografie di persone e luoghi che sono scritte in modo pulito, puntuale e che risultano di una bellezza tutta speciale. E' davvero un libro bello ma non so se lo re ...continue

    Un libro bellissimo e malinconico. Fotografie di persone e luoghi che sono scritte in modo pulito, puntuale e che risultano di una bellezza tutta speciale. E' davvero un libro bello ma non so se lo regalerò, perchè per tutta la lettura mi è rimasto un groppo in gola di quella commozione vera, però con una sfumatura triste.

    said on 

  • 5

    Grande libro. A tratti deprime, ma con quella malinconia propria del vivere. È una botta di tristezza accompagnata dalla certezza che si può andare sempre avanti, perché fino in fondo non sappiamo cos ...continue

    Grande libro. A tratti deprime, ma con quella malinconia propria del vivere. È una botta di tristezza accompagnata dalla certezza che si può andare sempre avanti, perché fino in fondo non sappiamo cosa ci riserva il destino. Ogni capitolo traccia "singole" storie con la presenza di Olive, più o meno vicina o protagonista. Splendidi "concerto d'inverno", "tulipani" e "cestino da viaggio","fiume"..., mi accorgo che se non mi fermo, per una ragione o per l'altra potrei nominarli tutti...

    said on 

  • 5

    Lo rileggo piano piano, più o meno nell’ ordine proposto per i capitoli. Non è un ordine obbligato, si potrebbero prendere i vari pezzi dello specchio e ricomporli in ordine sparso, cogliendo qui una ...continue

    Lo rileggo piano piano, più o meno nell’ ordine proposto per i capitoli. Non è un ordine obbligato, si potrebbero prendere i vari pezzi dello specchio e ricomporli in ordine sparso, cogliendo qui una mano, lì un occhio, altrove una grossa figura, o solo un fugace riflesso.
    Olive è dappertutto, è nella vita di tutti, è il meglio e il peggio di tutti.
    Olive Kitteridge, c’est moi.

    said on 

  • 3

    bel romanzo corale, quasi fosse un film alla Altman
    Olive Kitteridge, donna dal carattere spigoloso e solo in apparenza forte, appare in ogni racconto, a volte come protagonista a volte come comparsa ...continue

    bel romanzo corale, quasi fosse un film alla Altman
    Olive Kitteridge, donna dal carattere spigoloso e solo in apparenza forte, appare in ogni racconto, a volte come protagonista a volte come comparsa

    said on 

  • 3

    La parte più interessante è la concezione del libro: una serie di racconti che orbitano attorno ad una protagonista in modo più o meno diretto. Per i racconti in quanto tali il giudizio è variabile. ...continue

    La parte più interessante è la concezione del libro: una serie di racconti che orbitano attorno ad una protagonista in modo più o meno diretto. Per i racconti in quanto tali il giudizio è variabile.

    said on 

Sorting by