Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Olive Kitteridge

A Novel in Stories

By

Publisher: Pocket Books

3.9
(2085)

Language:English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Catalan , Spanish , German , French , Czech , Portuguese

Isbn-10: 0743467728 | Isbn-13: 9780743467728 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Olive Kitteridge ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Olive Kitteridge might be described by some as a battle axe or as brilliantly pushy, by others as the kindest person they had ever met. Olive herself has always been certain that she is 100% correct about everything - although, lately, her certitude has been shaken.
This indomitable character appears at the centre of these narratives that comprise Olive Kitteridge. In each of them, we watch Olive, a retired schoolteacher, as she struggles to make sense of the changes in her life and the lives of those around her - always with brutal honesty, if sometimes painfully. Olive will make you laugh, nod in recognition, as well as wince in pain or shed a tear or two. We meet her stoic husband, bound to her in a marriage both broken and strong, and her own son, tyrannised by Olive's overbearing sensitivities. The reader comes away, amazed by this author's ability to conjure this formidable heroine and her deep humanity that infiltrates every page.
Sorting by
  • 4

    quando inizia la corsa al Natale e tutti si raduno intorno alle compere, niente di meglio che tante belle storie di gente che si condanna all'infelicità eterna

    said on 

  • 5

    Appena finito lo devo infilare nella libreria, che ho il libro vero, non l'ebook. Con gli americani non ci sta, dovrei scompaginare troppe robe. Però se stringo un po' sta tra gli irlandesi, vicino alla O'Brien e McCourt. Lo metto là. E poi capisco che è un ottima scelta. Avessi anche Stoner cart ...continue

    Appena finito lo devo infilare nella libreria, che ho il libro vero, non l'ebook. Con gli americani non ci sta, dovrei scompaginare troppe robe. Però se stringo un po' sta tra gli irlandesi, vicino alla O'Brien e McCourt. Lo metto là. E poi capisco che è un ottima scelta. Avessi anche Stoner cartaceo, metterei pure lui là in mezzo. Aggiungici uno Scerbanenco a caso e diventerebbe il ripiano dei libri tristissimi. Perché è triste Olive Kitteridge, accidenti se lo è, triste e senza speranza. Non leggetelo, se volete tirarvi su di morale. A me ha lasciato la stessa sensazione di quando
    qualcuno passava a trovare mia nonna e lei, ormai moribonda, infilava il macchinino per drenare i polmoni dentro una busta. Faceva piangere, quella busta di Zara da cui spuntava un tubino di plastica che andava a infilarsi sotto il vestito.

    Oppure, mi ha ricordato anche un pensionato. Questo pensionato, per la precisione: https://www.youtube.com/watch?v=BC5Jcf9DkW0

    said on 

  • 5

    La scorbutica, caustica e imprevedibile Olive Kitteridge, non è una donna "strana", al contrario contiene in sè tutte le contraddizioni e le piccolezze, ma anche le generosità, che troviamo in noi stessi e che poi ognuno vive a modo suo: lei si innamora di un altro uomo, lei si vergogna del suo e ...continue

    La scorbutica, caustica e imprevedibile Olive Kitteridge, non è una donna "strana", al contrario contiene in sè tutte le contraddizioni e le piccolezze, ma anche le generosità, che troviamo in noi stessi e che poi ognuno vive a modo suo: lei si innamora di un altro uomo, lei si vergogna del suo essere così "ingombrante" , lei è dura , ma aiuta i ragazzi in difficoltà, lei ha un rapporto difficile e conflittuale con il figlio, lei non ama suo marito, ma gli vuole bene, lei non è perfetta come tutti noi. E intorno a questa donna così "normale" si muovono le storie di tante persone che vivono nella stessa città di Olive che gioiscono e che soffrono. Splendido

    said on 

  • 0

    Intimo

    bel romanzo,scritto in modo impeccabile,narra le vicende personali degli abitanti di una cittadina del Maine attraverso gli occhi di Olive Kitteridge,scontrosa e diffidente signora anziana,amante dei fiori e poco amata dal resto della popolazione,figlio compreso.Solo i più sensibili riescono ad a ...continue

    bel romanzo,scritto in modo impeccabile,narra le vicende personali degli abitanti di una cittadina del Maine attraverso gli occhi di Olive Kitteridge,scontrosa e diffidente signora anziana,amante dei fiori e poco amata dal resto della popolazione,figlio compreso.Solo i più sensibili riescono ad apprezzare questo suo carattere duro che ad un esame più attento risulta invece dolce ed esattamente attendo a tutto quanto la circonda.

    said on 

  • 5

    Questo romanzo è una meraviglia, se volete perdervi in una storia intima e raccolta e, al tempo stesso, non avete molto tempo per leggere -essendo un romanzo composto da tanti racconti che ruotano attorno alla protagonista Olive-, questo romanzo fa per voi...frase culto: "Non abbiate paura della ...continue

    Questo romanzo è una meraviglia, se volete perdervi in una storia intima e raccolta e, al tempo stesso, non avete molto tempo per leggere -essendo un romanzo composto da tanti racconti che ruotano attorno alla protagonista Olive-, questo romanzo fa per voi...frase culto: "Non abbiate paura della vostra fame. Se ne avrete paura, sarete soltanto degli sciocchi qualsiasi." Ma anche: "Se non riesci a capire qualcosa...non guardare a quel che pensi, guarda a quel che fai".

    said on 

  • 5

    Le piccole cose che fanno la differenza.

    È un romanzo di lettura faticosa questo, non per la modalità con cui è scritto...in quanto alla scrittura questa è perfetta, asciutta, senza sbavature.


    Racconta con lucido e spietato realismo, l'universo che costituisce il mondo quotidiano.


    La Strout mostra, non dice.


    Attrave ...continue

    È un romanzo di lettura faticosa questo, non per la modalità con cui è scritto...in quanto alla scrittura questa è perfetta, asciutta, senza sbavature.

    Racconta con lucido e spietato realismo, l'universo che costituisce il mondo quotidiano.

    La Strout mostra, non dice.

    Attraverso le piccole cose quotidiane, le piccole disattenzioni, i detti e non detti ricrea una realtà, che per quanto reale, è quasi brutale. La tecnica del racconto con personaggi che accomunano i racconti, già trovata in altri romanzi, è molto efficace. Fa comporre al lettore un mosaico che presenta un quadro della situazione, della realtà che vuole esaminare lo scrittore, che si compone a poco a poco... Un po' come nella vita reale in cui, non ci sono presentazioni, non ci sono introduzioni.

    Centrale nei racconti è Olive, una donna di oltre settanta anni. Olive è brusca, è urtante, è devastata, è grassa, non si piace, è scomoda, è lucida, ha un rapporto col marito e col figlio conflittuali, soprattutto col figlio ha un rapporto che provoca malessere. Lo ama tanto, troppo, ma non riesce ad arrivare... Si rende conto dell'importanza del rapporto col marito, solo quando non ha piu' modo di dimostragli nulla...

    Non ci sono urla, non ci sono drammi, è tutto spietatamente reale.

    Una conversazione ascoltata che non si doveva ascoltare, una macchia su un vestito, un’ ultima parola non detta, un abbraccio o un bacio non dato… e lentamente, camminando con lei, anche il lettore si rende conto “che non sapeva quello che tutti dovrebbero sapere: che sprechiamo inconsciamente un giorno dopo l’altro”.

    Amaro eh?
    Da leggere però… quando si è predisposti.

    said on 

  • 5

    Chapeau all'autrice un gioiellino imperdibile...emoziona...diverte...fa riflettere...cosa chiedere di piu' ad un libro...ps...da leggere ed assaporare lentamente.

    said on 

  • 4

    literary fiction vs narrativa

    E. Strout in certi momenti addirittura ti sorprende per le capacità inventive e per la scorrevolezza della sua scrittura. E' un' autrice che riprende la lezione dei grandi classici americani, aggiornandola un po'. Comunque come tanti anche grandissimi scrittori contemporanei non sembra scrivere p ...continue

    E. Strout in certi momenti addirittura ti sorprende per le capacità inventive e per la scorrevolezza della sua scrittura. E' un' autrice che riprende la lezione dei grandi classici americani, aggiornandola un po'. Comunque come tanti anche grandissimi scrittori contemporanei non sembra scrivere prima di tutto per se o per un suo bisogno, ma per i lettori, anzi per un certo tipo di lettore (un target?). E così i racconti che compongono questo comunque notevolissimo libro sono un repertorio dei problemi della terza età e di come gli anziani si rapportano fra di loro e con le altre categorie viventi. Insomma alla fine senti già odore di fiction. Hbo te ne dà la conferma producendo relativa miniserie con star del calibro di Frances Mc Dormand e Bill Murray.
    Vabbè niente di grave dopotutto.

    said on 

Sorting by