Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Oliver Twist

Di

Editore: Carroccio - Aldebaran

3.9
(3319)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Francese , Olandese , Danese , Svedese , Portoghese , Ceco , Polacco

Isbn-10: A000134989 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Teens

Ti piace Oliver Twist?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Cosa si può mai dire di fronte ad un'opera del genere? Solo non capisco quelli che hanno da ridire sul fatto che ci sia un'eccessiva sequela di sventure. Dickens caro, perdonali: potrai pure continuar ...continua

    Cosa si può mai dire di fronte ad un'opera del genere? Solo non capisco quelli che hanno da ridire sul fatto che ci sia un'eccessiva sequela di sventure. Dickens caro, perdonali: potrai pure continuare ad indicarci la luna e tutte le stelle del firmamento, ma ci sarà sempre gente che continuerà a guardare il dito.

    ha scritto il 

  • 3

    é un bel romanzo, con tutti gli ingredienti della scrittura dickensiana. Disgrazie a go-go, molta tenerezza per il piccolo protagonista e l'immancabile happy ending che scioglie tutti i nodi della sto ...continua

    é un bel romanzo, con tutti gli ingredienti della scrittura dickensiana. Disgrazie a go-go, molta tenerezza per il piccolo protagonista e l'immancabile happy ending che scioglie tutti i nodi della storia. Solo fate un favore a voi stessi: EVITATE QUESTA EDIZIONE. EVITATELA COME SE NE DIPENDESSE LA VOSTRA VITA. è allucinante: refusi multipli per ogni pagina, traduzioni fatte malissimo con concordanze di tempi verbali sbagliate. Un casino. Se non fosse per il fatto che mi stava piacendo la storia e non volevo abbandonare la lettura lo avrei fatto. Credetemi è stata una sofferenza!

    ha scritto il 

  • 0

    Piacevoli disgrazie

    Ci sono un po' di disgrazie, questo è vero. Ma questo accade in molti romanzi di Dickens. Dopo tutto, se si vuole descrivere la situazione del popolo londinese di due secoli fa, non è che si possano f ...continua

    Ci sono un po' di disgrazie, questo è vero. Ma questo accade in molti romanzi di Dickens. Dopo tutto, se si vuole descrivere la situazione del popolo londinese di due secoli fa, non è che si possano fare descrizioni edulcorate più di tanto.
    Come tutti i romanzi dello stesso autore, si legge con piacere, anche perché la trama procede regolare, senza indugiare troppo in utili e pompose descrizioni.

    ha scritto il 

  • 3

    sfortunello il ragazzo :P

    Questo è un famoso romanzo ottocentesco. Ci sarà un motivo no? Ci hanno tratto anche un film (https://www.youtube.com/watch?v=82iK_O4qscQ) ed è anche stato citato in un famoso telefilm! Se vuoi sapere ...continua

    Questo è un famoso romanzo ottocentesco. Ci sarà un motivo no? Ci hanno tratto anche un film (https://www.youtube.com/watch?v=82iK_O4qscQ) ed è anche stato citato in un famoso telefilm! Se vuoi sapere cosa ne penso e perchè gli do complessivamente un voto di 6.5 leggi qui https://morraroberto.wordpress.com/2015/02/21/447/. Troverai consigli e impressioni da lettore a lettore

    ha scritto il 

  • 5

    "perché nessuno gli portava una candela?"

    Questo romanzo rappresenta uno di quei casi in cui lo stile dell'autore basta da solo a rendere interessante, piacevole ed appassionante la lettura. La storia non è, effettivamente, troppo realistica, ...continua

    Questo romanzo rappresenta uno di quei casi in cui lo stile dell'autore basta da solo a rendere interessante, piacevole ed appassionante la lettura. La storia non è, effettivamente, troppo realistica, almeno basandomi sulla zuccherosissima parte finale dove tutto viene svelato, ma ogni cosa nel racconto sembra tirare il lettore in una reale, buia e torbida città. Londra è tetra, umida e piovosa per tutta la storia, con le sue osterie sporche frequentate da brutti tipi, ladri ed ubriaconi, ingrigita dalla massa di poveri che la occupano. La ricchezza di dettagli e la bravura nel creare personaggi adatti ai vari luoghi credo sia superata solo dalla velata critica alla società dell'epoca che attraversa la prima metà del romanzo. Credevo che cinquecento pagine fossero troppe per raccontare le disavventure di un orfanello, invece alla fine del libro avrei voluto sapere di più sull'ebreo, il Furbacchione e i vari "cattivi" che hanno reso, in qualche modo, più avventurosa la vita del piccolo Oliver.

    ha scritto il 

  • 4

    Tutto pare colorato di nero con tenui sfumature di grigio. Grigio è il cielo, grigie son le strade umide e sporche, grigie e fumose son le pareti delle case e delle osterie. I malvagi, gli sfruttatori ...continua

    Tutto pare colorato di nero con tenui sfumature di grigio. Grigio è il cielo, grigie son le strade umide e sporche, grigie e fumose son le pareti delle case e delle osterie. I malvagi, gli sfruttatori di bambini privi totalmente di un briciolo di umanità sono i veri protagonisti delle avventure del piccolo Oliver. Ci sono anche i buoni, certo, ma è come se fossero, in qualche modo offuscati, dalla predominanza dei bruti, dei malvagi, degli insensibili che, da soli, rappresentano un modello di mondo triste, avido e privo di scrupoli. In quell'onnipresente grigio riesce comunque a incastonarsi qualche fugace nota di colore, qualche tratto anche troppo melò, ma nel complesso, decisamente, un bel romanzo che conferma, per quanto non ce ne sia bisogno, la grandezza di un grande autore.

    ha scritto il 

  • 4

    I want some more

    Siamo stati un po' tutti Oliver Twist: soli, spaventati, abbandonati e in costante bisogno di affetto, amore e gentilezza.
    Vorremmo essere come Nancy o Rose, avere il portamento di Mr.Brownlow e avere ...continua

    Siamo stati un po' tutti Oliver Twist: soli, spaventati, abbandonati e in costante bisogno di affetto, amore e gentilezza.
    Vorremmo essere come Nancy o Rose, avere il portamento di Mr.Brownlow e avere una nonna come Mrs. Bedwin.

    Mi è piaciuto molto: lo stile è accattivante, fresco e molto contemporaneo.
    Ho preferito Londra alla campagna e la parte in cui Rose si ammala diventa prolissa.
    Da leggere assolutamente.

    ha scritto il 

  • 2

    Che dire sul primo libro che ho letto di Charles Dickens? E' stato faticoso terminarlo, non vedevo l'ora di terminarlo, vabbeh l'ho trovato molto noioso e per questa ragione non credo che mi avventure ...continua

    Che dire sul primo libro che ho letto di Charles Dickens? E' stato faticoso terminarlo, non vedevo l'ora di terminarlo, vabbeh l'ho trovato molto noioso e per questa ragione non credo che mi avventurerò ancora nella lettura di altri libri dello stesso autore.

    ha scritto il 

Ordina per