Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Oltre l'invisibile

Urania Classici Fantascienza 9

Di

Editore: Mondadori (Urania Classici Fantascienza)

3.7
(81)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 191 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Russo , Francese , Polacco

Isbn-10: A000017127 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Tom Arno ; Curatore della serie: %author ; Illustrazione di copertina: Karel Thole

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Oltre l'invisibile?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In riva a un fiume, su Aldebaran XII, c'è un'astronave schiantata. Intorno giacciono i cadaveri semicarbonizzati di cinque uomini. Ma non si tratta di un incidente; e tra i cinque «umani» c'è una leggera differenza: tre sono uomini mentre gli altri due, distinti soltanto da un segno sulla fronte, «non sono che androidi». Di qui prende l'avvio questo classico che è uno dei primi e resta uno dei più impegnati romanzi di Simak: un autore che si sarebbe tentati di definire «umanitario» se tutte le sue opere non fossero dirette precisamente a superare quanto c'è di retorico e di ottocentesco, di limitato, di arretratamente antropocentrico, in ciò che comunemente s'intende per «umanitarismo».
Ordina per
  • 3

    Un uomo torna dopo vent'anni da un misterioso pianeta. Torna non più umano e portando dentro di sè una sorta di nuova religione/filosofia che mette sullo stesso piano tutte le creature e non solo l'uomo al vertice di tutto. Molto meno bello di altri libri dello stesso autore. Direi tre stelle e m ...continua

    Un uomo torna dopo vent'anni da un misterioso pianeta. Torna non più umano e portando dentro di sè una sorta di nuova religione/filosofia che mette sullo stesso piano tutte le creature e non solo l'uomo al vertice di tutto. Molto meno bello di altri libri dello stesso autore. Direi tre stelle e mezzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Un'astronave che non è in condizioni di viaggiare con a bordo un uomo che probabilmente non è più solamente umano ritorna da una missione in un pianeta lontano portando con se il mistero che aleggia intorno a Cygni VII. Il libro è un crescendo dei temi classici della fantascienza: androidi; viagg ...continua

    Un'astronave che non è in condizioni di viaggiare con a bordo un uomo che probabilmente non è più solamente umano ritorna da una missione in un pianeta lontano portando con se il mistero che aleggia intorno a Cygni VII. Il libro è un crescendo dei temi classici della fantascienza: androidi; viaggi nel tempo; guerre intergalattiche e 'ultracorpi'. Meglio la prima parte fino al ritorno di Sutton nel suo tempo, poi si va verso una conclusione insoddisfacente.

    ha scritto il 

  • 5

    Simak: oltre l'invisibile

    rece completa qui: http://beatblog2.blogspot.it/2013/06/clifford-d-simak-p…

    Oltre l'invisibile (1951) è uno dei più celebri romanzi di Simak, in cui vengono snocciolati – purtroppo in modo troppo superficiale e sparso – spunti speculativi davvero all'avanguardia. C ...continua

    rece completa qui: http://beatblog2.blogspot.it/2013/06/clifford-d-simak-pt1-oltre-linvisibile.html

    Oltre l'invisibile (1951) è uno dei più celebri romanzi di Simak, in cui vengono snocciolati – purtroppo in modo troppo superficiale e sparso – spunti speculativi davvero all'avanguardia. C'è il fondamento della poetica di Simak, forse ancora un po' alla rinfusa sebbene il salto di qualità tra Ingegneri cosmici e Oltre l'invisibile sia assoluto.
    Il concetto fondamentale, per Simak, è la possibilità di una condizione di vita diversa da quella che conosciamo, situata in un altrove più o meno specificato. In questo caso su un pianeta lontano, padroneggiata da una sorta di coscienza intangibile (ma tratteggiata come un microrganismo). Essa rappresenta per l'uomo la possibilità di un eterno paradiso e, quindi, è una assoluta rivoluzione. Sutton, che l'ha scoperta ed è tornato inspiegabilmente da una missione finita male, vuole diffondere questa conoscenza mediante un libro che avrà importanza biblica. Viene osteggiato da alcuni gruppi rivali che, dal futuro, ritornano per cercare di cambiare la storia. [...]

    ha scritto il 

  • 4

    Viaggi nel tempo, guerra, androidi, intrighi e macchinazioni : temi classici della sf che Simak rivitalizza in modo originale, attraverso il suo sguardo poetico, umanista, tollerante.

    ha scritto il 

  • 4

    Il primo romanzo di Simak e probabilmente il suo capolavoro.Di quest'opera colpisce la grande fotografia che l'autore riesce a dare della situazione degli umani e di quella degli androidi pur senza annoiare con lunghe filippiche.Il fatto che si parli di salti temporali (viaggi nel tempo) conferis ...continua

    Il primo romanzo di Simak e probabilmente il suo capolavoro.Di quest'opera colpisce la grande fotografia che l'autore riesce a dare della situazione degli umani e di quella degli androidi pur senza annoiare con lunghe filippiche.Il fatto che si parli di salti temporali (viaggi nel tempo) conferisce spesso alla narrazione l'aria del sogno, con molti elementi onirici che però non appesantiscono il racconto.Forse un po troppo ruffiano e buonista il finale ma lo svolgimento è da applausi.

    ha scritto il 

  • 4

    bello, bello, bello

    nel mio vagabondare fra gli urania, ho incontrato questo piccolo gioiello.
    una bellissima trama che si dipana nei difficili meandri dello spazio e del tempo, senza mai diventare nè incomprensibile nè troppo ambiziosa. il tutto condito da una visione del " destino" quanto mai audace ma di be ...continua

    nel mio vagabondare fra gli urania, ho incontrato questo piccolo gioiello.
    una bellissima trama che si dipana nei difficili meandri dello spazio e del tempo, senza mai diventare nè incomprensibile nè troppo ambiziosa. il tutto condito da una visione del " destino" quanto mai audace ma di bellissimo significato.
    quanto " umani" possono essere gli androidi? e cosa può mai pensare un topo della propria vita? concetti accarezzati il tempo giusto della narrazione, senza appesantire troppo la storia.
    peccato il finale, deludente al punto da fargli perdere una stellina. consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 3

    Tutte le spedizioni verso 61 Cygni, hanno visto deviare la rotta delle astronavi senza riuscire a capirne il motivo. Asher Sutton è stato inviato da solo per tentare l'esplorazione e non è più ritornato. Il libro inizia venti anni dopo, quando Sutton, nonostante sembri morto nell'esplosione della ...continua

    Tutte le spedizioni verso 61 Cygni, hanno visto deviare la rotta delle astronavi senza riuscire a capirne il motivo. Asher Sutton è stato inviato da solo per tentare l'esplorazione e non è più ritornato. Il libro inizia venti anni dopo, quando Sutton, nonostante sembri morto nell'esplosione della sua nave, torna indietro. Sutton si troverà al centro della lotta tra umani del presente, robot che vogliono essere riconosciuti come umani, e umani che arrivano dal futuro viaggiando nel tempo.

    ha scritto il