Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Omicidio a Lorient. Le indagini di Mary Lester, ispettore di polizia in Bretagna

Di

3.3
(47)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Altri

Isbn-10: 8873718051 | Isbn-13: 9788873718055 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Omicidio a Lorient. Le indagini di Mary Lester, ispettore di polizia in Bretagna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Ebbene io mi sono divertita molto! scritto circa 20 anni fa ha già la patina del tempo che lo rende un po' "antico" e forse questo è un ulteriore motivo che me lo ha fatto apprezzare.
    Mary Lester è un ...continua

    Ebbene io mi sono divertita molto! scritto circa 20 anni fa ha già la patina del tempo che lo rende un po' "antico" e forse questo è un ulteriore motivo che me lo ha fatto apprezzare.
    Mary Lester è un personaggio simpaticissimo, il giallo è leggero e ha note umoristiche, è in più è scorrevole e si legge piacevolmente se si ha voglia di qualcosa di carino ma al tempo stesso di leggero.

    Mi sono già segnata tutta la serie da leggere.

    ha scritto il 

  • 3

    Ebbene io mi sono divertita molto! scritto circa 20 anni fa ha già la patina del tempo che lo rende un po' "antico" e forse questo è un ulteriore motivo che me lo ha fatto apprezzare.
    Mary Lester è un ...continua

    Ebbene io mi sono divertita molto! scritto circa 20 anni fa ha già la patina del tempo che lo rende un po' "antico" e forse questo è un ulteriore motivo che me lo ha fatto apprezzare.
    Mary Lester è un personaggio simpaticissimo, il giallo è leggero e ha note umoristiche, è in più è scorrevole e si legge piacevolmente se si ha voglia di qualcosa di carino ma al tempo stesso di leggero.

    Mi sono già segnata tutta la serie da leggere.

    ha scritto il 

  • 2

    Non consigliato

    Un libro senz'anima, ben ambientato e scritto bene, ma mancante di forza e di una storia convincente.
    Troppo simile ad altri libri, i dialoghi potrebbero migliorare senza dubbio.
    Un finale poi aspetta ...continua

    Un libro senz'anima, ben ambientato e scritto bene, ma mancante di forza e di una storia convincente.
    Troppo simile ad altri libri, i dialoghi potrebbero migliorare senza dubbio.
    Un finale poi aspettato, niente di particolare.

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro comune per persone comuni (e questo non è un limite)

    Un buon giallo come se ne scrivevano una volta. Inutile cercare qui le atmosfere di Simenon, i cerebralismi di Eco o l'eccentricità di Camilleri, però il primo libro di questa lunga serie non mi ha de ...continua

    Un buon giallo come se ne scrivevano una volta. Inutile cercare qui le atmosfere di Simenon, i cerebralismi di Eco o l'eccentricità di Camilleri, però il primo libro di questa lunga serie non mi ha deluso. Direi che è un libro comune per persone comuni, e questo, per me, non è affatto un limite, anzi. A volte si ha bisogno di una semplice lettura di evasione, di potersi affezionare ad un personaggio che sia simile a noi, con le nostre idiosincrasie e le nostre ansie, ma anche con i nostri trasporti sentimentali e le nostre affezioni, positive e non. E Mary Lester, la protagonista di questo romanzo, è un personaggio molto simile ad una donna comune; non ha gesti eroici, non è dotata di superpoteri, come molte delle eroine circolanti (che sembra non abbiano mai pulito la casa in vita loro!). Per questo a Mary Lester ci si può affezionare, perché l'autore la descrive come una donna normale. Ripeto, lo stile non è eccelso, la trama è abbastanza semplice e lineare, i personaggi di contorno fortemente tipicizzati; ma Failler credo sia stato onesto con il lettore fin dall'inizio, facendo capire che lui voleva scrivere un libro di "genere", chi volesse cercare un libro di "alta letteratura" potrà rivolgersi altrove, le opportunità certo non mancano. Voto finale: 6,5

    ha scritto il 

  • 0

    Autore prolifico, Failler ha scritti una quarantina di romanzi con lo stesso personaggio, l'ispettrice Mary Lester, ambientandoli, mi sembra di capire, ognuno in una diversa cittadina della Bretagna. ...continua

    Autore prolifico, Failler ha scritti una quarantina di romanzi con lo stesso personaggio, l'ispettrice Mary Lester, ambientandoli, mi sembra di capire, ognuno in una diversa cittadina della Bretagna. Le descrizioni dell'ambiente sono ben fatte, alcuni personaggi descritti con cura ma solo come riempitivo, senza far parte della storia, altri sono solo accennati; la sensazione generale è quella di leggere raccontini adatti a un giornaletto gratuito a vasta distribuzione.
    Le due storie che ho letto (il primo e il secondo romanzo della serie) non reggono nella trama: addirittura nel secondo la refurtiva di una rapina prima viene restituita poi ricompare in mano ai ladri...
    Da non leggere.

    ha scritto il 

  • 2

    ... letto in lingua originale ...

    Decisamente niente di eccezionale... neppure la descrizione della costa bretone è, alla fine, interessante.
    Protagonista troppo eccessiva in alcuni atteggiamenti, più ...continua

    ... letto in lingua originale ...

    Decisamente niente di eccezionale... neppure la descrizione della costa bretone è, alla fine, interessante.
    Protagonista troppo eccessiva in alcuni atteggiamenti, più per necessità narrativa che altro.
    Forse è l'età del romanzo (dopo più di 10 anni siamo abituati a vedere ispettrici e poliziotte donne), forse è la solita opera prima, penalizzata dall'inesperienza... ma proprio mi ha detto poco.
    Tre indagini che si intrecciano e si rivelano essere una sola, personaggi macchiettosi, che non offrono profondità o autenticità, paesaggi appena accennati, che offrono poco al lettore che non li conosce.
    Opera dimenticabile, che non impegna a leggere le 37 successive... per fortuna...

    ha scritto il