Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

One Good Turn

By

Publisher: Transworld Publishers Ltd

3.8
(79)

Language:English | Number of Pages: 400 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Norwegian

Isbn-10: 0385608004 | Isbn-13: 9780385608008 | Publish date: 

Also available as: Audio CD , Audio Cassette , Paperback , Others , eBook

Category: Crime , Mystery & Thrillers , Non-fiction

Do you like One Good Turn ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A brilliant new thriller from the author of 2005's breakout favorite, Case Histories, again featuring the irresistibly reluctant detective Jackson Brodie. Two years after the events of Case Histories left him a retired millionaire, former detective Jackson Brodie has followed Julia, his occasional girlfriend and former client, to Edinburgh for its famous summer arts festival. But when he watches a man brutally attacked in a traffic jam--the apparent victim of an extreme case of road rage--a chain of events is set in motion that will pull the wife of an unscrupulous real estate tycoon, a timid but successful crime novelist, and a hardheaded female police detective into Jackson's orbit. Suddenly out of retirement, Brodie is once again in the midst of several mysteries that intersect in one giant and sinister scheme. A triumphant novel filled with wit and surprise and intrigue, ONE GOOD TURN will delight the many fans who applauded Kate Atkinson's first foray into thrillers, and it will win her even more devoted readers as she continues to blur the boundaries that divide literary and crime fiction.
Sorting by
  • 3

    Un colpo di fortuna, tradotto in italiano da Ada Arduini nel 2009 per Einaudi, è la seconda avventura dell’ex investigatore privato Jackson Brodie. Ironico e spiazzante come I casi dimenticati e Aspet ...continue

    Un colpo di fortuna, tradotto in italiano da Ada Arduini nel 2009 per Einaudi, è la seconda avventura dell’ex investigatore privato Jackson Brodie. Ironico e spiazzante come I casi dimenticati e Aspettando buone notizie (rispettivamente l’avventura uno e l’avventura tre di Brodie), il romanzo è meno ricco nella costruzione del giallo e nella raffigurazione dei personaggi (in particolare lui, Brodie, appare un po’ appannato: possibile che si rassegni a stare appresso a quell’insulsa di Julia, che recita in spettacoli di infimo ordine e chiaramente si è stufata del loro rapporto?). La parte migliore di Un colpo di fortuna è la satira del mondo letterario e delle figure che lo popolano. La scena in cui Martin, il riluttante autore della serie di Nina Riley, affronta il festival di Edimburgo, con la presentatrice “emaciata dalle credenziali incerte”, la collega dell’Alabama con i denti gialli e l’aria trasandata e il collega aggressivo del Nord che lo accusa di scrivere “stronzate populiste” è molto divertente. Poi c’è Louise, giovane poliziotta single con figlio sedicenne mezzo teppista e c’è Gloria, grata alla prostituta russa tra le cui braccia suo marito ha avuto l’ictus che la libererà da lui. Nel complesso vale la lettura.

    said on 

  • 0

    Un giallo che ha molto del romanzo.

    Mi spiego: nei gialli di stretta aderenza al genere l'elemento centrale è la storia e tutto gira intorno ad essa, sia il disegno dei personaggi che il tratteggio de ...continue

    Un giallo che ha molto del romanzo.

    Mi spiego: nei gialli di stretta aderenza al genere l'elemento centrale è la storia e tutto gira intorno ad essa, sia il disegno dei personaggi che il tratteggio dell'ambiente, come anche il ritmo della narrazione e le divagazioni, quando viene loro concesso qualche spazio. E' una soluzione coerente e razionale perchè la storia è una "murder story", un thriller e quello che interessa il lettore è "cosa succede e come va a finire". Anche nei casi in cui l'ambientazione gioca un ruolo forte (penso ai gialli storici od a quelli ambientati in città fortemente caratterizzate) in realtà si continua a fissare l'attenzione sulla storia.

    Bene, parafrasando dei noti economisti, questa volta è differente: a me è sembrato evidente che oltre alla storia, debitamente intricata, giocata sul filo dell'assurdo e con una conclusione al contempo ironica e con colpo di scena, ci sia il desiderio prepotente di parlare dei personaggi, della loro vita e dei loro sentimenti al di là e con maggiore profondità di quanto il plot giallo richiederebbe.
    Tutto ciò non è immediatamente evidente ma quanto più ci si inoltra nella lettura, tanto più ci si accorge che si "leggermente" fuori dagli schemi; inizialmente provando un leggero festidio, poi con sorpresa e poi (...almeno nel mio caso!) con piacere.

    said on 

  • 4

    bookshelves: autumn-2013, one-penny-wonder, paper-read, published-2006, series, bedside, handbag-read
    Read from September 07 to 18, 2013

    One penny wonder, Lavenham

    My cover has a decapitated green and ...continue

    bookshelves: autumn-2013, one-penny-wonder, paper-read, published-2006, series, bedside, handbag-read
    Read from September 07 to 18, 2013

    One penny wonder, Lavenham

    My cover has a decapitated green and white tour bus rolling along Princes Street, where the blurred backdrop is the castle.

    Opening: He was lost. He wasn't used to being lost.

    ¡¡WIMP WHACKS WOOD-WIELDING WANKER!!

    This has been my reward for busy days; a little Good Turn on the pillow, and snuck away for a glimpse of the odd delicious paragraph in the handbag.

    this second concatenatic is slightly better than the first

    musical backdrop

    4* Case Histories
    4* One Good Turn
    3 likes

    said on 

  • 2

    Odio i libri, in particolare i gialli che iniziano a descrivere un episodio e poi divagano per quattro pagine superflue prima di tornare ai fatti. Ho sempre la sensazione che si debba rendere "corposo ...continue

    Odio i libri, in particolare i gialli che iniziano a descrivere un episodio e poi divagano per quattro pagine superflue prima di tornare ai fatti. Ho sempre la sensazione che si debba rendere "corposo" il libro. In ogni caso un libro, per me, del tutto inutile.

    said on 

  • 3

    Così-così...

    Romanzo con dei personaggi talmente complessati da farmi venire un sorriso nelle situazioni (a pensarci bene, abbastanza comiche) che si creano nei loro intrecci.

    said on 

  • 0

    For a good 100 pages I was wondering what was going to happen as all characters had already been described in good detail, then something happened and I couldn't stop reading. I liked the descriptions ...continue

    For a good 100 pages I was wondering what was going to happen as all characters had already been described in good detail, then something happened and I couldn't stop reading. I liked the descriptions and the story, even though I was shocked in two specific parts of it.

    said on 

  • 4

    «Jackson didn't like change, he liked to think things could stay the same for ever. Change was insidious, creeping up on you as if it was playing a game of statues.»

    said on 

  • 4

    How does Kate Atkinson do this? She takes three different genres -literary, detective and humorous fiction - puts them in a bag, shakes them together and ends up with a book you can neither classify n ...continue

    How does Kate Atkinson do this? She takes three different genres -literary, detective and humorous fiction - puts them in a bag, shakes them together and ends up with a book you can neither classify nor put down.

    said on 

  • 3

    Intreccio confuso

    Atkinson, quanto scrivi bene di solito, però ... qui si parte da un incidente stradale con qualche complicazione di troppo e ci si ritrova, una pagina via l'altra, nella confusione più totale. Uno, du ...continue

    Atkinson, quanto scrivi bene di solito, però ... qui si parte da un incidente stradale con qualche complicazione di troppo e ci si ritrova, una pagina via l'altra, nella confusione più totale. Uno, due, tre, quattro, cinque: ma quanti saranno i protagonisti di questa confusa vicenda che si svolge a Edimburgo come per caso? E soprattutto quante storie, utilizzando il meccanismo narrativo simile a una matrioska, troveranno una risposta plausibile arrivati alla parola fine? Io francamente non ne ho trovata nemmeno una!

    said on