Open

An Autobiography

By

Publisher: HarperCollins Publishers

4.2
(4985)

Language: English | Number of Pages: 400 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Chi traditional , Italian , Dutch , French , Spanish

Isbn-10: 0007281439 | Isbn-13: 9780007281435 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , eBook , Others , Audio CD

Category: Biography , Fiction & Literature , Sports, Outdoors & Adventure

Do you like Open ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
He is one of the most beloved athletes in history and one of the most gifted men ever to step onto a tennis court - but from early childhood Andre Agassi hated the game. Coaxed to swing a racket while still in the crib, forced to hit hundreds of balls a day while still in grade school, Agassi resented the constant pressure even as he drove himself to become a prodigy, an inner conflict that would define him. Now, in his beautiful, haunting autobiography, Agassi tells the story of a life framed by such conflicts. Agassi makes us feel his panic as an undersized seven-year-old in Las Vegas, practicing all day under the obsessive gaze of his violent father. We see him at thirteen, banished to a Florida tennis camp. Lonely, scared, a ninth-grade dropout, he rebels in ways that will soon make him a 1980s icon. By the time he turns pro at sixteen, his new look promises to change tennis forever, as does his lightning fast return. And yet, despite his raw talent, he struggles early on. We feel his confusion as he loses to the world's best, his greater confusion as he starts to win.
After stumbling in three Grand Slam finals, Agassi shocks the world, and himself, by capturing the 1992 Wimbledon. Overnight he becomes a fan favorite and a media target. Agassi brings a near-photographic memory to every pivotal match, and every public relationship. Alongside vivid portraits of rivals, Agassi gives unstinting accounts of his brief time with Barbra Streisand and his doomed marriage to Brooke Shields. He reveals the depression that shatters his confidence, and the mistake that nearly costs him everything. Finally, he recounts his spectacular resurrection and his march to become the oldest man ever ranked number one. In clear, taut prose, Agassi evokes his loyal brother, his wise coach, his gentle trainer, all the people who help him regain his balance and find love at last with Stefanie Graf. With its breakneck tempo and raw candor, Open will be read and cherished for years. A treat for ardent fans, it will also captivate readers who know nothing about tennis. Like Agassi's game, it sets a new standard for grace, style, speed and power.
Sorting by
  • 5

    Viaggio nella mente

    Open è l'autobiografia di un grande tennista. Benissimo messa su carta da J. R. Moehringer, giornalista premio Pulitzer.
    Ma è soprattutto la storia di un uomo. Che cade nella polvere varie volte, che ...continue

    Open è l'autobiografia di un grande tennista. Benissimo messa su carta da J. R. Moehringer, giornalista premio Pulitzer.
    Ma è soprattutto la storia di un uomo. Che cade nella polvere varie volte, che torna altrettante volte al successo.
    Ed è questo intrecciarsi di vita e sport, sconfitta e vittoria, ammissione di vizi e debolezze, dal parrucchino alle droghe, di amori perduti e felicemente portati all'altare, a fare di questo libro un gioiello.
    Perché dietro il tennista e l'uomo Agassi, può esserci ognuno di noi.

    said on 

  • 4

    Il voto alto non è certo dovuto allo stile, per quanto giornalistico e dunque scorrevole (dote comunque rara nelle biografie di sportivi) della scrittura, quanto piu' per i contenuti e gli aneddoti ch ...continue

    Il voto alto non è certo dovuto allo stile, per quanto giornalistico e dunque scorrevole (dote comunque rara nelle biografie di sportivi) della scrittura, quanto piu' per i contenuti e gli aneddoti che rivelano la psiche problematica di un tennista e un figlio in perenne lotta con sé stesso. Ottima lettura leggera.

    said on 

  • 5

    Open di André Agassi
    [...] La vita è un incontro di tennis tra estremi polarmente opposti. Vincere o perdere, amare o odiare, aperto o chiuso. È utile riconoscere presto questo fatto penoso. Quindi ri ...continue

    Open di André Agassi
    [...] La vita è un incontro di tennis tra estremi polarmente opposti. Vincere o perdere, amare o odiare, aperto o chiuso. È utile riconoscere presto questo fatto penoso. Quindi riconoscete gli estremi contrapposti in voi e se non riuscite ad accettarli o a riconciliarvi con essi, almeno ammetteteli e tirate avanti. L'unica cosa che non potete fare è ignorarli.
    Open è la biografia di André Agassi, tennista professionista per venti anni.
    La sua infanzia non è stata idilliaca, eterno contrasto con il padre, che lo voleva vincente ad ogni costo, pure contro la sua felicità.
    Anche in amore inizialmente non è stato fortunato...
    Dopo un matrimonio fallito alle spalle, finalmente ha trovato il vero amore Stephanie, che le darà due figli.
    Tutta la sua vita è una lotta, sogna di smettere di giocare ma contemporaneamente non vuole...
    Una lotta con se stesso, sul campo cerca di sconfiggere se stesso non gli avversari.
    Si ritroverà a toccare il fondo, e da lì ricominciare.
    Oltre ad essere un grande giocatore è un grande uomo, grazie alle sue esperienze negative e positive, decide di aprire un associazione per aiutare i più deboli, i bambini.
    [...] Non priverei mai nessuno dell'esperienza istruttiva di perdere...
    È dall'esperienza che traiamo insegnamento, questo André l'ha provato su se stesso.
    Lo consiglio anche a chi come me non capisce niente di Tennis.

    said on 

  • 4

    Avvincente e asciutto, decisamente una sorpresa

    Non un capolavoro, ma certamente una biografia interessante e molto ben scritta, che rende avvincente la vita di un tennista conosciuto, ma con risvolti inattesi. Senza mai scendere nel patetico o nel ...continue

    Non un capolavoro, ma certamente una biografia interessante e molto ben scritta, che rende avvincente la vita di un tennista conosciuto, ma con risvolti inattesi. Senza mai scendere nel patetico o nel troppo intimistico e senza concedere nulla al gossip, questo libro immerge il lettore nel mondo di chi fa sport a livello professionistico da un punto di vista molto umano e reale.

    said on 

  • 4

    L'autobiografia di Agassi scritta con l'aiuto di uno scrittore o la biografia scritta da uno scrittore sulla base dei racconti di Agassi? Poco importa, secondo me.
    il libro in effetti fila via che è u ...continue

    L'autobiografia di Agassi scritta con l'aiuto di uno scrittore o la biografia scritta da uno scrittore sulla base dei racconti di Agassi? Poco importa, secondo me.
    il libro in effetti fila via che è un piacere ma non sempre i libri che filano lisci sono necessariamente libri belli. in questo caso si può dire che l'esperimento è riuscito a metà.
    da un lato c'è la prosa scorrevole e furba, una storia a tratti molto appasionante che si congiunge alla nostra storia recente e quindi in qualche modo ci coinvolge. una storia di formazione in cui seguiamo passo passo la crescita del protagonista che ci racconta le sue vicende come se fossimo suoi amici intimi e finisce che forse un po' ti senti tale.
    però, a volte anche gli amici intimi si annoiano ad ascoltare certi racconti, che la vita non è sempre divertente o interessante. così anche in questo libro ci sono parti che potevano essere sforbiciate, considerazioni ridondanti e troppe partite raccontate e, come un amico intimo ci si può rendere conto che alcune considerazioni, soprattutto quelle positive finali, sono un po' deboli e stridono se contrapposte al tono orgoglioso del racconto.
    nonostatne ciò, nonostante la "romanzatura" degli eventi, nonostante il tono che comunque giustifica quasi sempre il protagonista facendolo risultare una specie di eroe molto umano quando magari ci poteva essere un po' più di autocritica su alcuni episodi, letta l'ultima pagina viene subito da pensare "e domani come faccio senza di loro?" e questo giustifica una stella in più rispetto a quello che avrei dato.

    said on 

  • 5

    open. Come lui, Andrè Agassi, aperto, sincero, onesto. l'ho adorato. Non seguo il tennis, ricordo solo vagamente alcune immagini di partite, ma si è raccontato in maniera dettagliata, lucida e sempre ...continue

    open. Come lui, Andrè Agassi, aperto, sincero, onesto. l'ho adorato. Non seguo il tennis, ricordo solo vagamente alcune immagini di partite, ma si è raccontato in maniera dettagliata, lucida e sempre alla ricerca profonda di sé stesso. bellissimo.

    said on 

  • 5

    Per chi prende a pallate la vita, anche quando è sotto 2 a 0

    Una lettura per prendere a pallate la vita, anche quando sei sotto 2 set a 0. Il libro è del 2009, è stato pubblicato in Italia nel 2011 per Einaudi, ma vale la pena recuperarlo. Scritto, più che da A ...continue

    Una lettura per prendere a pallate la vita, anche quando sei sotto 2 set a 0. Il libro è del 2009, è stato pubblicato in Italia nel 2011 per Einaudi, ma vale la pena recuperarlo. Scritto, più che da Andre Agassi, dal giornalista premio Pulitzer John Joseph "J.R." Moehringer, racconta la vita di un uomo più che quella di un tennista da otto slam. Si passa da un torneo all'altro, tra dritti e rovesci, ma è la storia di chi, ogni giorno, cerca di capire qualcosa dell'esistenza.

    said on 

  • 4

    Autobiografia romanzata di un campione: il racconto, anche se talvolta si perde un po' tra una racchettata, funziona alla grande e fila via che è un piacere, soprattutto nella prima, sorprendente, par ...continue

    Autobiografia romanzata di un campione: il racconto, anche se talvolta si perde un po' tra una racchettata, funziona alla grande e fila via che è un piacere, soprattutto nella prima, sorprendente, parte.

    said on 

  • 5

    Ingredienti: un corpo consumato da mille battaglie, una memoria lucida nel ripercorrere preziosi dettagli di partite storiche, un carattere da gladiatore fragile e spavaldo nato "con un ferro di caval ...continue

    Ingredienti: un corpo consumato da mille battaglie, una memoria lucida nel ripercorrere preziosi dettagli di partite storiche, un carattere da gladiatore fragile e spavaldo nato "con un ferro di cavallo su per il c**o", un uomo che solo crescendo riuscirà ad accettare, rispettare ed amare un destino ed uno sport che odiava.
    Consigliato: a chi vuol vedere il vero volto di una maschera (e un parrucchino) di successo, a chi vuol toccare le corde più delicate di una racchetta di lusso.

    said on 

Sorting by
Sorting by