Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Open

An Autobiography

By Andre Agassi

(69)

| Hardcover | 9780307268198

Like Open ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

From Andre Agassi, one of the most beloved athletes in history and one of the
most gifted men ever to step onto a tennis court, a beautiful, ...

834 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    p.5 "Apro gli occhi e non so dove sono o chi sono. Non è una novità: ho passato metà della mia vita senza saperlo."
    p.5 "Gioco a tennis per vivere, anche se odio il tennis, lo odio di una passione oscura e segreta, l'ho sempre odiato."
    p.5 "L'odio mi ...(continue)

    p.5 "Apro gli occhi e non so dove sono o chi sono. Non è una novità: ho passato metà della mia vita senza saperlo."
    p.5 "Gioco a tennis per vivere, anche se odio il tennis, lo odio di una passione oscura e segreta, l'ho sempre odiato."
    p.5 "L'odio mi mette in ginocchio, l'amore mi fa alzare in piedi."
    p.12 "Ciò che provi alla fine non conta; il coraggio sta in ciò che fai."
    p.15 "La borsa da tennis assomiglia molto al tuo cuore: devi sapere in ogni momento cosa c'è dentro."
    p.67 "La vita non è forse così? Dice Perry. Piena di serrature assurde e altre cose inspiegabili?"
    p.122"In sostanza, non faccio altro che essere me stesso e poiché non so chi sono, i miei tentativi sono maldestri e fatti a casaccio - e, ovviamente contraddittori.
    p.157 "Da qualche parte lassù, c'è una stella con sopra il tuo nome. Forse non sarò capace di aiutarti a trovarla, ma le mie spalle sono forti e puoi salirci sopra mentre la cerchi."
    p.177 "Una vittoria non è così piacevole quant'è dolorosa una sconfitta."
    p. 198 "Saranno si e no cinque in un anno le volte che ti svegli perfetto, le volte che non puoi perdere con nessuno, ma non sono quelle cinque volte che fanno un tennista. O un essere umano, se è per questo. Sono tutte le altre."
    p. 280 "Dovunque tu sia arrivato nella vita, c'è sempre altra strada da percorrere."
    p. 284 "Parla della difficoltà di tutti i viaggi umani - eppure, dice, c'è chiarezza e nobiltà già solo nel fatto di essere in viaggio."

    Is this helpful?

    Claudia Bonfanti said on Oct 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nella prima metà quasi non si riesce a smettere di leggerlo, è un libro che prende davvero, inaspettatamente, anche se non si ha il pallino del tennis; immagino che piaccia soprattutto a quelli della mia generazione che Agassi lo guardavano giocare d ...(continue)

    Nella prima metà quasi non si riesce a smettere di leggerlo, è un libro che prende davvero, inaspettatamente, anche se non si ha il pallino del tennis; immagino che piaccia soprattutto a quelli della mia generazione che Agassi lo guardavano giocare da ragazzini e in queste pagine ritrovano la propria infanzia. Ad un certo punto però, il tutto prende una deriva buonista, saggia e infinitamente americana che a volte disturba e rende più pesante la lettura. Una cosa di aiuti ai bambini, di consapevolezze buone, di amore e serenità che fanno un po' redenzione e Mulino Bianco e rendono la storia un po' scontata e la lettura meno accattivante.
    Nell'edizione che ho preso io, oltre a qualche errore di stampa, al traduttore sono scappati un paio di congiuntivi resi dall'inglese con l'indicativo presente che sanno di terza elementare per chi traduce e di sciatto per chi pubblica; cose degne di letteratura di bassissimo livello. Spero che nelle edizioni successive qualcuno abbia dato una pulitina.

    Is this helpful?

    Marie Nozière said on Oct 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Conoscevo l'Agassi tennista, ma non il vero Agassi!

    Ho letto questo libro poiché lo presento alla "Notte del racconto" per adulti e il tema della serata è il Gioco.
    Dato che ho giocato a tennis per parecchi anni, il libro mi interessava, conoscendo il tennista, la sua fama.
    Mai però mi sarei aspettata ...(continue)

    Ho letto questo libro poiché lo presento alla "Notte del racconto" per adulti e il tema della serata è il Gioco.
    Dato che ho giocato a tennis per parecchi anni, il libro mi interessava, conoscendo il tennista, la sua fama.
    Mai però mi sarei aspettata che Agassi avesse avuto una vita così, sbalorditivo, quasi da non credere (beh penso al nostro Federer). Però mi inchino alla sincerità e alla bellezza d'animo che quest'uomo ha. Non so quanti sarebbero capaci di raccontarsi così liberi e veri.
    Grande!

    Is this helpful?

    *__* Rigoletto*__* said on Oct 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Apro gli occhi e non so dove sono o chi sono. Non è una novità: ho passato metà della mia vita senza saperlo. Eppure oggi è diverso. È una confusione più terrificante. Più totale.
    Alzo lo sguardo. Sono disteso sul pavimento accanto al letto. Adesso ...(continue)

    "Apro gli occhi e non so dove sono o chi sono. Non è una novità: ho passato metà della mia vita senza saperlo. Eppure oggi è diverso. È una confusione più terrificante. Più totale.
    Alzo lo sguardo. Sono disteso sul pavimento accanto al letto. Adesso ricordo. Sono passato dal letto al pavimento nel cuore della notte. Lo faccio quasi tutte le notti. Giova alla mia schiena. Troppe ore su un materasso morbido sono un'agonia. Conto fino a tre, poi inizio a tirarmi su: un processo lungo e difficile. Con un colpo di tosse e un mugolio rotolo sul fianco, poi mi raggomitolo in posizione fetale, infine mi giro a pancia sotto. Adesso rimango in attesa che il sangue inizi a circolare."

    Is this helpful?

    Cr said on Oct 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ho sempre pensato che se dovessi tentare di suicidarmi potrei provarci guardando una lunga partita di tennis: ucciso dalla noia.
    eppure ho deciso di leggere questo libro, che parla di tennis.
    ho sempre pensato che in un libro l'unica importanza l'ave ...(continue)

    ho sempre pensato che se dovessi tentare di suicidarmi potrei provarci guardando una lunga partita di tennis: ucciso dalla noia.
    eppure ho deciso di leggere questo libro, che parla di tennis.
    ho sempre pensato che in un libro l'unica importanza l'avesse la Scrittura, non la storia.
    qualunque storia e' bella se la Scrittura e' quella che piace a me.
    eppure ho deciso di leggere questo libro, che da subito avevo visto non era scritto come piace a me.

    come sempre sbagliavo.

    open e' un bel libro, in cui la storia vince sulla Scrittura in straight sets, per dirla alla agassi.
    parla tanto tanto tanto tanto tanto (ma tanto, perdio, troppo) di tennis - e si sa, l'unico a poter parlare di tennis doveva essere sempre e solo dfw, che purtroppo ha deciso in altro modo.
    pero' in open c'e', forte, la storia di un grande cambiamento.
    c'e' la storia di un uomo che finalmente capisce che nella vita si deve scegliere.

    open mi ha accompagnato nella mia scelta piu' difficile e piu' importante.
    con questo libro saro' sempre in debito.

    Is this helpful?

    ps said on Oct 19, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book