Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Open

La mia storia

Di

Editore: Einaudi (Stile libero extra)

4.3
(4118)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 502 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Chi tradizionale , Olandese , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8806207261 | Isbn-13: 9788806207267 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giuliana Lupi

Genere: Biography , Fiction & Literature , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace Open?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Costretto ad allenarsi sin da quando aveva quattro anni da un padre dispotico ma determinato a farne un campione a qualunque costo, Andre Agassi cresce con un sentimento fortissimo: l'odio smisurato per il tennis. Contemporaneamente però prende piede in lui anche la consapevolezza di possedere un talento eccezionale. Ed è proprio in bilico tra una pulsione verso l'autodistruzione e la ricerca della perfezione che si svolgerà la sua incredibile carriera sportiva. Con i capelli ossigenati, l'orecchino e una tenuta più da musicista punk che da tennista, Agassi ha sconvolto l'austero mondo del tennis, raggiungendo una serie di successi mai vista prima.
Ordina per
  • 3

    Interessante psicologia di un altro mondo

    Il libro è scritto molto bene, a tratti anche avvincente. Si comprende molto di come il mondo viene visto da qualcuno che, nel bene e nel male, è stato baciato dalla fortuna....e non se ne rende conto ...continua

    Il libro è scritto molto bene, a tratti anche avvincente. Si comprende molto di come il mondo viene visto da qualcuno che, nel bene e nel male, è stato baciato dalla fortuna....e non se ne rende conto.
    Tanto di cappello ad Agassi che si è voluto mettere a nudo. Tuttavia quello che stona, almeno per me, è questo volersi prendere talmente sul serio (quando appunto dovrebbe ringraziare per avere un talento spaventoso che lo ha salvato anche contro se stesso) di fronte ad un campo da gioco, da far sembra tutto normale, quando tale non è. Perché macchine lussuose, ville, soldi e diventare milionario giocando a tennis, non è...comune. A leggere l'autobiografia spesso si ha la sensazione che questo particolare sfugga un po' troppo.
    Tutto sommato un buon libro.

    ha scritto il 

  • 5

    Passi i primi 32 anni della tua vita senza mai interessarti al tennis, atteggiamento tipico del tifoso di calcio col paraocchi. E poi leggi questo libro. Un'epifania. Un libro capace di farti diventar ...continua

    Passi i primi 32 anni della tua vita senza mai interessarti al tennis, atteggiamento tipico del tifoso di calcio col paraocchi. E poi leggi questo libro. Un'epifania. Un libro capace di farti diventare, a posteriori, fan di un grandissimo campione. Al punto che ti annoti le partite più importanti per andarti a vedere qualche video su Youtube. Certo, lui non è un tennista come gli altri, ma un campione con una storia romanzesca, quasi epica: vittorie, atteggiamenti ribelli, cadute e risalite, amori patinati. Il libro poi, è scritto da un premio Pulitzer, e si sente: è un libro bellissimo, emozionante e scritto benissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    Un lungo viaggio nella vita sportiva ed extra sportiva di Agassi, un ragazzo che si racconta come costretto ad essere un campione.

    Mi ha fatto tornare indietro di 25 anni, quando ancora era interessan ...continua

    Un lungo viaggio nella vita sportiva ed extra sportiva di Agassi, un ragazzo che si racconta come costretto ad essere un campione.

    Mi ha fatto tornare indietro di 25 anni, quando ancora era interessante seguire il tennis.

    ha scritto il 

  • 0

    Open, come un torneo di tennis e come se stesso raccontato in questo libro. Il tennista Andre Agassi si racconta, con l'aiuto dello scrittore J.R. Moehringer, attraversando la sua vita e la sua carrie ...continua

    Open, come un torneo di tennis e come se stesso raccontato in questo libro. Il tennista Andre Agassi si racconta, con l'aiuto dello scrittore J.R. Moehringer, attraversando la sua vita e la sua carriera, senza risparmiarsi neppure quando affonta momenti difficili legat a sofferenze e umiliazioni.
    I personaggi che costellano questa storia sono tanti, sportivi e non, ed è piacevole immaginare umanità nelle celebrità.
    Contrariamente a quello che ci si potrebbe aspettare, il tennista anticonformista per eccellenza odia il tennis, sua unica attività nella vita e finisce per metter su una scuola sebbene abbia lui stesso abbandonato gli studi.
    Attraverso le pagine Agassi cerca di crescere rivedendo se stesso, nei mille duelli, singoli o ripetuti, con la sua nemesi e con la sua squadra, attraverso sconfitte e vittorie, come quella di crearsi una famiglia, con due bambini da crescere cercando di non far ripetere ai figli i suoi stessi errori.
    In questo libro vediamo un uomo e la storia va oltre lo sport. Per questo ti prende fino alla fine.

    ha scritto il 

  • 5

    Alla luce delle numerose recensioni positive, da tempo mi ripromettevo di leggere questo libro, poi, però, non so perchè, rimandavo sempre, forse per paura di rimanere delusa. Fortunatamente, è arriva ...continua

    Alla luce delle numerose recensioni positive, da tempo mi ripromettevo di leggere questo libro, poi, però, non so perchè, rimandavo sempre, forse per paura di rimanere delusa. Fortunatamente, è arrivato il consiglio di un'amica e così mi sono, finalmente, decisa.
    Mi ha conquistata immediatamente.
    E' uno di quei libri a cui ti affezioni e da cui fatichi a staccarti.
    Lo leggi avidamente, intrigato dal racconto e dalla curiosità, ma, allo stesso tempo, controlli l'assottigliarsi delle pagine che ti rimangono da gustare con un po' di nostalgia e poi, quando te ne mancano poche alla fine, tergiversi, fai di tutto pur di non riprendere la lettura, non vuoi salutare i protagonisti.
    Steffi suggeriva ad Agassi: “in campo non devi pensare, devi sentire”. Ecco, è un libro che mi ha fatto “sentire”, che mi ha trasmesso una moltitudine di emozioni.
    Infine, ho trovato poetico e molto significativo il fatto che il primo capitolo sia intitolato “la fine” e l'ultimo “l'inizio”.

    ha scritto il 

  • 5

    Io Odio il tennis ma Amo questo libro

    Del tennis non so niente. In linea di massima mi lascia indifferente e conoscevo Agasssi perlopiù per la pubblicità della Gillette.
    Ma questo libro è strepitoso! La vita, le gioie i dolori e la cresci ...continua

    Del tennis non so niente. In linea di massima mi lascia indifferente e conoscevo Agasssi perlopiù per la pubblicità della Gillette.
    Ma questo libro è strepitoso! La vita, le gioie i dolori e la crescita di un atleta e di un uomo. I drammi dietro al professionismo e la profondità psicologico di uno sport solitario. J.R. Moehringer fa per Agassi quello che non è riuscito a fare nei suoi romanzi: trasformare una storia in un capolavoro!

    ha scritto il 

  • 2

    Mi stava simpatico Agassi quando giocava e questo è stato il motivo che mi ha spinto a leggere questo libro, insieme alla solita buona dose di curiosità.
    Ma mi ha deluso, l' ho trovato privo di piglio ...continua

    Mi stava simpatico Agassi quando giocava e questo è stato il motivo che mi ha spinto a leggere questo libro, insieme alla solita buona dose di curiosità.
    Ma mi ha deluso, l' ho trovato privo di piglio e di reale interesse. Ho appena sfogliato l' ultima pagina e già fatico a ricordarlo.

    ha scritto il 

Ordina per