Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Operazione Massacro

By Rodolfo Walsh

(53)

| Paperback | 9788883731945

Like Operazione Massacro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Otto anni prima di A sangue freddo di Truman Capote, con Operazione Massacro, Rodolfo Walsh inventa una nuova forma di giornalismo, a metà strada tra il romanzo e la cronaca, che solo un decennio dopo verrà conosciuta universalmente come New Journali Continue

Otto anni prima di A sangue freddo di Truman Capote, con Operazione Massacro, Rodolfo Walsh inventa una nuova forma di giornalismo, a metà strada tra il romanzo e la cronaca, che solo un decennio dopo verrà conosciuta universalmente come New Journalism. Pubblicato nel 1957, il libro racconta l'uccisione di un gruppo di civili innocenti perpetrata dalla prima giunta militare golpista, un efferato episodio di violenza che sarebbe passato sotto silenzio se Walsh non vi si fosse imbattuto casualmente. Rodolfo Walsh segue la pista come un segugio, indaga, ricostruisce dettagliatamente i fatti, scopre la cospirazione e scrive un libro di denuncia che, pur restando un'insuperata lezione di giornalismo d'inchiesta, si legge come un romanzo.

27 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 24 people find this helpful

    L’UOMO ARRIVATO PRIMA DELLA CIA

    Giornalismo d’inchiesta, inchiesta da segugio, raccontata come se fosse un romanzo poliziesco, sapendo bene cos’è la suspense, da parte di un uomo che potrebbe tuttora dare grandi lezioni, non solo di giornalismo, anche di umanità e di impegno.

    Uno ...(continue)

    Giornalismo d’inchiesta, inchiesta da segugio, raccontata come se fosse un romanzo poliziesco, sapendo bene cos’è la suspense, da parte di un uomo che potrebbe tuttora dare grandi lezioni, non solo di giornalismo, anche di umanità e di impegno.

    Uno scoop: nel giugno del 1956 la giunta militare argentina, durante quella che è passata alla storia come Rivoluzione Liberatrice (mise fine al governo Peron con un colpo di stato), per reprimere un tentativo di restaurazione del peronismo, giustiziò, ma sarebbe meglio dire assassinò, qualche decina di persone, tra cui anche dei civili totalmente innocenti, colpevoli solo di essere nel luogo sbagliato al momento sbagliato.
    L’esecuzione, forse perché particolarmente ‘cattiva’ e ‘ingiusta’, risultò piuttosto maldestra, e la metà dei condannati riuscì a scappare e mettersi in salvo.
    Walsh assume nome e documenti falsi, gira armato di rivoltella, si trasferisce in altra abitazione, e si mette a caccia dei sopravvissuti, li scova, li intervista, ricostruisce i fatti, le responsabilità, mette insieme i pezzi, tira fuori i nomi dei responsabili, e svela la verità, svela un fatto che stava per passare sotto silenzio.
    Il governo militare è infastidito dai suoi articoli giornalistici che appaiono a puntate e nega ogni responsabilità, nega i fatti, insabbia tutto: ma non reagisce.

    Come invece farà la dittatura guidata da Videla vent’anni dopo, che di fronte alla ‘Lettera aperta di uno scrittore alla Giunta militare”, nella quale Walsh denunciava, cifre fatti e nomi alla mano, repressione del dissenso, sequestri, torture, uccisioni, desaparecidos, inclusa la morte della figlia, il giorno dopo la pubblicazione lo rapì e fece sparire per sempre.

    Nel 1959, Walsh si trasferisce all’Avana e fonda la Prensa Latina, l’agenzia di stampa, insieme a Che Guevara e Gabriel García Márquez, riesce a decifrare un cablogramma della CIA e ad anticipare l'invasione statunitense della Baia dei Porci (Playa Girón). Diavolo d'uomo!

    Is this helpful?

    orsodimondo said on Jun 24, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    se Walsh è l'eroe di TaiboII può diventare anche il mio

    1956 Argentina: Indagine giornalistica (vera) su un delitto di stato-
    1977 Argentina: lettera aperta di uno scrittore alla Giunta Militare- Spedita per posta ai giornali argentini e stranieri, il giorno successivo Walsh viene sequestrato e “spa ...(continue)

    1956 Argentina: Indagine giornalistica (vera) su un delitto di stato-
    1977 Argentina: lettera aperta di uno scrittore alla Giunta Militare- Spedita per posta ai giornali argentini e stranieri, il giorno successivo Walsh viene sequestrato e “sparisce” Riporto l’inizio: “La censura della stampa, la persecuzione degli intellettuali, la demolizione della mia casa a Tigre, l’omicidio di amici cari e la perdita di una figlia che è morta mentre vi combatteva, son alcuni dei fatti che mi costringono a questa forma di espressione clandestina, dopo che per quasi trent’anni mi sono pronunciato liberamente come scrittore e giornalista.”
    Altri si sentirono costretti a tacere.

    Is this helpful?

    lunatica said on Apr 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nel settembre 1955 un colpo di stato spazzò via il governo di Juan Domingo Perón instaurando in Argentina una dittatura militare, denominata Revolución Libertadora, guidata dal generale Eduardo Lonardi; questi venne estromesso dal potere pochi mesi d ...(continue)

    Nel settembre 1955 un colpo di stato spazzò via il governo di Juan Domingo Perón instaurando in Argentina una dittatura militare, denominata Revolución Libertadora, guidata dal generale Eduardo Lonardi; questi venne estromesso dal potere pochi mesi dopo per ragioni di salute, cedendo il potere al generale Pedro Eugenio Aramburu, il quale divenne, de facto, presidente della nazione. Obiettivo principale degli uomini in divisa era estirpare ogni forma di peronismo dalla società argentina (decreto legge 4161 della giunta del 1956).

    Il 9 giugno 1956 un altro militare, il generale Juan José Valle, organizzò un contro-golpe, di ispirazione peronista, ma fallì a causa di numerosi infiltrati leali al governo; i vertici della giunta reagirono con una risposta esemplare: 32 giustiziati, tra cui lo stesso Valle. Alcune fucilazioni furono, però, irregolari, essendo state effettuate in assenza di legge marziale (poi fatta applicare retroattivamente), di registri sui processi e ordini di esecuzione... (continua su http://www.cronacheinternazionali.com/rodolfo-walsh-ope…

    Is this helpful?

    Cronache Internazionali said on Feb 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sicuramente interessante e di agevole lettura, ma lo stile giornalistico non fa per me.

    Is this helpful?

    Frau Tessa said on Feb 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quando il giornalismo diventa narrazione - 'Operazione massacro' di Rodolfo Walsh è il racconto di uno dei più atroci crimini della dittatura militare argentina.

    Ci sono alcune letture che hanno la capacità immediata di riconciliarti col mondo. Ce ne sono altre che ti lasciano un senso di vuoto profondo, un'inquietudine radicale e definitiva. Operazione massacro di Rodolfo Walsh appartiene senza dubbio a ques ...(continue)

    Ci sono alcune letture che hanno la capacità immediata di riconciliarti col mondo. Ce ne sono altre che ti lasciano un senso di vuoto profondo, un'inquietudine radicale e definitiva. Operazione massacro di Rodolfo Walsh appartiene senza dubbio a questo secondo tipo. L'ho chiuso da due giorni e non riesco a separarmene. Ogni tanto lo riprendo, e ne rileggo dei brani. Oppure lo guardo soltanto. Lo tengo in borsa, lo tiro fuori, me lo metto accanto e lo guardo.

    Forse perché questo libro non è solo una storia, forse perché questo libro è il racconto di una vita.

    Mi sono imbattuta in Rodolfo Walsh, giornalista argentino di origini irlandesi, quasi per caso. In un articolo sulla letteratura sudamericana, lo scrittore colombiano Gabriel Garcia Marquez definiva Walsh «l'uomo arrivato prima della Cia», elogiandolo come grande esempio di giornalismo militante.

    Ho letto Operazione massacro - edito nel 2012 da La nuova frontiera - tutto d'un fiato. È la storia, narrata attraverso quel genere che solo un paio di decenni più tardi verrà coniato come new giornalism o romanzo-reportage, di uno dei più atroci crimini commessi durante la dittatura militare nell'Argentina post-Peron.

    Per leggere tutta la recensione: http://popoff.globalist.it/Detail_News_Display?ID=93150…

    Is this helpful?

    marzietta woolf said on Dec 13, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Niente fa male come un libro sull'Argentina tra gli anni Cinquanta e Settanta.

    Is this helpful?

    susiderkins said on Nov 3, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (53)
    • 5 stars
    • 4 stars
  • Paperback 253 Pages
  • ISBN-10: 8883731948
  • ISBN-13: 9788883731945
  • Publisher: La Nuova Frontiera
  • Publish date: 2011-01-01
  • In other languages: other languages Libros en Español
Improve_data of this book