Opere. Gli archetipi e l'Inconscio collettivo

Di

Editore: Bollati Boringhieri

4.3
(44)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 311 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata

Isbn-10: 8833910199 | Isbn-13: 9788833910192 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Salute, Mente e Corpo , Scienze Sociali

Ti piace Opere. Gli archetipi e l'Inconscio collettivo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Gli scritti raccolti in questo volume sono dedicati al concetto di archetipo edi inconscio collettivo, che si possono considerare il nucleo centrale dellaconcezione junghiana della realtà psichica, e sono fra gli aspetti più notianche al pubblico generale dell'intera opera di Jung.
Ordina per
  • 4

    Pag. 48 - Archetipi e società

    Se consideriamo i tremendi poteri che sono nascosti nella sfera mitologica e religiosa dell'uomo, l'importanza etiologica dell'archetipo appare meno arbitraria. In numerosi casi di nevrosi la causa de ...continua

    Se consideriamo i tremendi poteri che sono nascosti nella sfera mitologica e religiosa dell'uomo, l'importanza etiologica dell'archetipo appare meno arbitraria. In numerosi casi di nevrosi la causa del disturbo sta proprio nel fatto che alla vita psichica del paziente manca la cooperazione di queste forze motrici. Ciò nonostante, una psicologia puramente personalistica, riducendo ogni cosa a cause personali, fa di tutto per negare l'esistenza di motivi archetipici e cerca, con l'analisi personale, addirittura di distruggerli. Considero questo un procedimento piuttosto pericoloso, che non può essere giustificato sul piano medico. Oggi è possibile giudicare meglio di vent'anni fa la natura delle forze coinvolte. Non vediamo forse come un'intera nazione stia rivivendo un simbolo arcaico, sì, perfino certe forme religiose arcaiche, e come quest'emozione di massa stia influenzando e rivoluzionando in maniera catastrofica la vita dell'individuo? L'uomo del passato è vivo oggi in noi in una misura impensabile prima della guerra. E il destino delle grandi nazioni che altro è, in ultima analisi, se non una somma dei mutamenti psichici degli individui?
    (...) Poiché nella maggior parte dei casi le nevrosi sono non fatti privati, ma fenomeni "sociali", dobbiamo ammettere che anche in questi casi vengono costellati degli archetipi: viene attivato l'archetipo corrispondente alla situazione e di conseguenza entrano in azione le forze esplosive e pericolose nascoste nell'archetipo, spesso con esiti imprevedibili. Non v'è follia a cui la persona sotto il dominio dell'archetipo non possa soggiacere. Se trent'anni fa qualcuno avesse osate predire che il nostro sviluppo psicologico tendeva a una rivivescenza delle persecuzioni medievali degli ebrei, che l'Europa avrebbe di nuovo tremato davanti ai fasci romani e al passo cadenzato delle legioni, che le persone ancora una volta avrebbero fatto il saluto romano come duemila anni fa, e che un'arcaica svastica, invece della croce cristiana, avrebbe attratto milioni di guerrieri pronti a morire, sarebbe stato accolto comne un mistico folle.
    Continua...

    ha scritto il