Opere

1. 1838 - 1862

Di

Editore: Mondadori (I meridiani)

4.4
(54)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 1548 | Formato: Cofanetto

Isbn-10: 8804372931 | Isbn-13: 9788804372936 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maurizio Cucchi , Luciano De Maria , Giorgio Caproni , Teresa Cremisi ; Curatore: Giovanni Bogliolo

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Opere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il primo volume dell'edizione curata da Giovanni Bogliolo comprende le opere risalenti al periodo 1838-1862: Memorie di un pazzo, Novembre, L'educazione sentimentale, Madame Bovary, Salambò. In appendice i documenti relativi al processo contro Madame Bovary e le polemiche seguite alla pubblicazioni di Salambò.
Ordina per
  • 4

    “La giovinezza! Età di follia e di sogni, di poesia e di stupidità, sinonimi nella bocca di coloro che giudicano il mondo sanamente”

    Memorie di un pazzo
    Un racconto lungo più che un romanzo breve di taglio piuttosto autobiografico sulle prime esperienze di un diciassettenne che si infatua di una signora incontrata durante un period ...continua

    Memorie di un pazzo
    Un racconto lungo più che un romanzo breve di taglio piuttosto autobiografico sulle prime esperienze di un diciassettenne che si infatua di una signora incontrata durante un periodo di vacanza e che costituisce una sorta di preparazione al ben più famoso “L'educazione sentimentale” .
    Un'opera giovanile non molto conosciuta che si fa soprattutto apprezzare per lo stile e per la vividezza dell'autore nel descrivere gli stati d'animo , spesso travagliati ma altrettanto spesso esaltati che costituiscono una delle note caratteristiche di quella stagione - “La giovinezza! Età di follia e di sogni, di poesia e di stupidità, sinonimi nella bocca di coloro che giudicano il mondo sanamente” - attraverso la quale siamo passati tutti e che viene erroneamente considerata come la più bella della vita , con una lucidità ed un'acutezza che lascia presagire da subito la sua grandezza di scrittore.

    ha scritto il 

  • 2

    Salambò.

    Recensisco qui la celebre Salambò, mio primo approccio con Flaubert.
    Romanzo (?) asiano (in ogni senso), iperviolento, fascinato dal sublime, ricco di profumi, odori decadenti e intossicanti, pervaso ...continua

    Recensisco qui la celebre Salambò, mio primo approccio con Flaubert.
    Romanzo (?) asiano (in ogni senso), iperviolento, fascinato dal sublime, ricco di profumi, odori decadenti e intossicanti, pervaso da una specie di larvato erotismo che scivola qui e lì. Simile, in certi punti, alla Pharsalia di Lucanea memoria. Libro d'arte più che di intrattenimento, troppo spettacoloso, abnorme, anormale, deforme. Baudelaire scrisse che era un gran libro "pieno di difetti". Il suo unico problema? L'organizzazione. Flaubert vuole infilare tutte le sue suggestioni dell'asia mitica (e ci riesce anche bene) attorno a una storia centrale troppo esile. Come se volesse far vestire una donna magrissima con un immenso vestito di tre taglie più grande. Suppongo che lo apprezzerò meglio quando lo rivedrò in chiave memoriale, una recensione a caldo non può che essere negativa.

    ha scritto il 

  • 5

    Madame Bovary - Parte Prima, Capitolo II, explicit

    Ma il colpo totale era stato ormai inferto. Una settimana dopo, mentre stendeva la biancheria in cortile, Héloise ebbe uno sbocco di sangue. Passò appena un giorno, e, mentre Charles le girava le spal ...continua

    Ma il colpo totale era stato ormai inferto. Una settimana dopo, mentre stendeva la biancheria in cortile, Héloise ebbe uno sbocco di sangue. Passò appena un giorno, e, mentre Charles le girava le spalle per chiudere le tende della finestra, lei disse: ''Ah! Dio mio!'' emise un gran sospiro, e perse la conoscenza. Era morta! Che stupore!
    Quando tutto fu finito al cimitero, Charles rincasò. Da basso non trovò nessuno; salì al primo piano, in camera, allora vide la veste di lei ancora appesa in fondo all'alcova: s'appoggiò al secrétaire, e restò lì sino a sera, smarrito in una dolorosa fantasticheria. Lo aveva amato, lei, dopotutto.

    ha scritto il 

Ordina per