Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Opere

II. Le Metamorfosi

Di

Editore: Einaudi (Biblioteca della Pléiade)

4.8
(11)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1646 | Formato: Cofanetto

Isbn-10: 8844600390 | Isbn-13: 9788844600396 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Guido Paduano ; Curatore: Luigi Galasso ; Prefazione: Alessandro Perutelli

Ti piace Opere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
QUESTO VOLUME CONTIENE

Il fascino ambiguo del miracolo laico, di Alessandro Perutelli
Bibliografia
Elenco delle abbreviazioni
Avvertenza

Le metamorfosi
15 libri

Commento

Indice dei nomi

Dopo la Poesia d'amore e la Poesia dell'esilio, presentate nel primo volume, questo secondo è interamente dedicato all'opera più famosa dell'autore latino: quindici libri in esametri che raccontano i miti relativi alle metamorfosi di dèi e esseri umani.

Le Metamorfosi di Ovidio sono uno dei libri antichi che più hanno influenzato la nostra poesia e letteratura, da Dante a D'Annunzio e Montale. Nel grande campionario dei miti che in quindici libri si susseguono in una vasta e incalzante successione di racconti, Ovidio canta il mondo di numi, ninfe, deità fluviali, eroi, mortali, centauri: tutti protagonisti di centinaia di mutazioni rivelatrici delle passioni e delle infelicità umane.
«La contiguità tra dèi e esseri umani, - ha scritto Italo Calvino, - è uno dei temi dominanti delle Metamorfosi, ma non è che un caso particolare della contiguità fra tutte le figure e forme dell'esistente, antropomorfe o meno. Fauna, flora, regno minerale, firmamento inglobano nella loro comune sostanza ciò che usiamo considerare umano come insieme di qualità corporee e psicologiche e morali (...) le Metamorfosi vogliono rappresentare l'insieme del raccontabile tramandato dalla letteratura con tutta la forza di immagini e di significati che esso convoglia, senza decidere - secondo l'ambiguità propriamente mitica - tra le chiavi di lettura possibili». L'ampia introduzione di Guido Paduano intreccia mito e narratologia, mentre il commento si pone come una sorta di ulteriore narrazione attraverso cui vengono sciolti i nodi esegetici del testo.

Testo latino a fronte
Ordina per