Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Opere

Romanzi, racconti, saggi

By Albert Camus

(235)

| Mass Market Paperback | 9788845244117

Like Opere ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Questo volume contiene

. Introduzione di Roger Grenier
. Cronologia
. Opere:

- Il rovescio e il dritto
- Nozze
- Lo straniero
- Il mito di Sisifo
- Lettera a un amico tedesco
- La peste
- L'uomo in rivolta
- L'estate
- La caduta
- L'esilio e il reg Continue

Questo volume contiene

. Introduzione di Roger Grenier
. Cronologia
. Opere:

- Il rovescio e il dritto
- Nozze
- Lo straniero
- Il mito di Sisifo
- Lettera a un amico tedesco
- La peste
- L'uomo in rivolta
- L'estate
- La caduta
- L'esilio e il regno
- Discorsi di Svezia

. Note a i testi
. Fortuna critica
. Bibliografia

8 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Manca il teatro, per il resto c'è tutto.
    Che si può dire che non sia già stato detto su Camus e le sue opere?

    Is this helpful?

    Xander Lavelle said on Mar 28, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Le fatiche laiche di un Sisifo felice

    di Armando Massarenti

    20 febbraio 2010

    Albert Camus muore nel 1960 in un incidente d'auto, all'età di 46 anni. Negli ultimi cinque anni – lui, pied-noir, orfano di padre, uomo di sinistra che ha fatto la resi ...(continue)

    Le fatiche laiche di un Sisifo felice

    di Armando Massarenti

    20 febbraio 2010

    Albert Camus muore nel 1960 in un incidente d'auto, all'età di 46 anni. Negli ultimi cinque anni – lui, pied-noir, orfano di padre, uomo di sinistra che ha fatto la resistenza da comunista con Sartre, una vita spesa dalla parte degli oppressi – assiste in silenzio alla guerra d'Algeria. Non si schiera. Delude i compagni e i compatrioti. Da tempo aveva rotto con Sartre e col comunismo. Nel 1951 aveva pubblicato L'uomo in rivolta, ma la rivolta a cui pensa è quella dell'individuo, di ogni individuo – anche quando questi si unisce agli altri, solitaire e solidaire – nei confronti di qualunque forma di totalitarismo, compreso quello dei rivoluzionari. Anzi, proprio questi possono essere i carnefici più crudeli, perché in nome di una giustizia futura sono disposti a commettere atrocità anche peggiori rispetto agli oppressori contro cui si battono. Camus, scrittore e filosofo, non si schiera se non per un universo di valori che vanno dalla democrazia alla sincerità all'onesta intettettuale. Ma anche la libertà e la giustizia sociale, consapevole però – come altri pensatori fuori dagli schemi del 900, da George Orwell a Isaiah Berlin – di quanto sia facile un loro possibile conflitto. Mettendo comunque al primo posto la libertà, la libertà concreta di ogni individuo.

    Se oggi Camus è più amato di Sartre, sia pure tra le esigue minoranze del libertarismo, non è perché il suo pensiero, divenuto così radicalmente anticomunista, può essere agevolmente strumentalizzato dai conservatori, ma perché, alla lunga, ha dimostrato di essere un intellettuale più coerente, più solido e – per dirla nel gergo esistenzialista – più autentico. E anche un filosofo più originale. Paolo Flores d'Arcais chiudendo il suo breve ritratto dello scrittore-filosofo invita ciascuno a «ritrovare, se lo vorrà, le incessanti ragioni della fulminante attualità di questa inattuale filosofia della rivolta», in barba alle definizioni risentite di «filosofo dilettante» e «filosofo della domenica» usate da Sartre e da Simone de Beauvoir che invitavano a un ostracismo verso il Camus filosofo che permane tuttora. «Camus – sostiene Flores d'Arcais – è stato uno dei pochi filosofi capaci di pensare il finito, di tenerlo fermo, di tracciare la mappa dei suoi tradimenti, di fornire il filo d'Arianna per sfuggire al minotauro delle ipostasi. Cioè di affrontare il compito ineludibile della filosofia oggi, se non vuole regredire a teologia o impantanarsi in frivolezze autoreferenziali». L'assurdo, il finito – i temi del Mito di Sisifo, del 1942 – non sfociano in nuovi aneliti verso l'infinito, la metafisica o filosofie o religioni consolatorie, ma verso una lucida, laicissima, consapevolezza che il senso della vita va ritrovato in un compito faticoso, senza fine e senza Assoluti, come quello di Sisifo costretto a riportare ogni giorno il masso sulla rupe: «la lotta fine a se stessa basta a riempire il cuore dell'uomo. Bisogna immaginare Sisifo felice».

    Un ribelle è «un uomo che dice no». Che ha il coraggio di dire di no, anche alla rivoluzione. E che fa ciò in nome di un valore positivo, che è la condivisione della condizione umana. La filosofia di Sartre svelava all'uomo l'assoluto nulla, senza remissione alcuna. Ma a partire da tale nichilismo, per Camus, si corre il rischio di abbracciare un relativismo morale che può portare dritti ad «attizzare i forni crematoi». Camus pensava a una sinistra "libera" opposta a una "poliziesca", di matrice sovietica. Il «realismo rivoluzionario» – questo è il pensiero che causò il suo abbandono del partito comunista – finisce col giustificare ogni crimine in nome della rivoluzione. «L'avvenire – afferma Camus – è l'unico tipo di proprietà che i padroni concedono di buon grado ai loro schiavi». La rivolta, al contrario – osserva Flores d'Arcais – «esige risultati concreti, nel qui e ora, nella dimensione del singolo, dell'uomo realmente esistente». Per questo suona troppo intellettualistico il ricordo – pur affettuoso e non privo di onestà e di rimorso – che Sartre scrisse in morte dello scrittore: «Era l'erede moderno di quella lunga schiera di moralisti le cui opere costituiscono forse la parte più originale della letteratura francese. Il suo umanesimo ostinato, rigoroso e schietto conduceva un'impari battaglia contro gli eventi massicci e difformi del nostro tempo. (...) Cartesiano dell'assurdo, rifiutava di abbandonare il terreno sicuro della moralità e di impegnarsi nelle vie incerte della pratica». In realtà, mentre per Sartre la cultura era stata un privilegio di nascita, per Camus era stata essa stessa una conquista: forse l'unica via percorribile per sconfiggere l'assurdo, per dare un senso alla vita e per guardare il mondo senza autoingannarsi. Forse per questo, alla lunga, è lui a convincere di più.

    Is this helpful?

    F said on Feb 21, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho letto "Lo Straniero" (una folgorazione indimenticabile) ed ho studiato "Il mito di Sisifo"

    Ho letto "Lo Straniero" (una folgorazione indimenticabile che consiglio a tutti, lettura velocissima) ed ho studiato "Il mito di Sisifo". Camus (e l'Assurdo) per me rimane uno dei colossi imprescindibili del 900.

    Is this helpful?

    Titomaccio said on Nov 5, 2009 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    l'ho perso un po' di vista. avevo intenzione di leggermelo tutto lasciando alla fine il classico dei classici di camus: La Peste.
    Nei ho letti diversi, me ne mancano tre, tra cui quello. I più belli a mio parere sono a pari merito La caduta e Lo ...(continue)

    l'ho perso un po' di vista. avevo intenzione di leggermelo tutto lasciando alla fine il classico dei classici di camus: La Peste.
    Nei ho letti diversi, me ne mancano tre, tra cui quello. I più belli a mio parere sono a pari merito La caduta e Lo Straniero.

    Is this helpful?

    Zuccart said on Sep 9, 2009 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    la peste


    La città di Orano, in un anno imprecisato, diviene preda della peste.
    Non un'improvvisa virulenza ma un progressivo espandersi del male che avanza dal profondo: le prime vittime sono i ratti, seguono gli abitanti.
    Le esistenze si para ...(continue)


    La città di Orano, in un anno imprecisato, diviene preda della peste.
    Non un'improvvisa virulenza ma un progressivo espandersi del male che avanza dal profondo: le prime vittime sono i ratti, seguono gli abitanti.
    Le esistenze si paralizzano in una dimensione che lascia spazio solo ad una consapevole disperazione.
    Impietosa riflessione sulla dimensione umana.

    Is this helpful?

    Drugo said on Jun 1, 2008 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (235)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Mass Market Paperback 1391 Pages
  • ISBN-10: 8845244113
  • ISBN-13: 9788845244117
  • Publisher: Bompiani
  • Publish date: 2000-01-01
Improve_data of this book

Margin notes of this book