Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Opere - Vol. 12

Psicologia e alchimia

Di

Editore: Bollati Boringhieri (Gli archi)

4.6
(25)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 539 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8833909115 | Isbn-13: 9788833909110 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Roberto Bazlen ; Revisore: Lisa Baruffi

Genere: Philosophy , Religion & Spirituality

Ti piace Opere - Vol. 12?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Verso la fine degli anni venti Jung scopre singolari affinità tra antichi simboli cinesi e i sogni dei suoi pazienti: inizia così a studiare i testi alchimistici. Dopo quindici anni di lavoro pubblica questo volume. La tradizione alchimistica e la pratica analitica hanno in comune il tentativo di creare una realtà nuova e superiore: da una parte l'oro, la pietra filosofale, dall'altra la "presa di coscienza" della psicologia moderna. L'alchimia in sostanza è espressione di una pulsione a trasformare la materia prima dell'esperienza in conoscenza. Jung allarga la sua indagine alla saggezza orientale e a esperienze culturali che hanno una radice comune, mostrando come le scoperte scientifiche possano in realtà essere il ritrovamento di universali esperienze.
Ordina per
  • 5

    Fondamentale per l'esoterico "scientifico"

    Libro basilare per chi si appresta allo studio dell'alchimia dal punto di vista psichico e spirituale. Jung riesce a portare la psicologia nella magia, facendo da "ponte" tra le filosofie orientali e ...continua

    Libro basilare per chi si appresta allo studio dell'alchimia dal punto di vista psichico e spirituale. Jung riesce a portare la psicologia nella magia, facendo da "ponte" tra le filosofie orientali e quelle occidentali.
    Il testo ha delle illustrazioni molto ben curate che accompagnano molto gradevolmente la lettura creando quella sensazione di "onirico" e di "immaginifico" che alleggerisce ed evoca.

    ha scritto il