Operette morali

Voto medio di 685
| 69 contributi totali di cui 50 recensioni , 16 citazioni , 1 immagine , 2 note , 0 video
Ha scritto il 20/02/17
Se questi miei sentimenti nascano da malattia, non so: so che, malato o sano, calpesto la vigliaccheria degli uomini, rifiuto ogni consolazione e ogn'inganno puerile, ed ho il coraggio di sostenere la privazione di ogni speranza, mirare ...Continua
Ha scritto il 14/12/15
Un genio!
Leopardi. Un Genio, capace di una profondità unica, autore di opere starordinarie. Sraordinario, in quest'opera, li suo "parlare" della natura e dell'uomo. Rimarrà sempre uno dei Grandi, uno dei miei poeti preferiti!
Ha scritto il 10/12/15
Premetto che adoro Leopardi fin dai tempi del liceo e che più lo leggo, più lo amo. Il mio primo contatto con queste prose satiriche, come le definisce lo stesso Giacomino, risale tuttavia all'università ed è stato un vero colpo di fulmine, ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 18/09/15
Non capisco perchè l'opera di Leopardi, fin da quando si studia a scuola, debba sempre essere accompagnata da un pregiudizio un pó canzonatorio sulla sua inclinazione alla malinconia.Come se il suo genio potesse essere circoscritto in questa ...Continua
  • 5 mi piace
Ha scritto il 25/07/14
li mortacci der MIUR
Ma io dico, dio bonino, se proprio il concistoro del MIUR deve far ingoiare la pillola del gobbo recanatese ai frigidi studenti perché non punta sul Leopardi di queste operucciole? Dai licei classici per giovani rampanti con già in mano le redini ...Continua
  • 3 mi piace
  • 2 commenti

Ha scritto il Dec 30, 2015, 21:37
Ma se mi dolessi piangendo, darei noia non piccola agli altri, e a me stesso, senza alcun frutto. Ridendo dei nostri mali, trovo qualche conforto; e procuro di recarne altrui nello stesso modo. Se questo non mi vien fatto, tengo comunque per fermo ...Continua
Ha scritto il Dec 03, 2015, 18:38
Dall'odio e dall'ira degli uomini si teme assai piú che dall'amore e dalla gratitudine non si spera, e ragionevolmente.
Ha scritto il Dec 15, 2012, 16:49
Ma Giove seguitò dicendo: avranno tuttavia qualche mediocre conforto da quel fantasma che essi chiamano Amore; il quale io sono disposto, rimuovendo tutti gli altri, lasciare nel consorzio umano. E non sarà dato alla Verità, quantunque ...Continua
Pag. 27
Ha scritto il Dec 15, 2012, 16:22
Giove li rimosse da questo concetto mostrando loro, oltre che non tutti i geni, eziandio grandi, sono di proprietà benefici, non essere tale l'ingegno della Verità, che ella dovesse fare gli stessi effetti negli uomini che negli Dei. Perocché ...Continua
Pag. 23
Ha scritto il Oct 14, 2011, 14:33
Diceva altresì che ognuno di noi, da che viene al mondo, è come uno che si corisa in un letto duro e disagiato: dove subito posto, sentendosi stare incomodamente, comincia a rivolgersi sull'uno e sull'altro fianco, e mutar luogo e giacitura a ogni ...Continua
Pag. 203

Ha scritto il Feb 24, 2016, 15:38
Le operette morali - Giacomo Leopardi - Garzanti
Le operette morali - Giacomo Leopardi - Garzanti

Ha scritto il Jan 25, 2017, 09:19
858.7 LEO 9663 Filosofia e Psicologia
Ha scritto il Apr 22, 2016, 11:03
853.708 LEO 4823 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi