Organizzare il coraggio

La nostra vita contro la ’ndrangheta

Di ,

Editore: ADD Editore

4.4
(48)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 272 | Formato: eBook

Isbn-10: 8896873215 | Isbn-13: 9788896873212 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biografia , Storia , Politica

Ti piace Organizzare il coraggio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    L'importanza di testimoniare, di non abbassare la testa, di essere pronti a combattere: per lo Stato e contro lo Stato. Un'altra, ennesima, storia di antimafia: coraggiosa, silenziosa, non supportata ...continua

    L'importanza di testimoniare, di non abbassare la testa, di essere pronti a combattere: per lo Stato e contro lo Stato. Un'altra, ennesima, storia di antimafia: coraggiosa, silenziosa, non supportata a sufficienza.
    Pino Masciari ha una forza incredibile, e leggere la sua storia ne vale la pena: ripercorre con parole semplici la sua volontà di dire no alle infiltrazioni ndranghetiste nella sua azienda. Racconta cosa viene dopo: cosa vuole dire essere sradicati dalla propria terra una mattina senza preavviso, perché la propria vita è ormai in pericolo, essere portati al Nord, venir abbandonati in capannoni isolati, come se il delinquente che deve fuggire fosse lui. Descrive i processi, le accuse da parte degli stessi magistrati, la poca cura dello Stato, la scorta a un certo punto revocata. E' una testimonianza chiara, pulita, rabbiosa e fortemente tenace quella che Pino ci regala: è nostro compito, come minimo, venirne a conoscenza.

    ha scritto il 

  • 0

    Storia di coraggio: la denuncia contro la ’ndrangheta
    e la sopraffazione

    di Simona Gerace

    Pino Masciari: uomo in esilio forzato dall’amata terra natia.
    Da Add editore

    Organizzare il coraggio: questa ...continua

    Storia di coraggio: la denuncia contro la ’ndrangheta
    e la sopraffazione

    di Simona Gerace

    Pino Masciari: uomo in esilio forzato dall’amata terra natia.
    Da Add editore

    Organizzare il coraggio: questa la necessità di un imprenditore calabrese che, dopo aver denunciato il malaffare e la ’ndrangheta, ha trascorso dodici anni in regime di protezione. Protagonista della storia è Pino Masciari, fino a qualche tempo fa uno dei più importanti imprenditori edili della Calabria il quale, non avendo accettato le intromissioni della malavita nel proprio lavoro, è stato portato al fallimento professionale.
    Da qui inizia la storia di un uomo e di una famiglia che, decidendo di denunciare un sistema prettamente mafioso, si trova a combattere contro le storture di un programma di protezione spesso assente, di una classe politica talvolta corrotta e di rappresentanti delle forze dell’ordine dalla dubbia integrità morale. Di questo, della sofferenza e delle rinunce quotidiane, oltre che delle innumerevoli difficoltà che è costretto a subire chi vive in un regime di protezione, l’imprenditore ha parlato in un saggio, intitolato Organizzare il coraggio. La nostra vita contro la ’ndrangheta, (Add editore, pp. 272, € 15,00). L’opera ha avuto diversi scopi. L’insieme di notizie, fatti e testimonianze, messe insieme da Pino Masciari e dalla moglie Marisa per non dimenticare nemmeno i particolari più piccoli e insignificanti di questa scelta che ha sconvolto la vita di un intero nucleo familiare diventa poi una personale valvola di sfogo, fino a trasformarsi, in seguito, con la pubblicazione, in un’esigenza quasi pedagogica.

    L’accerchiamento da parte della malavita
    L’opera, che ripercorre i tempi dal presente al passato, racconta di un uomo, Pino Masciari, che dopo aver terminato gli studi ed essere entrato a far parte dell’impresa edile di famiglia, decide di renderla più produttiva e di farla crescere sul territorio. Per questo punta non solo sugli appalti privati, ma soprattutto sui bandi delle pubbliche amministrazioni. Con il tempo l’azienda si aggiudica importanti lavori, cresce e riesce a ritagliarsi un posto di rilievo nel settore edile calabrese, fino a quando il malaffare, percependo che l’impresa va a gonfie vele, non decide di intervenire, influenzare il risultato dei bandi pubblici e pretendere gran parte dei guadagni. «Si partiva dalla richiesta di assumere un manovale piuttosto che un altro, così, come un atto dovuto per aiutare un parente, un amico in difficoltà, – è precisato nel racconto-testimonianza – per passare a richieste più pesanti: la scelta di un fornitore, per esempio, che sembrava un semplice consiglio, ma che un consiglio non era». Da qui il passaggio a richieste più significative è davvero breve: la costruzione di case e immobili a titolo gratuito, il pagamento in contanti per la ripresa di lavori bloccati all’interno di enti pubblici, la spartizione totale dei guadagni. Tutte pretese che danno all’autore la percezione di essere proprietario solo sulla carta e non in maniera concreta della propria azienda.

    La consapevolezza di una scelta impopolare: la denuncia
    Per riprendersi il proprio lavoro e la propria vita, a questo punto, l’imprenditore, inconsapevole del proprio futuro ma convinto della vicinanza dello Stato, decide di denunciare il sistema. La denuncia è, per lui, l’unico modo per combattere un’organizzazione di titani che, da quanto scoprirà, ha affiliati anche all’interno delle istituzioni pubbliche. A tutto questo Pino Masciari e la sua famiglia decidono di ribellarsi. Matura, quindi, l’idea di farsi proteggere. Ma la strada è lunga e, anche solo trovare qualcuno pronto ad accogliere la denuncia, diventa un’impresa. «Fai attenzione, hai una famiglia. Se ti succede qualcosa poi che fai?». Queste le parole che più volte si è sentito dire Masciari quando, in via informale, segnalava i soprusi ricevuti. Queste le parole che, nell’intento di chi le pronunciava, avrebbero dovuto scoraggiarlo, farlo desistere ma che, invece, hanno spinto questo piccolo “Davide” a combattere la sua battaglia di libertà, dignità e giustizia contro i tanti “Golia” inglobati nel sistema. Poi la denuncia. La famiglia, frastornata e al contempo all’oscuro di tutto quello che sarebbe accaduto in futuro ma consapevole di aver fatto la scelta giusta, entra a far parte di un programma di protezione che la porta per ben dodici anni ad allontanarsi dalla propria casa e dai propri affetti, a perdere il lavoro, le vecchie abitudini e tutto ciò a cui era precedentemente legata. Purtroppo non tutto va per il verso giusto: i nomi fatti dall’imprenditore calabrese nelle sue denunce sono di grande rilievo; addirittura qualche foglio in cui si parla di alcune personalità politiche viene fatto scomparire e si perdono con esso anche testimonianze rilevanti che avrebbero potuto portare in galera importanti uomini politici.

    La solitudine, le difficoltà, le paure di un testimone di giustizia. I dubbi
    Con l’entrata nel programma di protezione per Pino Masciari e la sua famiglia inizia un calvario di spostamenti, senza documenti né identità. Più volte l’uomo denuncia nel suo racconto di essere rimasto senza scorta a compiere i viaggi per i processi o di essere stato lasciato solo in uno o nell’altro residence calabrese dove chiunque, soprattutto loro, i nemici, avrebbero potuto trovarlo. Più volte denuncia le ingiustizie e le incongruenze subite anche dalle forze dell’ordine, che spesso lo accomunavano a un qualsiasi pentito. «Chiedevo di poter essere un imprenditore libero e invece mi trovavo a essere in fuga, a scappare di nascosto da casa mia come se il criminale fossi io». E poi, ancora, la scelta difficile di rinunciare a tutto. Una scelta che dev’essere confermata giorno per giorno, ma che spesso vacilla quando si ha la percezione di essere stati abbandonati di fronte ai nemici, abbandonati di fronte al mondo e, soprattutto, di non essere abbastanza protetti dalle forze dell’ordine che, purtroppo, hanno limiti umani e materiali, ma che, in qualche occasione, hanno compiuto un vero e proprio abuso di potere. «Capitò che un maresciallo dei carabinieri», è precisato nel saggio, «la persona che avrebbe dovuto organizzare i miei spostamenti, in realtà li ostacolasse contro la mia volontà, non permettendomi di recarmi alle convocazioni, procurando certificati sanitari non reali perché non andassi a deporre». Questi ostacoli uniti alla solitudine, all’impossibilità di comunicare con i propri familiari e con i propri conoscenti, per paura di andare incontro a qualche rischio, portano a un certo punto Masciari a mettere in discussione la propria scelta. È normale, di fronte all’assenteismo e all’apatia e di fronte alla solitudine totale, chiedersi se si sta facendo la cosa giusta. «Io non ero un pentito» ha scritto Masciari «ero un testimone di giustizia, ero la parte lesa della storia, la parte che lo Stato doveva tutelare. Il mio sfogo sembrava inutile, mi sentivo come qualcuno che viene punito, era una situazione paradossale. Venivo trattato e considerato come un delinquente».
    Ad accentuare i dubbi sul programma di protezione, contribuiscono la mancanza di documenti di copertura, il doversi spostare continuamente da una città all’altra, l’impossibilità di riaffermarsi come professionisti, i figli, Francesco e Ottavia, troppo maturi (anche se ancora bambini) per fare i capricci, ma forse anche troppo piccoli per poter capire cosa stava succedendo al loro papà e perché la loro famiglia non poteva essere uguale a tutte le altre. E la solitudine, quella solitudine talmente disperata che porta la famiglia, dopo una settimana di totale isolamento, a decidere di trascorrere il week end mescolandosi tra la folla di un qualunque centro commerciale. Poi, l’inizio dei processi, il periodo più brutto della vita di Masciari.

    La rete dei rapporti e la certezza di trovarsi dalla parte giusta
    Costretto continuamente a spostarsi da una città all’altra per assistere e testimoniare alle udienze, l’imprenditore calabrese deve fare i conti con una protezione solo formale e sempre meno concreta da parte delle forze dell’ordine. Per fortuna, però, a un certo punto del suo cammino, Masciari ha la felice coincidenza di incontrare don Ciotti, i ragazzi di “Libera”, l’associazione che si batte per la lotta alla mafia e per la formazione alla legalità e quelli che sono vicini a Beppe Grillo. Questi giovani sono per giorni e giorni la sua scorta, i suoi amici, i suoi legami. Gli stessi fondano il gruppo “Gli amici di Pino Masciari”, e creano un blog, www.pinomasciari.org, per far capire che la società civile deve scegliere da che parte schierarsi. Grazie anche a questi giovani, Pino Masciari oggi ha una nuova vita, lontana dalla Calabria, tanti nuovi amici e, soprattutto, una casa. Una casa in cui ora ha definitivamente svuotato gli scatoloni carichi di ricordi e di oggetti, consapevole che da essa non dovrà più, a meno che non sia lui stesso a volerlo, allontanarsi.

    Simona Gerace

    (www.bottegascriptamanent.it, anno VI, n. 53, gennaio 2012)

    ha scritto il 

  • 4

    Vi siete mai chiesti cosa sucede ai testimoni di giustiza? Ecco, questo libro lo spiega benissimo! Gli spostamenti in luoghi diversi dal proprio paese ed i continui spostamenti, le difficoltà di reins ...continua

    Vi siete mai chiesti cosa sucede ai testimoni di giustiza? Ecco, questo libro lo spiega benissimo! Gli spostamenti in luoghi diversi dal proprio paese ed i continui spostamenti, le difficoltà di reinserirsi nel tessuto sociale con un'altra identità, i problemi economici ed affettivi di chi in maniera molto coraggiosa decide di fare la scelta giusta per la propria coscienza e per far crescere il nosto paese, ma difficilissima da sostenere strada facendo.

    ha scritto il 

  • 4

    Fa venire i brividi...

    ...una storia italiana che dapprima trasmette disperazione e rassegnazione, poi speranza. E ti fa interrogare su cosa sia davvero lo Stato, in relazione ai suoi cittadini.
    Pino Masciari, imprenditore ...continua

    ...una storia italiana che dapprima trasmette disperazione e rassegnazione, poi speranza. E ti fa interrogare su cosa sia davvero lo Stato, in relazione ai suoi cittadini.
    Pino Masciari, imprenditore edile calabrese progressivamente strangolato dalle pressioni congiunte di ndrangheta e politica corrotta, dopo il fallimento della sua azienda decide di diventare testimone di giustizia.
    E' l'inizio di un incubo (per lui e la sua famiglia) che dura dieci anni.
    Umiliati, offesi, perseguitati, lasciati soli, trattati peggio dei criminali che avevano contribuito a smascherare.
    Poi, in fondo al tunnel, la luce dell'abbraccio (tardivo ma caloroso) della società civile...e di uno Stato che si ravvede e decide di trattare con dignità e rispetto i cittadini che lo aiutano a combattere contro la criminalità organizzata.

    ha scritto il 

  • 4

    In Organizzare il coraggio, Pino e Marisa Masciari, giovani genitori di due bambini piccoli, ci raccontano in prima persona come la loro vita è cambiata e a quale calvario sono andati incontro quando ...continua

    In Organizzare il coraggio, Pino e Marisa Masciari, giovani genitori di due bambini piccoli, ci raccontano in prima persona come la loro vita è cambiata e a quale calvario sono andati incontro quando hanno deciso di rompere la regola del silenzio e fare i nomi. Un calvario intricato in cui le omissioni dello Stato pesano forse anche più delle minacce della ‘ndrangheta.

    http://blog.bookrepublic.it/2011/11/28/organizzare-il-coraggio/

    ha scritto il 

  • 5

    Cosa ho scritto a Pino

    Ciao Pino,

    oggi ti ho donato un giorno in più... :-)

    Ho appena concluso di leggere il tuo libro. Da un lato sono "sgomento" nel conoscere come lo Stato italiano abbia ancora una volta fallito miserame ...continua

    Ciao Pino,

    oggi ti ho donato un giorno in più... :-)

    Ho appena concluso di leggere il tuo libro. Da un lato sono "sgomento" nel conoscere come lo Stato italiano abbia ancora una volta fallito miseramente, con una incapacità di protezione che ha dell'incredibile, di fatto abbandonandoti al tuo destino. Dall'altro lato sono ammirato per come si possa combattere, lottare, sacrificarsi per un encomiabile senso civico e spirito di legalità.

    Il mio incitamento e la mia gratitudine come cittadino di questo Stato va a te ed alla tua famiglia.

    Con estrema vicinanza,

    Daniele

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia vera, con la drammaticità di fatti realmente vissuti da un uomo che ha deciso si ribellarsi all'illegalità.
    Ciò che mi ha colpito più di altro in questo libro è dover sfatare il luogo comun ...continua

    Una storia vera, con la drammaticità di fatti realmente vissuti da un uomo che ha deciso si ribellarsi all'illegalità.
    Ciò che mi ha colpito più di altro in questo libro è dover sfatare il luogo comune che il confine che divide "ciò che è buono e giusto" da ciò che non lo è, sia una linea retta e netta. Non è così, ed è sconvolgente.
    E' sconvolgente capire come il malaffare si insinui dentro la società, come possa essere presente ovunque, persino nei tribunali, nelle caserme, nelle istituzioni, in quei luoghi in cui non ti aspetteresti mai.

    ha scritto il 

  • 3

    Masciari è uno dei primi, pochi, testimoni di giustizia. Una scelta molto più che coraggiosa, soprattutto perché sembra che, oltre alla lotta alla 'ndrangheta, debba lottare in continuazione contro lo ...continua

    Masciari è uno dei primi, pochi, testimoni di giustizia. Una scelta molto più che coraggiosa, soprattutto perché sembra che, oltre alla lotta alla 'ndrangheta, debba lottare in continuazione contro lo Stato. Ma forse non c'è sempre differenza...

    ha scritto il 

  • 4

    Recensione di Sara

    Come descrivere questo libro? Non ci sono parole, Pino le ha già dette tutte con una chiarezza incredibile... c'è il lato divertente se vogliamo, il lato serio, riflessivo, emoziona ...continua

    Recensione di Sara

    Come descrivere questo libro? Non ci sono parole, Pino le ha già dette tutte con una chiarezza incredibile... c'è il lato divertente se vogliamo, il lato serio, riflessivo, emozionante e commovente, c'è l'indignazione, il coraggio, la pazienza, la perseveranza, la determinazione, lo sconforto, la paura, la riconoscenza... ma soprattutto c'è l'onestà e l'umanità dell'uomo Pino Masciari, un figlio di una madre da cui è scappato di notte senza poterle dire niente, un figlio di una madre che non ha potuto rivedere per 15 anni, se non per attimi sfuggenti e un ultimo saluto poco prima che lei entrasse in coma; un padre di due figli che non ha potuto dare loro tutto quello che avrebbe voluto trasmettere, un padre che ha visto i propri figli crescere segregati in case sempre nuove; un marito di una moglie che l'ha seguito ovunque, un marito di una moglie con cui condivide la continua angoscia del pericolo di morte che grava sulla loro famiglia; un amico di altre persone normali come lui, che ha dovuto abbandonare.
    Una vita, una vita di una persona normale eppure così estranea in quest'Italia di oggi. Una famiglia sola e isolata per troppo tempo, spostata, usurpata dalla propria quotidianità, non rispettata... eppure una famiglia e un padre così vivi da far venire i brividi. Non dimenticherò mai quelle parole e dono con immensa gioia il mio giorno di vita a Pino Masciari.
    Sentirlo raccontare questa storia, prima, e poi leggere le sue stesse parole con la sua voce che ancora risuona nella testa è indescrivibile.
    Sono orgogliosa di averlo conosciuto, di avergli stretto la mano dicendogli un semplice "Grazie" ancora con le lacrime agli occhi.

    "Ogni persona che viene a conoscenza della mia storia mi allunga la vita di un giorno"

    Se vuoi visitare la libreira di Sara clicca qua:

    http://www.anobii.com/01ad5f91c1dbdb0810/books

    ha scritto il