Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Orgoglio e pregiudizio

Di

Editore: Einaudi

4.4
(22426)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 419 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Portoghese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Svedese , Russo , Ceco , Catalano , Greco , Giapponese , Croato , Olandese , Ungherese , Polacco , Coreano

Isbn-10: 8806166735 | Isbn-13: 9788806166731 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: F. Pivano

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback , Copertina rigida , Cofanetto , Rilegato in pelle , Audiocassetta , CD audio , eBook , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , History , Romance

Ti piace Orgoglio e pregiudizio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Orgoglio e pregiudizio" è uno dei primi romanzi di Jane Austen. La scrittricelo iniziò a ventun anni; il libro, rifiutato da un editore londinese, rimasein un cassetto fino alla sua pubblicazione anonima nel 1813, e da allora èconsiderato tra i più importanti romanzi della letteratura inglese. È lastoria delle cinque sorelle Bennet e dei loro corteggiatori, con al centro ilromantico contrasto tra l'adorabile e capricciosa Elizabeth e l'altezzosoDarcy; lo spirito di osservazione implacabile e quasi cinico, lo studio argutodei caratteri, la satira delle vanità e delle debolezze della vita domestica,fanno di questo romanzo una delle più efficaci e indimenticabili commedie dicostume del periodo Regency inglese.
Ordina per
  • 3

    Unico scopo della vita: trovarsi un marito...

    Uno spaccato della vita familiare e sociale inglese nel 1800...
    Una madre petulante e insopportabile vuole accasare le sue figlie con scapoli benestanti...
    A quell'epoca lo scopo principale di una ragazza perbene era trovarsi marito, e compito dei genitori era quello di favorire incon ...continua

    Uno spaccato della vita familiare e sociale inglese nel 1800...
    Una madre petulante e insopportabile vuole accasare le sue figlie con scapoli benestanti...
    A quell'epoca lo scopo principale di una ragazza perbene era trovarsi marito, e compito dei genitori era quello di favorire incontri che conducessero a questo ambito traguardo...
    Mi fa sorridere adesso l'universo limitato di queste fanciulle: non cultura, non lavoro, non avanzamento della carriera...solo il marito...e se il marito non arrivava era un disastro, un disonore per la famiglia, uno scorno per la ragazza...
    Beh, che tristezza...ma anche per gli scapoli era così, ce lo dice la scrittrice all'inizio del suo romanzo, testuali parole che trascrivo: "E' verità universalmente ammessa che uno scapolo fornito di un buon patrimonio debba sentire il bisogno di ammogliarsi", però l'uomo ha maggiori possibilità il lavoro, il prestigio, il patrimonio...il suo universo si allarga, rispetto a quello della donna che è uniterale tutto proteso nello scopo che probabilmente le sarà stato inculcato fin dalla prima infanzia, dicevo nello scopo di trovarsi marito...
    Beh, questa epoca non offriva altro alle donne, evidentemente che la possibilità di un bel matrimonio...
    In questo universo limitato si inserisce la vicenda dell'amore di Darcy per Jane, che l'orgoglio di lei e il pregiudizio di lui rischiano di rovinare, ma poi le cose si sistemano...
    Darcy aiuterà una delle sorelle di Jane a sistemarsi (ohibò, cosa vuoi non tutto può andare alla perfezione e alla Signora Bennet, l'infaticabile cerca-mariti sarà venuto il mal di fegato visto che sua figlia era scappata con un uomo)e poi c'è l'inevitabile lieto fine che conclude una vicenda sciropposa e priva di colpi di scena.
    Detto questo e visto che l'autrice era figlia di un ecclesiastico le si può perdonare lo stile austero e i personaggi scialbi...
    La storia inserita in questo contesto ha un suo stile, anche se io l'ho trovata un tantino pesante.
    La consiglio tuttavia ai lettori appassionati del genere classico.
    Saluti.
    Ginseng666

    ha scritto il 

  • 5

    Letto da Paola Cortellesi

    Paola Cortellesi ha fatto davvero un lavoro eccezionale, è un piacere ascoltare questo capolavoro interpretato da lei.
    Voglio fare una piccola menzione per Mr Collins: in qualunque salsa ci viene presentato, su carta su schermo persino su audiobook riesce ad essere insopportabile. Mi è piac ...continua

    Paola Cortellesi ha fatto davvero un lavoro eccezionale, è un piacere ascoltare questo capolavoro interpretato da lei.
    Voglio fare una piccola menzione per Mr Collins: in qualunque salsa ci viene presentato, su carta su schermo persino su audiobook riesce ad essere insopportabile. Mi è piaciuto come l'ha reso la Cortellesi, ha dato proprio l'idea di Mr Collins: affettato e insopportabile, anche borioso.

    ha scritto il 

  • 4

    Forse era meglio: Ufficiali e Matrimoni

    Ho impiegato molto tempo per finire di leggere questo libro.
    Per quanto bella e complicata la storia d’amore fra i protagonisti, il resto delle vicende mi sono risultate noiose. Tutto ruota intorno a tre punti: la mania della signora Bennet di trovar marito alle sue figlie, i balli con gli ...continua

    Ho impiegato molto tempo per finire di leggere questo libro.
    Per quanto bella e complicata la storia d’amore fra i protagonisti, il resto delle vicende mi sono risultate noiose. Tutto ruota intorno a tre punti: la mania della signora Bennet di trovar marito alle sue figlie, i balli con gli ufficiali e (come da titolo) l’orgoglio e il pregiudizio.
    La storia di per se è una storia d’amore semplice e bella, ma trovo che sia leggermente oppressa da tutto il resto, tra cui, appunto, i balli, la smania da matrimonio e gli ufficiali.
    Avrei apprezzato sicuramente di più il libro se le storie d’amore fra i personaggi fossero state leggermente più entusiasmanti, più complete e più profonde.
    Sembrerà una contraddizione, ma apprezzo che non sia una delle solite storie d’amore sdolcinate fino al midollo, anche perché i questo caso, rovinerebbe davvero l’effetto del libro, che vuole essere un racconto in generale della società e del modo di pensare di quel tempo.
    Una delle cose che ho apprezzato di questo romanzo, è il modo in cui la scrittrice, descrive i personaggi e il loro carattere. Grazie al su modo di scrivere riesci in poco tempo a capire e a comprendere il carattere di ogni singolo personaggio, e in questo credo che non potesse fare di meglio.
    Complessivamente resta un libro capace di regalarti una dolce sensazione e benché noiose alcune parti, la storia d’amore tra Lizzy e Darcy è comuqnue degna di essere letta.

    ha scritto il 

  • 0

    Todos hemos oído o dicho alguna vez «quiero un hombre como el señor Darcy». Sin embargo, es posible que nos hayamos dejado engañar por la dulzura de Matthew Macfadyen (quien lo interpretó en 2005), porque lo cierto es que el personaje original de Orgullo y prejuicio dista mucho de ser el hombre i ...continua

    Todos hemos oído o dicho alguna vez «quiero un hombre como el señor Darcy». Sin embargo, es posible que nos hayamos dejado engañar por la dulzura de Matthew Macfadyen (quien lo interpretó en 2005), porque lo cierto es que el personaje original de Orgullo y prejuicio dista mucho de ser el hombre ideal.

    Solo hay un motivo por el que Lizzy Bennet estaría en la misma habitación que el engreído, orgulloso y descortés señor Darcy, y ese motivo no tiene nada que ver con su atractivo o su inmensa fortuna. Si Elizabeth tolera (y a duras penas) su presencia, es porque Darcy es el mejor amigo del señor Bingley, un encantador caballero muy especial para su hermana, la adorable y bondadosa Jane Bennet.

    Sigue leyendo: http://www.eltemplodelasmilpuertas.com/critica/orgullo-prejuicio/882/

    ha scritto il 

  • 3

    È abbastanza difficile scrivere qualcosa riguardo un classico, perché tutto è già stato detto in precedenza. Ho letto Orgoglio e pregiudizio in un tempo brevissimo e prestandogli molta attenzione, cercando l'elemento che finalmente mi avrebbe fatto appassionare a questo romanzo e mi avrebbe fatto ...continua

    È abbastanza difficile scrivere qualcosa riguardo un classico, perché tutto è già stato detto in precedenza. Ho letto Orgoglio e pregiudizio in un tempo brevissimo e prestandogli molta attenzione, cercando l'elemento che finalmente mi avrebbe fatto appassionare a questo romanzo e mi avrebbe fatto dire "dovevo ascoltare mia madre quando mi diceva di leggerlo!". Inutile dire che non l'ho trovato.
    Innanzitutto, premetto che i classici sono i contemporanei di un tempo e di conseguenza, quando leggo un classico, cerco di pensare secondo la mentalità del tempo in cui è stato scritto il romanzo. Se avessi letto Orgoglio e pregiudizio a quei tempi penso che non mi sarebbe piaciuto. Lo trovo troppo... normale... una semplicissima storia d'amore fra un uomo ricco e una ragazza con una spiccata intelligenza. Certo, il libro ha una nota ironica molto efficace, che mi ha permesso di mantenere il sorriso costantemente stampato sul viso, e mi ha anche coinvolto, ad un certo punto. Jane Austen ha descritto in maniera oggettiva e chiara come "andava" in quel periodo, e devo dire che ci è riuscita perfettamente, ma oltre questo non riesco a trovare niente che possa farmi adorare Orgoglio e pregiudizio. Forse un po' il fatto di essere rimasta affascinata proprio da come andavano le cose all'epoca. Non troviamo baci appassionati come oggi, tutto viene fatto con molta più discrezione ed è una cosa che mi è piaciuta veramente molto, eppure c'è da dire che non è un elemento proprio del romanzo, ma più che altro del periodo in cui si muovono i personaggi.

    ha scritto il 

  • 5

    Stupendo!

    Cosa c'è da dire? E' meraviglioso, è diventato uno dei miei libri preferiti! Divertente,ironico,passionale e un po' struggente! Ho adorato Elizabeth Bennet e il suo umorismo, il suo essere così diversa, coraggiosa e ostinata. Come lascia trapelare il romanzo e l'epoca in cui è stato scritto non t ...continua

    Cosa c'è da dire? E' meraviglioso, è diventato uno dei miei libri preferiti! Divertente,ironico,passionale e un po' struggente! Ho adorato Elizabeth Bennet e il suo umorismo, il suo essere così diversa, coraggiosa e ostinata. Come lascia trapelare il romanzo e l'epoca in cui è stato scritto non tutte le ragazze potevano permettersi di rifiutare un matrimonio, eppure lei ha solo seguito la sua ragione e il suo cuore! Dolcissima è Jane e meraviglioso è il rapporto tra le due sorelle. In questo romanzo c'è TUTTO! Consigliatissimo

    ha scritto il 

  • 5

    Credo che questo libro mi sia piaciuto per motivi piuttosto diversi dai consueti.
    Ne ho amato sopra ogni cosa le parti argute d'ironia (le pagine dedicate a Mr Collins sono, secondo me, tra i più inequivocabili segni della grandezza di Jane Austen), e sono stati alcuni dei personaggi "minor ...continua

    Credo che questo libro mi sia piaciuto per motivi piuttosto diversi dai consueti.
    Ne ho amato sopra ogni cosa le parti argute d'ironia (le pagine dedicate a Mr Collins sono, secondo me, tra i più inequivocabili segni della grandezza di Jane Austen), e sono stati alcuni dei personaggi "minori" ad affascinarmi di più: Charlotte Lucas, per esempio, così disincantata e accorta suo malgrado, così come la misera, ottusa, volenterosa Mary Bennet, o il suo biasimabile e spassosissimo padre; figure a mio vedere più sottilmente complesse, toccanti e stimolanti di quanto non lo siano le principali.
    Nei confronti di Darcy ed Elizabeth, così come di Bingley e Jane, infatti, devo ammettere una pur discreta noia, e in generale verso tutte le parti più smaccatamente romantiche; ché l'amore, lo si sa, è tanto bello quanto sovente superpalloso.

    Non mi ha certo delusa, in ogni caso: coinvolgente e facilissimo da amare, se si è fanciulle si finisce per sospirare di commozione anche contro la proprio volontà - esercizio caldamente consigliato, questo, specialmente alle ultra-trentenni a rischio d'inaridimento precoce come la sottoscritta.

    PS: datemi pure della malpensante, eh, ma secondo me l'amore di Elizabeth per Darcy è *davvero* incominciato al cospetto della prima, grandiosa visione della tenuta di Pemberley... E come darle torto, dico io?! :-D

    ha scritto il 

Ordina per