Orient Express

I Classici del Giallo n. 79

Di

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

4.2
(8785)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 203 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Catalano , Ceco , Olandese

Isbn-10: A000107188 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida , CD audio

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Orient Express?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Conti e contesse, attrici e principesse, miliardari e gangster stanno viaggiando tutti sull'Orient Express. Destinazione: delitto.Su questo favoloso treno, c'è anche Poirot, l'investigatore famoso per le sue « cellule grige ». Di notte, sotto una tempesta di neve, una mano ignota colpisce inesorabilmente un passeggero, lasciando accanto al cadavere un biglietto misterioso: « ... ricordati della piccola Daisy Armstrong ». Anni prima, Daisy era stata rapita e uccisa: un delitto particolarmente efferato che aveva sconvolto l'opinione pubblica, anche perché gli assassini avevano colpito nonostante che il riscatto fosse stato sùbito pagato dalla famiglia angosciata. Ora, a distanza di tempo, il nome di Daisy ricompare macchiato ancora di sangue. Non più innocente, però. Tocca a Poirot « analizzarlo » e far luce, se non altro, sul movente che ha spinto qualcuno a versare quel sangue.
Ordina per
  • 5

    Il giallo per antonomasia!

    Ovviamente ho visto milioni di volte il meraviglioso film con Albert Finney, un giovane Sean Connery e tanti altri attori, ma il libro non l’avevo mai letto.
    Che dire? Sono passati quasi 80 anni dalla ...continua

    Ovviamente ho visto milioni di volte il meraviglioso film con Albert Finney, un giovane Sean Connery e tanti altri attori, ma il libro non l’avevo mai letto.
    Che dire? Sono passati quasi 80 anni dalla pubblicazione e Assassinio sull’Orient Express mantiene tutta la sua freschezza e coinvolgimento
    Tratteggiare in poco meno di 300 pagine una ventina di personaggi, le loro storie e la loro psicologia vuol dire essere una grande scrittrice e la signora dei gialli, Agatha Christie in effetti lo è davvero anche perché riesce a sparpagliare tanti piccoli indizi senza far scoprire la trama (anch’io che ho visto mille e mille volte il film ho fatto fatica a trovarli e a riconoscerli).
    Anche se conoscevo la trama e il finale, leggerlo è stato davvero un piacere: in questa edizione per ragazzi (ahò, non ho trovato altro…) i capitoli son ben suddivisi e la lettura non si appesantisce mai.
    Se non avete visto il film leggetelo, se avete visto il film, leggetelo ugualmente!

    ha scritto il 

  • 5

    Ho appena finito questo libro per la terza volta. Si tratta senza dubbio di una delle storie piú affascinanti e ingegnose di sempre, con un epilogo inaspettato. Tra le pagine di questo giallo in uno s ...continua

    Ho appena finito questo libro per la terza volta. Si tratta senza dubbio di una delle storie piú affascinanti e ingegnose di sempre, con un epilogo inaspettato. Tra le pagine di questo giallo in uno spazio raccolto si incrociano persone di nazionalità e classi sociali diverse e l'autrice si perde in stereotipi sull'una e l'altra categoria, suscitando il sorriso per lettore. Innumerevoli i dettagli e gli indizi raccolti da Poirot nel corso dell'indagine, ma la Christie è brava e fa in modo che al lettore non escano mai di mente, cosicché alla fine tutti i punti si colleghino tra loro.
    Un capolavoro che ogni lettore deve avere in libreria.

    ha scritto il 

  • 5

    Geniale!

    Geniale è l’aggettivo perfetto per descrivere questo ennesimo capolavoro della Christie. La trama è intricata ma allo stesso tempo semplicissima.
    A dire il vero a metà lettura mi sono persa, e mi sono ...continua

    Geniale è l’aggettivo perfetto per descrivere questo ennesimo capolavoro della Christie. La trama è intricata ma allo stesso tempo semplicissima.
    A dire il vero a metà lettura mi sono persa, e mi sono chiesta come avrebbe fatto la Christie a chiudere il caso e allo stesso tempo a darci delle spiegazioni razionali e plausibili, ebbene lei ci è riuscita, e anche in maniera davvero brillante. Con tutta sincerità lo consiglio a tutti, anche a chi non ha mai letto un giallo.

    ha scritto il 

  • 4

    Ottima la suspense che la Christie riesce a creare nonostante l'azione si svolga in una sola notte al chiuso di un vagone letto! Niente male anche il film di Sidney Lumet con un eccezionale Poirot/Fin ...continua

    Ottima la suspense che la Christie riesce a creare nonostante l'azione si svolga in una sola notte al chiuso di un vagone letto! Niente male anche il film di Sidney Lumet con un eccezionale Poirot/Finney.

    ha scritto il 

  • 5

    In carrozza!

    Questo 2017 dev’essere per me l’anno delle prime volte in quanto a letture: i primi autori scandinavi, il primo Saramago, il primo Simenon… e adesso anche il primo giallo di Agatha Christie. Del resto ...continua

    Questo 2017 dev’essere per me l’anno delle prime volte in quanto a letture: i primi autori scandinavi, il primo Saramago, il primo Simenon… e adesso anche il primo giallo di Agatha Christie. Del resto, non è mai troppo tardi per cercare di sanare almeno una piccolissima parte della propria sconfinata ignoranza.
    Con quest’autrice, in verità, avevo in programma d’iniziare dal suo celebre classico “Dieci piccoli indiani”, ma poi una cara amica, che ringrazio di cuore, ha provveduto inaspettatamente facendomi dono di quest’altrettanto celebre titolo: et voilà, una splendida lettura davvero sorprendente, su cui salire a bordo proprio come sull’Orient Express!
    Ricche di echi del vecchio mondo coloniale e del fascino di una mitica tratta ferroviaria che, partendo da Oriente, attraversava buona parte dell’Europa, queste pagine offrono anche un interessante spaccato della società dell’epoca, ormai internazionale e da melting pot americano. Il giallo – manco a dirlo – incuriosisce, coinvolge e cattura, mentre il crimine al centro della narrazione finisce per intrecciarsi a un altro ben più orrendo e lontano nel tempo, sollevando una questione morale con la quale, suo malgrado, si troverà alle prese il geniale Poirot.
    Finale imprevedibile e stupefacente: un colpo da maestro, degno, a quanto pare, della regina del giallo!

    ha scritto il 

  • 5

    Un'opera d'arte.

    Assolutamente fantastico, il miglior giallo che io abbia mai letto. Adoro Poirot, ma questo non c'entra con quanto questo libro sia perfettamente architettato come un orologio svizzero. L'ho iniziato ...continua

    Assolutamente fantastico, il miglior giallo che io abbia mai letto. Adoro Poirot, ma questo non c'entra con quanto questo libro sia perfettamente architettato come un orologio svizzero. L'ho iniziato con l'intento di non farmi trascinare dai sentimenti, pensando che un giallo non potesse arrivare a tanto, perciò sorvolerò su come conclusione mi abbia praticamente fatto commuovere. Una volta concluso tremavo dall'adrenalina.
    Soddisfatta al 100%, lo consiglierò a chiunque!

    ha scritto il 

  • 5

    il viaggio tra Istanbul e Calais si consuma un delitto: un uomo viene ucciso con numerose coltellate. A finire sotto il torchio di Poirot sono tutti i passeggeri della carrozza. L’investigatore si dis ...continua

    il viaggio tra Istanbul e Calais si consuma un delitto: un uomo viene ucciso con numerose coltellate. A finire sotto il torchio di Poirot sono tutti i passeggeri della carrozza. L’investigatore si districa a colpi di domande e intuizioni tra nettapipe e kimono color porpora mentre il treno è fermo a causa di una nevicata in Jugoslavia.
    http://www.timreading.it/blog/Sono_in_treno_quindi_leggo_un_giallo/

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per