Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Oro Azul

By

Publisher: Plaza y Janes

3.5
(382)

Language:Español | Number of Pages: 432 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , German , Portuguese

Isbn-10: 0307348091 | Isbn-13: 9780307348098 | Publish date: 

Also available as: Paperback

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Oro Azul ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

En 1991 la ingeniera y profesora Francesca Cabral desaparece en su avión en la Costa de Venezuela, es dada por muerta.
En el año 2001, aparecen una gran cantidad de ballenas muertas en la costa de California donde se está realizando una regata. Los agentes de la NUMA (Agencia de submarinismo nacional) Kurt Austin y su compañero Joe Zabala , evitan un accidente mortal y se ponen a investigar los sucesos, descubriendo que la muerte de las ballenas se debe a una elevación de la temperatura del agua. Las pistas los conducen a la costa mexicana, donde en el subsuelo de una fábrica de tortitas se esconde una inusual actividad industrial desprende un gran calor. Una repentina explosión está a punto de costarles la vida. Siguen con sus investigaciones y llegan a saber que la fábrica de tortitas de pende de una gran multinacional que ha comprado las reservas de agua potable de casi todo el mundo y cuya propietaria es una mujer de apariencia vikinga: Brynhild. Se disponen, entre dificultades y aventuras, a encontrarla.

Sorting by
  • 3

    Realistico, purtroppo!!

    Seconda avventura dei Numa Files, un pochino meglio della prima. Due storie parallele, una di Austin/Zavala (niente di che in verità) e l'altra dei coniugi Trout (molto meglio), che convergono nel finale contro il cattivo di turno che in questa avventura fa un pò fatica a colpire il lettore. Sent ...continue

    Seconda avventura dei Numa Files, un pochino meglio della prima. Due storie parallele, una di Austin/Zavala (niente di che in verità) e l'altra dei coniugi Trout (molto meglio), che convergono nel finale contro il cattivo di turno che in questa avventura fa un pò fatica a colpire il lettore. Sentimenti ai minimi termini e forse qualche spiegazione tecnica di troppo sembrano ritrovarsi in questa serie. Avrei dato due stelle ma il tema che Cussler cerca di porre al centro dell'attenzione cioè l'acqua (l'oro blu del titolo) è cosi attuale e preoccupante che dopo aver letto il libro qualche perplessità sul problema ti resta, per cui una stella in più.

    said on 

  • 3

    ebook scambiabile - Personale - Romanzo straniero - Thriller e Giallo - Oro blu

    La NUMA, l'organizzazione che indaga su misteri e complotti riguardanti il mondo marino, non può ignorare le preoccupanti notizie su una multinazionale che sta cercando di impadronirsi delle riserve idriche del mondo intero. L'oro blu, è ciò che mette in pericolo il mondo.

    said on 

  • 3

    Tema interessante, stile di scrittura da "American yuppy": siamo al limite dell'accettabile.

    Dopo il per me deludente "Salto nel buio" ho affrontato questo Cussler (+Kemprecos) con ben poche aspettative.
    Invece è andata "meno peggio" di quanto mi aspettassi.
    Intanto il tema è interessante (ed attuale anche in Italia, vedi referendum sull'acqua pubblica) e c'è almeno un person ...continue

    Dopo il per me deludente "Salto nel buio" ho affrontato questo Cussler (+Kemprecos) con ben poche aspettative.
    Invece è andata "meno peggio" di quanto mi aspettassi.
    Intanto il tema è interessante (ed attuale anche in Italia, vedi referendum sull'acqua pubblica) e c'è almeno un personaggio, Francesca Cabral, reso con il suo fascino.
    Aggiungiamoci che la coppia Austin-Zavala non è certamente peggio di Pitt-Giordino e che comunque da Cussler comincio ormai ad aspettarmi uno standard decisamente basso sulla psicologia dei personaggi, ed ecco che ... ne sono arrivato alla fine!

    La cosa più disturbante per me è lo stile di scrittura, in moltissime pagine (ma saranno di Cussler o di Kemprecos?).
    Stile che non mi sentirei di definire "barocco", perchè non ne ha la leziosità e la ricercatezza. No. Solo "affastellato", "fitto" di parole spesso inutili, spesso faticoso da leggere.
    Dove una non fa un semplice tuffo, ma fa "il classico tuffo a cigno che le avrebbe fatto guadagnare il massimo del punteggio in una gara olimpica".
    Dove uno non si può prendere un caffè senza che l'autore si senta in dovere di precisare che è "preparato con la pregiata qualità giamaicana Blue Mountain".
    Togliete le inutili (e spesso irritanti) "fighettate da yuppy" dal testo e probabilmente si riduce di un buon 25%.

    Se alla fine posso anche dire che questo libro "lo si sopporta", sono sempre più perplesso che uno come Cussler sia ritenuto da molti il "top" della narrativa avventurosa.
    Senza scomodare il mitico gallese (di tutt'altro spessore e non meramente "avventuroso"), un James Rollins scrive enormemente meglio, sia come stile che come intrecci.
    E crea pure personaggi molto più accattivanti dei meri e grezzi ragazzoni tecnologici made in USA che Cussler regolarmente ci propina.

    said on 

  • 4

    Oro blu

    Altro bel libro del mitico Cussler. Ormai anche Zavala ed Austin sono entrati nei cuori dei lettori. E, come sempre, la fantasia del maestro dell'avventura non ha limiti!

    said on 

  • 3

    Estate e relax - 01 ago 10

    Vecchia uscita, una delle prime della coppia, e tutto sommato più equilibrata. Grande saga basata sul controllo delle riserve idriche mondiali. Come nei primi e ben orchestrati Cussler si spazia in diversi punti di tempo e luogo (anche se meno dei classici) per seguire da una parte la vicenda di ...continue

    Vecchia uscita, una delle prime della coppia, e tutto sommato più equilibrata. Grande saga basata sul controllo delle riserve idriche mondiali. Come nei primi e ben orchestrati Cussler si spazia in diversi punti di tempo e luogo (anche se meno dei classici) per seguire da una parte la vicenda di Francesca Cabral, scopritrice di un metodo rivoluzionario per la desalinizzazione dell’acqua. Dall’altra l’ascesa e l’immancabile caduta di Brynhild e del suo tentativo (attraverso vie legali o meno) di accaparrarsi l’uso privato dell’acqua pubblica. Farcite dalle imprese dei due sotto alter-ego degli eroi della saga (qui, niente Dirk Pitt e compagnia, ma Kurt Austin e Joe Zavala, altrettanto tipici anche senza la fortuna del buon Dirk) e dei sempre presenti super-scienziati della NUMA (in particolare i coniugi Trout, già presenti cross in molte storie). Dalla frase sotto riportata nasce una riflessione che trascende i limiti del romanzone d’avventura, che venne scritto ben dieci anni fa. Ed ora la privatizzazione delle acque è sotto gli occhi di tutti, ma tutti (o molti) la lasciano scorrere come fosse un sotto-prodotto della modernità. Ma se ci si riflette, si può ben ricordare che (a parte tutte le connotazioni ideologiche) il maggior peso dei conflitti nell’area israelo-palestinese derivano proprio dal controllo delle acque del Giordano. E tanti altri conflitti nascono per il controllo di questo bene che non è aumentato negli ultimi 2000 anni, mentre i consumatori sono diventati, quanti miliardi? Ma torniamo alla storia, scorrevole e piacevole, anche se con alcuni nei nelle parti finali: la fine dei cattivi, soprattutto dei gemelli bosniaci è un po’ affrettata, e poi ad un certo punto alcuni giornalisti scompaiono e non si sa più nulla di loro. Un po’ più di attenzione ci vorrebbe, anche in queste prove semi-industriali. Appuntamento alla prossima saga dei super-eroi dell’acqua.
    “Un bene prezioso come l’acqua non dovrebbe essere controllato da imprese che non devono rendere conto all’opinione pubblica” (89)

    said on 

  • 1

    Cussler: alla lunga stufa

    Mia prima lettura di Cussler, rimasi entusiasta e cercai altri titoli dell'autore, ma alla lunga sapendo che è considerato uno dei massimi esponenti del filone narrativo d'avventura, ci si attende di più di una replica noiosissima e surreale storiella sul troppo eroico Dirk Pitt.

    said on 

  • 0

    per un po' ho abbandonato Cussler ch dimostrava di aver ben imparato a confezionare il tipico best seller... eppoi l'idea di non ritrovare Pitt.... ma in estate c'è bisogno di aria di avventura....

    le prime pagine promettono bene....

    said on