Oscar Wilde e il gioco della morte

Voto medio di 194
| 24 contributi totali di cui 21 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Londra, 1892. Nella saletta privata di un lussuoso ristorante, Oscar Wilde propone agli amici un nuovo gioco di società: scrivere su un foglietto il nome della persona che ognuno di loro vorrebbe uccidere. Poco dopo, però, le quattordici vittime ... Continua
Ha scritto il 03/03/14
Bisogna sempre essere un po' improbabili (O. Wilde)
Romanzo noioso ed estremamente prevedibile a tal punto da sembrare improbabile. La sola cosa divertente è il trovare disseminati nel racconto alcuni aforismi di Wilde.
Ha scritto il 26/02/12
Anche meglio del precedente. Lo consiglio.
Ha scritto il 02/02/12
Dopo Oscar Wilde e i delitti a lume di candela, un'altra storia immaginata nella Londra vittoriana, in compagnia di Bram Stocker, Conan Doyle e altri illustri amici. Divertimento, tra immaginazione e un pò di vita di Oscar WIlde
Ha scritto il 01/05/11
Lettura leggera ma divertente.
Ha scritto il 25/01/11
Senza infamia e senza lode, ho trovato il libro meno scorrevole del primo volume su Oscar Wilde di Gyles Brandreth. Molto misterioso, ma non tiene con il fiato sospeso. Da leggere tanto per fare qualcosa.

Ha scritto il Jan 04, 2009, 13:31
"L'invidia è l'ulcera dell'anima" (Socrate)
Pag. 392
Ha scritto il Jan 04, 2009, 13:31
Nella stanza del tesoro della tua anima ci sono cose infinitamente preziose che non possono esserti tolte.
Pag. 319
Ha scritto il Jan 04, 2009, 13:30
Il segreto per rimanere giovani sta nell'avere una sregolata passione per il piacere.
Pag. 201
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi