Oscuros

By

Publisher: Montena

3.5
(3610)

Language: Español | Number of Pages: 413 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Catalan , Italian , Portuguese , Dutch , French , German

Isbn-10: 6073101570 | Isbn-13: 9786073101578 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Softcover and Stapled , Mass Market Paperback , Others

Category: Romance , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Oscuros ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    CIAONE!

    Stregata dalla magnifica cover, mi sono fiondata su questo libro senza indugio! In fondo la trama prometteva bene: l’istituto di correzione, l’atmosfera dark, segreti che vengono a galla, pericoli mor ...continue

    Stregata dalla magnifica cover, mi sono fiondata su questo libro senza indugio! In fondo la trama prometteva bene: l’istituto di correzione, l’atmosfera dark, segreti che vengono a galla, pericoli mortali e poi la storia di un amore proibito, angeli e rincarnazione, maledizioni e destino, insomma questo libro aveva TUTTE le carte in regola per essere il top!



    -.-
    CIAONEEE! Ennesimo libro che non vale e non lascia nulla, storia sviluppata troppo superficialmente e in maniera estremamente elementare, dialoghi stupidi. Protagonista da eliminare alla prima pagina. La Kate aveva tutta e non ha sfruttato nulla!
    Se ci ripenso, brucio ancora di rabbia e delusione, cioè ma perché scrivere un libro che si perde cos’ nel nulla e per nulla?!?!
    #ACIDAIO

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    Delusione

    Avevo grandi aspettative per questo libro, per via della copertina molto bella e della trama che mi ispirava. Ma la mia reazione, finito il libro, è riassumibile in un'unica parola: "Meh".
    Lo stile de ...continue

    Avevo grandi aspettative per questo libro, per via della copertina molto bella e della trama che mi ispirava. Ma la mia reazione, finito il libro, è riassumibile in un'unica parola: "Meh".
    Lo stile dell'autrice è lento, pesante, infarcito di dettagli inutili. La protagonista, Luce, mi da l'orticaria. Si comporta come una bambina, si innamora del classico belloccio e gli sbava dietro come se non ci fosse un domani, non è capace di rifiutare un altro figo che le fa il filo e mette il broncio se non capisce qualcosa. I personaggi hanno uno spessore morale pari a zero. SPOILER L'unico che mi pareva interessante, Todd, viene fatto morire in un incendio dopo un centinaio di pagine, Luce inizialmente sembra esserci rimasta male ma dopo qualche riga ha già dimenticato il tutto, presa com'è a sbavare dietro al suo unico grande amore.
    Una delusione totale. Non leggerò i seguiti e non lo consiglio,

    said on 

  • 2

    La storia prometteva bene, ma non si è evoluta come immaginavo. Il prologo fa intuire che il ragazzo "misterioso" è Daniel, per via del disegno che Luce pensa che sia un'allucinazione. In effetti, a p ...continue

    La storia prometteva bene, ma non si è evoluta come immaginavo. Il prologo fa intuire che il ragazzo "misterioso" è Daniel, per via del disegno che Luce pensa che sia un'allucinazione. In effetti, a primo impatto, leggendo il prologo, qualcuno potrebbe pensare che il ragazzo in questione sia Cam (cosa che ho pensato anch'io). Il linguaggio è un po' forbito, cosa che non mi aspettavo da un romanzo per adolescenti. Nonostante il narratore sia estraneo alle vicende, il punto di vista raccontato è soltanto quello di Luce, almeno nella maggior parte del romanzo. Io credo comunque che la maggior parte degli autori usino la narrazione in terza persone per avere un punto di vista di tutti i personaggi.
    I luoghi descritti sono un po'... inverosimili: una scuola delimitata dal filo spinato? Una chiesa diventata una palestra?
    La storia tutto sommato è carina, ma non vengono rivelati vari dettagli per non mettere in pericolo "la vita di Luce", cosa che non ho capito. Non ci sono temi, né una morale finale (be', la parte finale del romanzo è tutta un continuo "Daniel, Daniel, Daniel" e si parla continuamente dell'amore, mettendo in secondo piano perfino la morte di un personaggio che mi stava simpatico).
    Lo consiglio a chi non ha niente di meglio da fare.

    said on 

  • 2

    Fiasco!

    Avevo molte aspettative da questo young adult, ma non è diverso da tanti altri. C'è molta confusione in questo libro che è specchio della scarsa fantasia dell'autrice. Bisogna avere le idee chiare qua ...continue

    Avevo molte aspettative da questo young adult, ma non è diverso da tanti altri. C'è molta confusione in questo libro che è specchio della scarsa fantasia dell'autrice. Bisogna avere le idee chiare quando si scrive un libro, non iniziare a scrivere e proseguire a caso. Poi, cosa ancora più deludente è che abbiamo il solito triangolo, la solita protagonista rintronata che non capisce nulla di tutto quello che le accade attorno.
    Copertina molto bella, ma vuoto il contenuto anzi caotico!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    Fateli cadere di nuovo, ma in una discarica

    Non ho ancora capito quale parte della storia tra un'umana con capacità di coordinazione motoria sotto lo zero e il belloccio bipolare mi dovrebbe, se non emozionare, interessare. Ho deciso di dare un ...continue

    Non ho ancora capito quale parte della storia tra un'umana con capacità di coordinazione motoria sotto lo zero e il belloccio bipolare mi dovrebbe, se non emozionare, interessare. Ho deciso di dare una possibilità a questo libro perché non avevo mai letto nulla sugli angeli (e, dopo 'ste premesse, mi guarderò dal farlo) e perché l'elemento "riformatorio" - speravo; beata ingenuità - avrebbe dovuto distogliere la trama dal solito teen-drama con non-morto. Invece, è stato tutto ridotto ad un "io non sono cattiva, sono innocente, non c'entro niente con questi pazzi, fatemi uscire da qui" e ad un riformatorio che, se non fosse per qualche braccialetto con l'elettroshock e qualche telecamera di troppo, sarebbe solo un liceo americano più macabro (c'hanno il cimitero al posto del campetto da basket: allegria, portami via). Tra l'altro, sono l'unica che pensa che se a me morisse tra le braccia un ragazzo - bruciato vivo -, tutti pensassero che la colpa sia mia, mi buttassero fuori a calci nel didietro da scuola, ritornassero le "ombre" che normale non mi rendono e mi chiudessero in riformatorio a diciassette anni, i due bellocci sarebbero l'ultimo dei miei pensieri? Se proprio vuoi metterci 'sto triangolo tra esseri mitologici (contrapposti, mi raccomando: devono prendersi a cazzotti da secoli, amen), evitami il background da tragedia e non nasconderti dietro un dito quando stai scrivendo una scemenza.
    A Toilette ho criticato il fatto di essere la brutta copia di una fanfiction. Questo è peggio: oltre ad essere una fanfiction, non ha manco l'unico pregio di Twilight. Anche se con il pranzo che risale nell'esofago, la fluidità della Meyer ti permetteva di togliertelo dalle balls in pochi giorni - a seconda del tempo che gli dedichi -; qui manco quello. Lo stile della Kate è lento, infarcito di informazioni inutili e scene che, se le tagli, mi fai un favore. Premetto di non essere contro "gli spaccati di vita" in un libro, ma qui il libro è costruito sugli spaccati di vita, e non c'è niente a renderli interessanti.
    I personaggi, manco a dirlo, hanno la profondità di una caffettiera. Solo che la caffettiera ha una sua utilità. C'è la classica bella che appena guarda un ragazzo, quello le sbava dietro (munita di zero esperienza amorosa e piedi difettosi), il ragazzo bello che ci prova impunemente dalla prima pagina e quello a giorni alterni (prima la manda a quel paese senza motivo, poi la cerca, poi "devi smetterla di cercarmi," poi "che cavolo ci trovi in quell'altro"; deciditi, cavolo), l'amica che è solo un mezzo per mandare avanti la trama e quella svitata che è un mezzo per metterci qualche battuta che dovrebbe - dovrebbe - fare ridere. Ah, e poteva mancare la bibliotecaria che si prende a cuore la cara Luce?
    Per essere un libro basato sugli angeli (e demoni), mi pare che l'aspetto mitologico sia mooolto trascurato. Al solito, la mia impressione è che ci siano troppi harmony sugli scaffali e abbiano deciso di mettere libri a caso nello scaffale paranormal. Essere angeli caduti comporta avere le ali, poteri magici bonus, essere belli - e con occhi di colori impossibili -, essere forti e un set di miracle blade in omaggio. Come per Twilight, ripeto: dov'è la fregatura? E, soprattutto, che differenza c'è tra un angelo e un angelo caduto?
    No, l'angst sull'essere immortale e vedere pucci pucci morire di volta in volta non è una risposta: a)sei immortale, sei vecchio quanto il mondo, in millenni sei rimasto sempre al punto di partenza? b)la tizia ti ricompare ogni diciassette anni - diciassette, non ventordici, per te che sei vecchio quanto il mondo dovrebbero essere un battito di ciglia - se proprio non vuoi scomodarti a cercare una soluzione, accontentati.
    Un minimo di punti positivi potevo darglieli perché Luce, almeno, stava per mandare a farsi benedire il caro Daniel; li perde tutti perché basta che lui le dica "sei bella" che lei si scioglie e ritorna il suo cagnolino.
    Non lo consiglio manco da mettere sotto la gamba rotta del tavolo di pora nonna.

    said on 

  • 1

    Io mi fermo qui

    Fallen è il primo volume della serie urban fantasy per adolescenti che racconta la storia d'amore tra Lucinda, una diciassettenne che finisce in una scuola/riformatorio dopo l'incidente che ha causato ...continue

    Fallen è il primo volume della serie urban fantasy per adolescenti che racconta la storia d'amore tra Lucinda, una diciassettenne che finisce in una scuola/riformatorio dopo l'incidente che ha causato la morte del suo ragazzo e Daniel, un misterioso ragazzo che sembra non voler aver alcun contatto con lei.
    Pare che la Disney avesse acquistato i diritti per farne un film ma sono passati un po' di anni e non è mai stato realizzato. Forse è passato di moda.
    Le vicende sono raccontate dal punto di vista di Lucinda e le ho trovate di una noia mortale. L'idea generale della serie poteva essere buona ma non si possono sprecare più di 300 pagine in un susseguirsi di fatti e dettagli inutili per poi arrivare alle ultime 100 pagine e svelare poco o niente.
    E' un volume introduttivo troppo lungo per i miei gusti, dove la trama è piatta e i protagonisti non coinvolgono più di tanto, pertanto, non sono interessata a proseguire.
    Inoltre, lo stile non fa per me: non c'è il giusto ritmo e relega l'azione solo nelle parti finali. Non è affatto scorrevole ed è stata una vera fatica finirlo.
    Ho saputo perfino che l'autrice quest'anno farà uscire un volume dedicato ad uno dei personaggi secondari di questa serie. Non oso immaginare cosa ne verrà fuori. Io passo.
    Secondo me, la Rizzoli avrebbe dovuto puntare sugli Angeli Caduti di J.R. Ward: storia più articolata, per adulti e ben scritta.

    said on 

  • 5

    A me è piaciuto moltissimo, come gli altri libri della saga, è una storia affascinante e con molti colpi di scena. Scrittura semplice e molto scorrevole. La consiglio assolutamente!

    said on 

Sorting by