Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Osservazioni su Diofanto

Di

Editore: Bollati Boringhieri

3.8
(11)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 71 | Formato: Altri

Isbn-10: 8833909980 | Isbn-13: 9788833909981 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Osservazioni su Diofanto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Le Osservazioni su Diofanto, uno dei testi più famosi di tutta la storia della matematica, riproducono le annotazioni che Fermat trascrisse sui margini della propria copia dell'Arithmetica di Diofanto. Nella nota numero 2 Fermat afferma di avere scoperto una dimostrazione davvero mirabile di quello che sarebbe diventato noto come Ultimo Teorema di Fermat, ma che non può essere contenuta nella ristrettezza del margine. Ciò diede origine al più affascinante mistero di tutta la storia di questa scienza. La dimostrazione non fu infatti mai trovata. Il volume contiene un'appendice in cui il curatore espone la storia, spesso rocambolesca, dei tentativi per dimostrare il teorema dal 1637 al 1995.
Ordina per
  • 0

    La complessità della matematica descritta "a parole"

    Quello che salta all'occhio leggendo queste note scritte da Fermat a margine dell'opera di Diofanto è la complessità degli enunciati. Complessità dovuta all'utilizzo quasi esclusivo del linguaggio comune per presentare i risultati.


    Gli stessi enunciati risulterebbero più "leggibili" util ...continua

    Quello che salta all'occhio leggendo queste note scritte da Fermat a margine dell'opera di Diofanto è la complessità degli enunciati. Complessità dovuta all'utilizzo quasi esclusivo del linguaggio comune per presentare i risultati.

    Gli stessi enunciati risulterebbero più "leggibili" utilizzando il formalismo matematico moderno. Questo porta a riflettere sull'importanza del formalismo matematico e su come la sua semplicità sia stata essenziale per poter formulare concetti sempre più complessi che, probabilmente, non sarebbero mai stati enunciati utilizzando il linguaggio comune.

    ha scritto il