Ha scritto il 17/06/17
No, non è la gelosia...
"Io non sono quel che sono", dice Iago all’inizio della tragedia, e a parer mio questa sentenza è la chiave del dramma del Moro di Venezia. Otello è infatti la tragedia di come i fatti possano essere resi diversi da ciò che sono, grazie al ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 29/04/17
SPOILER ALERT
1 La tragedia prende il titolo da Otello. Eppure, è il personaggio di Iago a risaltare: sia per presenza scenica, che per forza e carisma. Insomma, tutta la vicenda è frutto di Iago (ci torneremo), quindi perché chiamarla Otello? Perché, di ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 13/03/17
Finché la gondola va...
Rispetto alle altre opere che ho letto di Shakespeare devo dire che la storia del Moro di Venezia è quella che è riuscita a colpirmi di più: rispetto a "Sogno di una notte di mezza estate" la trama è decisamente più scorrevole e oltre al ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 30/01/17
Rispetto alle altre tragedie di Shakespeare forse è quella che mi è piaciuta meno, ma con ciò non voglio dire che non sia all'altezza delle altre, infatti le ho dato 4 stelle!
  • Rispondi
Ha scritto il 28/01/17
La gelosia è figlia...
... dell'insicurezza. Ciò detto come si fa a parlare di Shakespeare?È ineffabile. Quest'opera teatrale, in cui Mario Praz rilevava molte incongruenze e su cui non solo la critica letteraria ma la pissicanalisi si è sprecata, è ineffabile. Otello ..." Continua...
  • 13 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Nov 27, 2015, 14:21
Guardatevi dalla gelosia, il mostro dagli occhi verdi che irride il cibo di cui si nutre...
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 06, 2013, 11:02
She lov'd me for the dangers I had past,
and I lov'd her, that she did pitty them.
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 06, 2013, 11:01
[...]and she, in spight of Nature,
of Yeares, of Country, Credite, every thing
To fall in Love, with what she fear'd to looke on;[...]
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 21, 2012, 16:44
Guardatevi bene, mio signoredal cader preda della gelosia:è il mostro verde-occhiutoche si beffa del cibo onde si pasce.Vive felice l’uomo che, cornutoe consapevole del suo destino,più non ama colei che lo tradisce;ma che istanti d’infernodeve ... Continua...
Pag. 76
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 21, 2012, 16:36
Jago, tu trami ai danni d’un amico
se, sapendo che ha ricevuto un torto,
fai il suo orecchio estraneo ai tuoi pensieri.
Pag. 74
  • 1 commento
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Jul 13, 2016, 07:50
822.3
SHA/2 11145
Letteratura Inglese
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi