Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Otto

The Autobiography of a Teddy Bear

By

Publisher: Phaidon

4.4
(27)

Language:English | Number of Pages: 36 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) French , German , Italian , Spanish

Isbn-10: 0714857661 | Isbn-13: 9780714857664 | Publish date: 

Category: Children

Do you like Otto ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This is an autobiographical tale of a teddy bear named Otto. Otto is a German-born teddy bear. His first memories are of being stitched together and being given to David, a Jewish boy living in Germany before WWII. David and his best-friend Oskar always play with Otto, using him for pranks, games and even teaching him to type on a typewriter. Life is a lot of fun for the Otto. However, one day, David starts to wear a yellow star on his jacket. He and his parents are soon carted away by men in leather coats and uniforms. David decides to give his dear teddy bear to Oskar. Many lonely days pass for Oskar and Otto. But even gloomier days soon arrive when Osakar's father is drafted into the army and the bombings start. One day, a sudden explosion sends Otto flying through the air and into the middle a raging battle-field. The teddy bear is spotted by a soldier, but the moment the soldier picks Otto up, they are both shot through the chest. Otto and the soldier, an American G.I., are taken away to a hospital. In hospital, the soldier keeps Otto by his side. When he recovers, he pins a medal on Otto's chest, saying that Otto saved his life, taking the brunt of the bullet. The story makes papers and Otto becomes a mascot of the soldier's regiment. The teddy bear is then taken to America and is given to a sweet girl called Jasmin, the soldier's daughter. But Otto's new home and happiness is once again brutally ended when he is snatched away by mean and violent street urchins, who hit and trample on him and throw him into a bin. Otto is then picked up by an antiques dealer and taken to his shop. Years and years go by, until one rainy evening, when a bulky man stops and carefully examines the shop window. The man recognizes the bear instantly buys him. It is Oskar, Otto's old friend. The story of Oskar, a German tourist and survivor of the war finding his teddy bear in America soon makes the papers. And the day after Otto's picture appears in the paper, Oskar's telephone rings: it is his old friend David. And so, the three friends finally reunite, sharing the sorrows and pains of war and living a peaceful and happy life together. Otto now keeps himself busy, typing the story of his life on David's typewriter. Children will become attached to this loving, innocent protagonist, and will naturally be interested in his life story. Tomi Ungerer deals with one of the darkest chapters of history and pulls off the challenge admirably. This tale will prompt reflection and important questions without causing undue fear.
Sorting by
  • 4

    Argomento delicato trattato con delicatezza

    Un utile e delicato libricino per cercare di spiegare un capitolo buio della storia, attraverso aneddoti vicini all'esperienza dei piccoli.

    said on 

  • 5

    Bellissima favola per bambini. L'olocausto raccontato da un piccolo orsetto di pelouche, un racconto brevissimo ma pieno di fatti e realtà molto crudeli, di cose non dette ma che ognuno di noi sa anche se fa finta di non sapere.

    said on 

  • 5

    Desde que vi el libro en la librería supe que tenía ser mío. Y al mirar las hojas interiores... Ya empecé a llorar. Cuando mi madre me lo ha leído... Ufff, eso no ha sido llorar y si es llorar es al estilo de los dibujitos japoneses... Que más que lágrimas son torrentes de agua saliendo de los oj ...continue

    Desde que vi el libro en la librería supe que tenía ser mío. Y al mirar las hojas interiores... Ya empecé a llorar. Cuando mi madre me lo ha leído... Ufff, eso no ha sido llorar y si es llorar es al estilo de los dibujitos japoneses... Que más que lágrimas son torrentes de agua saliendo de los ojos...

    Dice mi madre que detrás de la historia del osito hay otra historia que ya entenderé en unos añitos. No obstante ya sé algo de los nazis, los judíos...

    said on 

  • 4

    Illustrato per l'infanzia. Ma non solo.
    La storia è ben modulata, a tratti commovente, ed in poche pagine apre una moltitudine di pensieri.
    Da leggere anche se si è grandicelli.

    said on 

  • 4

    Ho letto "Otto" con i bambini di una classe elementare per commentare la giornata della Memoria in libreria, insieme ad Anna Frank e ad altri testi. E' stato molto interessante sia per me sia per i bambini, ai quali Otto è piaciuto molto! è un libro adatto ai più piccoli che spiega con semplicità ...continue

    Ho letto "Otto" con i bambini di una classe elementare per commentare la giornata della Memoria in libreria, insieme ad Anna Frank e ad altri testi. E' stato molto interessante sia per me sia per i bambini, ai quali Otto è piaciuto molto! è un libro adatto ai più piccoli che spiega con semplicità l'orrore della separazione e della guerra, una favola che permette di avvicinarli con leggerezza a qualcosa di terribile che non dovranno dimenticare.

    said on 

  • 4

    Questa è la storia di un orsacchiotto di pezza e di due piccoli tedeschi, compagni di gioco inseparabili che vengono improvvisamente divisi: perché un giorno David è costretto a cucirsi sugli abiti una stella gialla, e viene portato via da misteriosi uomini in uniforme. Poi la guerra trascina via ...continue

    Questa è la storia di un orsacchiotto di pezza e di due piccoli tedeschi, compagni di gioco inseparabili che vengono improvvisamente divisi: perché un giorno David è costretto a cucirsi sugli abiti una stella gialla, e viene portato via da misteriosi uomini in uniforme. Poi la guerra trascina via anche l'orso Otto, che va a finire nella vetrina di un rigattiere americano e continua a chiedersi cosa ne è stato dei suoi amici di un tempo...

    said on