Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Out

By

Publisher: Kodansha International

4.0
(2160)

Language:English | Number of Pages: 360 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi traditional , Italian , German , Spanish , Japanese , French , Dutch , Portuguese , Czech

Isbn-10: 4770029055 | Isbn-13: 9784770029058 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Stephen Snyder

Also available as: Paperback , Audio CD , Audio Cassette

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Out ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
OUT was awarded the Grand Prix of the Mystery Writers of Japan in 1997-the Asian equivalent of an Edgar.
It is a dynamic example of the work of a new breed of Asian women writers excelling in the smart, hard-nosed, well-written, and realistically plotted mystery novel. Kirino' crime story can stand comparison with the work of other top-notch Western women writers in this genre, like Sarah Paretsky and
Ruth Rendell.
The story-though a bare summary makes it seem merely brutal and bloodthirsty, when it is much more than that-focuses on four women who work together in a lunch-box factory in the suburbs of Tokyo. One of them suffers from spouse abuse and, unable to take it any longer, murders her husband and
appeals to her co-workers to help her dispose of the corpse. One of these friends---the brain behind the coverup-after cutting up the body in the bathroom of her house, has the other two dump it as garbage. The money from the man's life insurance is then divided among them. But this is only the
beginning. The successful, unpremeditated crime and the rewards it brings are the seed of other, premeditated schemes, escalating from one localized use of violence to a rash of similar deeds, with unpredictable outcomes for the women behind them.
As a study in the psychology of domestic repression and the dynamics of violent crime, OUT works on several levels, gripping the reader from its smoldering beginning to the fireburst of its finale.
In hardcover in its original language it sold over 300,000 copies, and a movie version will have its premiere in Tokyo at the end of 2002, with international distribution under discussion.
Sorting by
  • 4

    te e mezzo/quattro - Stile, caratterizzazioni personaggi, contesto sociale e tenuta della narrazione perfetti, un romanzo potente. Però... una lettura crudele, terribile. Non credo leggerò altro della ...continue

    te e mezzo/quattro - Stile, caratterizzazioni personaggi, contesto sociale e tenuta della narrazione perfetti, un romanzo potente. Però... una lettura crudele, terribile. Non credo leggerò altro della Kirino.

    said on 

  • 5

    L'inizio mi e' piaciuto e mi ha divertito per quella trama nippo-pulp, e per quella velata promessa di riscatto. Lo svolgimento degli eventi l'ho adorato per quella svolta introspettiva che ha sviscer ...continue

    L'inizio mi e' piaciuto e mi ha divertito per quella trama nippo-pulp, e per quella velata promessa di riscatto. Lo svolgimento degli eventi l'ho adorato per quella svolta introspettiva che ha sviscerato i desideri dei suoi protagonisti.
    Infine mi ha stupita e emozionata il truculento epilogo... di carne, sangue, furore e poesia.

    "Masako capi' Satake... e lo amo'"

    said on 

  • 2

    Un noir che più noir non si può

    Un noir che più noir non si può, fatto con una miscela di violenza inusitata, disperazione sadismo, masochismo, lavoro alienante, solitudine, povertà, incomunicabilità, abbandono e fuga dalla realtà. ...continue

    Un noir che più noir non si può, fatto con una miscela di violenza inusitata, disperazione sadismo, masochismo, lavoro alienante, solitudine, povertà, incomunicabilità, abbandono e fuga dalla realtà. Una trama improbabile che non regge, con dialoghi infantili ed un finale a gran sorpresa ma, purtoppo, del tutto assurdo. Metto due stelle, anziché una, solo perchè sono riuscito a finirlo (a fatica).

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Masako, Kuniko, Yoshie e Yayoi, quattro donne di età, di carattere e di formazione differenti, accomunate solo da un ripetitivo e snervante lavoro notturno che non le soddisfa, ma di cui non possono f ...continue

    Masako, Kuniko, Yoshie e Yayoi, quattro donne di età, di carattere e di formazione differenti, accomunate solo da un ripetitivo e snervante lavoro notturno che non le soddisfa, ma di cui non possono fare a meno. Sono figure che emergono lentamente, come se avessero pudore dei propri sentimenti e non volessero lasciare spoglia ed indifesa la loro anima, ma le vicende della vita rivelano di quale atrocità, tutte insieme, si possano macchiare, anche se con maggiore o minore partecipazione.
    Un’arma per dimenticare, anzi per cancellare le mostruosità commesse, è quella di convincersi che non vi sia nessuna via d’uscita, la ragione spesso si rifiuta di riflettere, ma non si può eludere il problema a lungo e le quattro ‘amiche’ rivelano in pieno come le loro vicende personali possano caratterizzarle: forte Masako, codarda Kuniko, ansiosa Yoshie, confusa Yayoi. Comunque ognuna cerca di continuare a vivere secondo il proprio istinto, secondo la propria visione di una vita ormai sconvolta che infonde in tutte una sorta di euforia per il ‘dio denaro’ ma anche un ‘brivido di terrore’ soprattutto per la personale esistenza, tanto da affrontare il ‘nemico misterioso’ in modo totalmente diverso.
    Due uomini, Jumonji e Satake, giocano ruoli diversi e a loro modo fondamentali per lo sviluppo e la conclusione della macabra vicenda.

    ”…noi siamo i figli perduti della società!

    said on 

  • 4

    Inaspettato!

    Devo dire che mi sono lasciata un po' ingannare dal breve riassunto sul risvolto di copertina, che sembra presentare una storia decisamente più "leggera" di quanto sia in realtà. O meglio, porta il pu ...continue

    Devo dire che mi sono lasciata un po' ingannare dal breve riassunto sul risvolto di copertina, che sembra presentare una storia decisamente più "leggera" di quanto sia in realtà. O meglio, porta il punto focale della storia su un avvenimento che invece si rivela essere solo la punta dell'iceberg dell'intero romanzo.
    L'omicidio che Yayoi, una delle quattro donne protagoniste del romanzo, compie ai danni del proprio marito non è il fulcro della storia, come credevo all'inizio, bensì il trampolino di lancio dal quale si dipanano, capitolo dopo capitolo, le storie di vita delle quattro casalinghe. E' l'avvenimento che dà il via alla scoperta dei sentimenti più profondi celati nell'animo di queste quattro donne, ognuna col proprio carico di problemi e colpe, che non esita a lottare, a proprio modo, per cercare di andare avanti, ricorrendo talvolta anche a soluzioni estreme.
    Non mi aspettavo una svolta così introspettiva e certi passi del libro, specialmente verso la fine, mi hanno lasciato spiazzata. Tuttavia gli avvenimenti sono scorsi senza incepparsi e l'alta sensibilità dei contenuti trattati non ha rappresentato un ostacolo. Forse, anzi, è proprio la facilità con cui sono stati inseriti nella storia certi passaggi, certe descrizioni, che mi ha lasciato stupefatta.
    Un libro che, una volta finito, mi ha dato da pensare.

    said on 

  • 5

    Una volta arrivata alla fine....mi è frullato per la testa almeno per mezz'ora tutto quello che ho letto......un libro che lascia il segno.....e ancora oggi....ci sto pensando

    said on 

  • 4

    Un noir, che a tratti potrebbe turbare gli stomaci più delicati, scritto con uno stile asciutto e coinvolgente, in grado di portare il lettore nei recessi della grande metropoli e di inserirli in un m ...continue

    Un noir, che a tratti potrebbe turbare gli stomaci più delicati, scritto con uno stile asciutto e coinvolgente, in grado di portare il lettore nei recessi della grande metropoli e di inserirli in un mondo in cui la solitudine dei personaggi li porta a fare scelte estreme.

    said on 

  • 4

    "C'era una certa somiglianza tra la sensazione di aver perso la strada e non sapere dove andare e la consapevolezza di non avere più la possibilità di tornare indietro. Ci si sente assolutamente liberi. "

    Nonostante la traduzione infelice del titolo che distrae parecchio dal senso stesso del romanzo (personalmente non mi aspettavo di certo un noir dai toni grotesque), ho trovato questo libro estremamen ...continue

    Nonostante la traduzione infelice del titolo che distrae parecchio dal senso stesso del romanzo (personalmente non mi aspettavo di certo un noir dai toni grotesque), ho trovato questo libro estremamente coinvolgente. Ho apprezzato molto l'analisi psicologica delle protagoniste e dei personaggi che ruotano loro attorno, e la denuncia tagliente di una società sessista ben diversa dalla Tokyo disincantata di Murakami o della Yoshimoto. Un libro dall'intreccio mai scontato, dove ad ogni azione corrisponde una reazione e nulla viene lasciato al caso. Mi è piaciuto molto.

    said on 

  • 3

    Masako, Yayoi, Yoshie e Kuniko.
    Quattro donne, quattro colleghe di lavoro in una ditta di colazioni a Tokyo che affrontano ogni notte un turno sfiancante fino alle prime luci dell'alba.
    Ognuna di loro ...continue

    Masako, Yayoi, Yoshie e Kuniko.
    Quattro donne, quattro colleghe di lavoro in una ditta di colazioni a Tokyo che affrontano ogni notte un turno sfiancante fino alle prime luci dell'alba.
    Ognuna di loro ha i suoi drammi, Masako colta e intelligente ma fredda, vive col marito e il figlio diciassettenne. In casa sua ognuno è chiuso nel proprio silenzio, si rivolgono a malapena la parola da lungo tempo.
    Yayoi è giovane e bella, ha due bimbi piccoli ma il marito la maltratta e sta dilapidando i soldi faticosamente accantonati giocando a baccarat e inseguendo affascinanti prostitute.
    Yoshie, soprannominata rispettosamente "maestra" in azienda, è una vedova costretta ad occuparsi della suocera inferma e di due figlie che sono una peggio dell'altra.
    Kuniko, grassa e complessata, è strozzata da debiti a causa del suo shopping compulsivo.
    Un giorno Yayoi, colta da un raptus di rabbia all'ennesimo abuso del marito, tornato ubriaco e senza un soldo, lo uccide. Presa dal panico chiama Masako che inspiegabilmente decide di aiutarla a disfarsi del cadavere.
    Per fare ciò coinvolgerà la riluttante maestra e l'avida Kuniko.
    Ma il loro "lavoro sporco" avrà nefaste conseguenze.
    Non posso dire che mi sia dispiaciuto, è un libro ben caratterizzato e con una buona trama. E' solo che probabilmente fatico a capire la società giapponese perché avendo letto ben più un libro mi trovo sempre davanti comportamenti e pensieri quasi avulsi dalla realtà.
    Il personaggio del perfido Satake è credibile? E la metamorfosi finale di Masako?
    Non dico che tutto sia assurdo, assolutamente no, ma con certi pov provo un senso di profonda alienazione, inspiegabile ai miei occhi di occidentale.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Being an Italian mothertongue, it was really hard reading it in English, not that I don't understand the language - I've already quite few books under my belt. So, my main issue that I want to adress ...continue

    Being an Italian mothertongue, it was really hard reading it in English, not that I don't understand the language - I've already quite few books under my belt. So, my main issue that I want to adress here is about the literal translation and believe me when I say literal, I really meant it. Read a book with an outdated form and lexicon feels like you're driving in a car full of curves and bumps; also it doesn't help in its fluency so proved this matter, the only tip I can recommed you is buying this book in your LOCAL language, I'm sure that the translation will be surely better and improved. You know, I like constantly to challenge

    Taking ASIDE this matter, I'm already accustomed to Natsuo's style and what has really shocked me is the finale. Masako, during that night of violence and rape, REALIZED that she loved her assailant and what she and her collagues have done, totally changed her. I'm STILL very shocked.

    said on 

Sorting by