Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Overminder

Il sognatore

Di

Editore: Fanucci

3.6
(23)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Altri

Isbn-10: 8834706374 | Isbn-13: 9788834706374 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Overminder?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 1

    Un orrore cibernetico

    E' difficile trovare un libro con una trama così appesa con lo sputo in giro per la letteratura, e non basta neanche il far parte del genere del Cyberpunk per giustificare questa superficialità disarmante, che poi il Cyberpunk al massimo produce uno spezzatino di vicende che però tendono a collim ...continua

    E' difficile trovare un libro con una trama così appesa con lo sputo in giro per la letteratura, e non basta neanche il far parte del genere del Cyberpunk per giustificare questa superficialità disarmante, che poi il Cyberpunk al massimo produce uno spezzatino di vicende che però tendono a collimare.

    Leo Kaminskiy, Manduryan e Duncan sono uniti dal kharma e dalla predestinazione, no, in realtà da un piano cervellotico di un super intelligente multimediale, un certo Robert Lakota desideroso di farla finita con il suo personale scienziato pazzo, un certo inetto di nome Matt Oberson, a queste vicende che producono un pathos da freezer bisogna unirci anche una caratterizzazione fatta con una cesoia; quello che apprendiamo a pagina 1 dei nostri protagonisti, non è nient'altro che ripetuto per 200 pagine, il tutto, ahimé, intervallati da dialoghi infantili e pseudo profondi, ispirati a piene mani dai peggiori z-movie della storia.

    Se qualcosa di interessante lo si può vedere nella rappresentazione della tecnologia, e nella sua applicazione, anche se in piena scia di Gibson e soci, e quindi non proprio molto originale, viene meno completamente una qualunque analisi sull'interazione tra la tecnologia e l'uomo, una qualunque dicotomica trattazione del processo che tanto piaceva al cyberpunk.

    E' solo un contorno inutile di una pietanza insipida e parca di qualità.

    ha scritto il