Ovunque, proteggici

Voto medio di 81
| 51 contributi totali di cui 35 recensioni , 16 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
In una giornata qualsiasi dei suoi cinquant'anni, Lorenzo Girosa riceve una lettera in cui qualcuno mostra di conoscere un segreto che da anni ha smesso di tormentarlo: un delitto commesso quando era poco più che bambino. Tentando di riannodare i ...Continua
Ha scritto il 14/02/17
Un viaggio nel tempo, un ritorno ad un passato che invece di darsi pace, decide ad un certo punto di riaffacciarsi nella vita di Lorenzo Girosa che, a cinquant’anni suonati, si trova a dover ripercorrere vite e segreti di una famiglia che ha ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 01/01/17
Lo stile di scrittura è valido e originale, con immagini fortemente evocative. Solo in alcuni tratti sembra che la narrazione sia un prestesto per utilizzare metafore particolari e d'effetto e forse un pò troppo costruite, tanto che in alcuni ...Continua
Ha scritto il 20/08/16
Rinuncio
Nei libri ho sempre cercato prima di tutto storie, possibilmente diverse dalla mia. Questa storia mi è sembrata opaca, si colloca in un'Italia contadina e povera dei primi del '900, ma è troppo generica per essere interessante dal punto di vista ...Continua
  • 8 mi piace
  • 7 commenti
Ha scritto il 15/02/16
"Non seppi più nulla di Blacmàn. Divenne un'ombra del passato che non sbiadì mai del tutto, restò la mano pronta ad afferrarmi da capo nel grigio della sera, la treccia d'aglio dei miei spigoli, un argomento da sorvolare".
  • 2 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 12/02/16
Ovunque proteggici di Elisa Ruotolo quando un libro sa farsi ricordare
La malia delle superstizioni, Garcìa Marquez, la carnalità del linguaggio e la genìa dei Girosa nel romanzo in odor di Strega La storia di Ovunque proteggici romanzo nella rosa dei dodici finalisti al Premio Strega ha un incipit che si tinge ...Continua

Ha scritto il Jul 26, 2016, 15:41
Qualunque bene esista a questo mondo, e in tutti gli altri possibili, ci protegga tutti. Ovunque
Pag. 306
Ha scritto il Jun 13, 2014, 15:36
Mai come adesso mi sembra d' avere avanti tanta strada. Adesso che non misuro più durate, lunghezze, ma solo il largo che resta.
Pag. 302
Ha scritto il Jun 13, 2014, 15:30
A volte quando vado in giro, mentre entro a scuola, o quando percorro la strada che mi porta da mia figlia, se mi volto in fretta vedo come un'ombra nella coda dell'occhio. Dura un attimo, o forse meno, neppure il tempo di voltarmi e capire da dove ...Continua
Pag. 300
Ha scritto il Jun 13, 2014, 15:28
Avevo capito che il sangue non è niente, non conta. Che non nasciamo figli, padri, fratelli: lo diventiamo. Scegliamo di esserlo, a un certo punto.
Pag. 298
Ha scritto il Jun 13, 2014, 11:17
Io non avevo ricordi da figlio. Il mio passato era una collana di piccoli, assurdi dettagli che facevano solo amarezza e vergogna. Avrei potuto raccontare il lavoro di mio padre, che non era fatto di sudore ma di raggiro. La sua capacità ...Continua
Pag. 191

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi