Ozma, regina di Oz

Di

4.2
(49)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Altri

Isbn-10: 887371790X | Isbn-13: 9788873717904 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Ozma, regina di Oz?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Questo libro risale al 1907. Il linguaggio è adatto all'epoca e soprattutto ai bambini dell'epoca. Oggi le cose sono molto cambiate, ma i modelli sociali a cui fa riferimento si trovano ancora. I pers ...continua

    Questo libro risale al 1907. Il linguaggio è adatto all'epoca e soprattutto ai bambini dell'epoca. Oggi le cose sono molto cambiate, ma i modelli sociali a cui fa riferimento si trovano ancora. I personaggi mi hanno fatto sorridere e ci sono, come suo solito, piccole perle di ironia e saggezza disseminate qua e là. Come queste:

    «Se proprio si deve parlare, meglio farlo come si deve» Pag. 22

    «La persona più intelligente che abbia mai incontrato» confidò Dorothy alla chioccia gialla «era uno spaventapasseri». Pag. 54

    Ci sono anche figure poetiche inaspettate, in particolare i due inventori artisti Ferry & Vecchi:

    «Il signor Ferry dipinse un fiume tanto realistico che, mentre si sporgeva ad aggiungere dei fiori sulla riva opposta, cadde in acqua e affogò». Pag. 54
    «Il signor Vecchi costruì una scala tanto alta da arrivare alla luna e la usò per cogliere stelle e metterle sulla corona del Re. Ma quando arrivò alla luna, la trovò così bella che decise di viverci, tirò su la scala e nessuno lo vide mai più». Pag.54

    In certi passaggi sono rimasto colpito dal modo in cui lo spaventapasseri e l'uomo di latta riescono a parlare crudelmente nei confronti di personaggi diversi come loro (che non si ritengono più tali e invece lo sono ancora). Mi fa pensare a come le persone possano dimenticare il loro passato e come i buoni possano essere crudeli come i cattivi, perché usano il sorriso sulla faccia e le parole dolci, ma colpiscono forte.

    Ci sono anche alcune lodi al femminismo e si parla di monarchia, quella vera, non quella favolistica. La regina è una brava ragazza, ma è la regina. Non si abbassa, ragiona poco, è orgogliosa. Insomma... c'è di tutto in questo libro. Se sapete scavare oltre la superficie troverete spunti e riflessioni molto interessanti.

    E poi è OZ!!!! Buona lettura!!

    ha scritto il