Pétalo carmesí, flor blanca

By

Publisher: Anagrama

3.8
(3775)

Language: Español | Number of Pages: 1035 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , French , German , Dutch , Portuguese , Greek

Isbn-10: 8433972820 | Isbn-13: 9788433972828 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Hardcover

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Pétalo carmesí, flor blanca ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sugar tiene diecinueve años y ejerce la prostitución desde los trece, cuando su madre introdujo a uno de sus clientes en su cama. William Rackham es un caballero de treinta y un años, educado en Oxford, condenado a suceder a su padre en la industria familiar, pero que siempre ha deseado llevar una vida de goces intelectuales. Está casado con la hermosa Agnes, a la que ama, aunque ella odia el sexo y abomina de la maternidad. Y un día en que William se siente más iracundo que nunca, cae en sus manos un folleto donde recomiendan el prostíbulo de la señora Castaway, y elogian a su pupila Sugar. La jovencita seduce a William. Y él decide no compartirla con nadie, aunque tenga que optar por la empresa de su padre, y dividirse entre el pétalo carmesí y el blanco. . . Versión posmoderna de la novela victoriana, es también una apasionante indagación en el enigma de la femineidad.
Sorting by
  • 2

    altalenante.. mi ha sempre incuriosito e forse le aspettative erano troppo alte: mi aspettavo qualcosa di più da tutto il libro.. non solo da alcune parti

    said on 

  • 3

    ho aspettato a lungo prima di leggere questo lunghissimo e incensato romanzo ambientato nella londra ottocentesca- tra lo squallore dei bordelli e i lussi delle classi agiate impegnate nella stagione ...continue

    ho aspettato a lungo prima di leggere questo lunghissimo e incensato romanzo ambientato nella londra ottocentesca- tra lo squallore dei bordelli e i lussi delle classi agiate impegnate nella stagione mondana. attraverso le peripezie di sugar, giovane prostituta dall'intelletto brillante, vengono descritte minuziosamente le atmosfere cupe e le contraddizioni di una metropoli in continuo cambiamento e la storia è ricca di personaggi tratteggiati in modo vivido e che sfiorano quasi il grottesco. tuttavia, nella seconda parte, il libro indulge in lungaggini eccessive e scivola nel prevedibilmente convenzionale- con un finale (quasi) aperto che si può indovinare man mano che ci si addentra nella storia, il tutto condito da una voce narrante che straborda e ammicca al lettore. si legge, ma siamo lontani anni luce da dickens e dalla sua bravura nel raccontare (con grazia e crudezza allo stesso tempo) la miseria e l'abbrutimento morale.

    said on 

  • 3

    [Attenzione: spoilerino generico sul finale]

    Bel libro nel complesso, che non mi ha mai annoiata lungo le quasi mille pagine (e non è poco, certo, benché non sia tutto) e mi ha piacevolmente coinvolta, specialmente nella prima metà: mi è piaciut ...continue

    Bel libro nel complesso, che non mi ha mai annoiata lungo le quasi mille pagine (e non è poco, certo, benché non sia tutto) e mi ha piacevolmente coinvolta, specialmente nella prima metà: mi è piaciuto come Faber prende per mano il lettore guidandolo nella Londra vittoriana, dai vicoli più malfamati ai quartieri alti, cercando di fargli "sentire" fin la più piccola sensazione (perlopiù sgradevole), con uno stile senz'altro accattivante.
    La seconda metà invece mi ha un po' delusa, l'ho trovata più debole e diverse scelte d'intreccio non mi hanno convinta, fino alla delusione massima del finale: cioè, cavolo, ti seguo per mille pagine e poi tu, Autore, che fai? Mi lasci di botto nel mezzo di una strada, così, a bocca asciutta, senza neanche una spiegazione. Non è mica il modo. Mi son quasi offesa.

    said on 

  • 2

    "Il petalo cremisi e il bianco". Fastidioso.

    Non mi è stato possibile sopportare il narratore: sempre presente, invadente e anche beffardo, davvero troppo per i miei gusti. La storia mi incuriosiva, però per me era davvero snervante.
    La recensio ...continue

    Non mi è stato possibile sopportare il narratore: sempre presente, invadente e anche beffardo, davvero troppo per i miei gusti. La storia mi incuriosiva, però per me era davvero snervante.
    La recensione (di questo libro e di altri) continua sul canale youtube LaprospettivadellaRana a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=47YzceHIRzI

    said on 

  • 2

    sono dispiaciuta ma dopo 200 pagine di tristezza francese dell'800 l'ho abbandonato. In questo periodo triste della mia vita aggiungerci altre 800 pagine mi è sembrato troppo.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    NCS: Non Ci Siamo.
    La quarta lo vende benissimo, ma alla fine l'unica cosa veritiera è la recensione del Time, che dice che la lettura ti rapisce ed è difficile metterlo giù, o qualcosa del genere.
    Il ...continue

    NCS: Non Ci Siamo.
    La quarta lo vende benissimo, ma alla fine l'unica cosa veritiera è la recensione del Time, che dice che la lettura ti rapisce ed è difficile metterlo giù, o qualcosa del genere.
    Il problema è che ok i vent'anni di ricerca (che comunque viene apprezzata fino a un boh, tre quarti di libro, o poco meno, dopo di che le minuzie che t'hanno tediato fino a quel momento spariscono e nemmeno te ne rendi conto), ok i dieci di scrittura, ma quel che ne esce è ... niente di eccezionale e con forte bisogno di un editor dal pugno di ferro.
    Sugar, povera stella. Sin dall'inizio si promette che farà di tutto, che è pronta a tutto, che non si tira indietro davanti a nulla: non v'è traccia di nulla di tutto ciò; rimane un po' più che perplessa quando le vien detto che la compagna s'è spostata in una casa più orientata al sadomaso, perché in quella d'origine ste cose a malapena. Sugar parte che promette promette, sul lato erotico, su quello intellettuale, su quello potenziale, ma poi crolla inesorabilmente in tutto ciò che fa.
    William, il vuoto pneumatico. Incapace pure di essere lo scapestrato che vorrebbe, d'improvviso si ritrova capitano d'azienda di successo che potrebbe far concorrenza al profumiere di Suskind, dal nulla, senza nemmeno fare uno stage infimo, e pure tutto st'aiuto che dovrebbe dargli Sugar non è che sia niente di eccezionale.
    La piccola Sophie, che tutti maltrattano e sottovalutano e che nessuno è in grado di far rivivere in lei la propria rivalsa verso una vita talmente di merda che nemmeno un finale degno - che non sarebbe stato lieto ce lo aspettavamo - ci riserva.
    Il lettore, bistrattato da quarte pareti che calano e salgono così, a momenti sì, a momenti - lunghissimi - no, che uno si chiede vabbè, ma l'espediente narrativo per cui dovrebbe farlo un libro talmente bello da? ce lo perdiamo così? Sì.
    E le parolacce, quei "cazzo", "fica" ecc, ogni 200 pagine, che non farebbero nè arrossire nè eccitare un/una adolescente di qualsiasi epoca?
    Qua c'è, effettivamente, un dedito al BSDM, ed è sicuramente Faber: non per 20 anni di ricerche nè per i 10 di scrittura, ma per il sapere il lettore frustrato dal fatto di non saper scegliere un editor che a un certo punto gli dica "E mo basta!".

    said on 

  • 3

    "una vita intera andata come piscio sulla strada"

    "Ma i romanzi non sono forse verità mascherate?" si chiede ad un certo punto uno dei protagonisti della storia.
    Direi che così dovrebbe essere..
    Non metto in dubbio il lavoro ventennale (tanto pubbli ...continue

    "Ma i romanzi non sono forse verità mascherate?" si chiede ad un certo punto uno dei protagonisti della storia.
    Direi che così dovrebbe essere..
    Non metto in dubbio il lavoro ventennale (tanto pubblicizzato) che Faber ha compiuto per riprodurre la Londra di quegli anni (1874/1875). Per quanto mi riguarda il clima è ben riuscito. Si riesce ad immergersi sia nell'ambientazione dei bassifondi sia degli ambienti alto borghesi.
    Il neo, per quanto mi riguarda sta nella credibilità dei personaggi. A livello psicologico ho trovato i protagonisti inverosimili e nella maggior parte dei casi accomunati da un fatale e negativo destino( "gente che prova in tutti modi ad essere felice, senza il minimo successo" ).
    Non voglio fare spoiler in questo mio commento ma penso sia necessario avvertire che dopo cosi tante pagine non si arriva ad un vero finale. Io lo sapevo ed il colpo mi è stato attutito.
    Per i miei parametri è un libro che considererei "da ombrellone" : non impone riflessioni di sorta e corredato da una scrittura discreta.
    Vista la mole si consiglia l'edizione digitale.

    said on 

  • 2

    Nonostante la descrizione accurata di ambienti, luoghi, usi e costumi dell'epoca vittoriana, ho trovato questo libro pesante e inutilmente prolisso, con frequenti digressioni fini a sé stesse che null ...continue

    Nonostante la descrizione accurata di ambienti, luoghi, usi e costumi dell'epoca vittoriana, ho trovato questo libro pesante e inutilmente prolisso, con frequenti digressioni fini a sé stesse che nulla aggiungono al contesto (compresi momenti trash assolutamente gratuiti).
    I personaggi sono ben delineati e approfonditi, ma la storia mi è parsa poco verosimile e… accidenti… dopo più di 900 pagine non si sa neanche come va a finire: tutto resta nel vago, affidato all'immaginazione del lettore.
    Alla fine dentro mi è rimasto ben poco e secondo me non vale la pena perderci del tempo, anche perché, di genere simile, esistono libri migliori.

    said on 

Sorting by