Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Paddy Clarke Ha Ha Ha

By

Publisher: Minerva

3.8
(1562)

Language:English | Number of Pages: 288 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , German , Slovenian , Latvian , Dutch

Isbn-10: 0749397969 | Isbn-13: 9780749397968 | Publish date: 

Also available as: Audio Cassette , Hardcover , Mass Market Paperback , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like Paddy Clarke Ha Ha Ha ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In Roddy Doyle's Booker Prize-winning novel Paddy Clarke Ha Ha Ha, an Irish lad named Paddy rampages through the streets of Barrytown with a pack of like-minded hooligans, playing cowboys and Indians, etching their names in wet concrete and setting fires. Roddy Doyle has captured the sensations and speech patterns of preadolescents with consummate skill, and managed to do so without resorting to sentimentality. Paddy Clarke and his friends are not bad boys; they're just a little bit restless. They're always taking sides, bullying each other and secretly wishing they didn't have to. All they want is for something--anything--to happen.

Throughout the novel, Paddy teeters on the nervous verge of adolescence. In one scene, Paddy tries to make his little brother's hot water bottle explode, but gives up after stomping on it just one time: "I jumped on Sinbad's bottle. Nothing happened. I didn't do it again. Sometimes when nothing happened it was really getting ready to happen." Paddy Clarke senses that his world is about to change forever--and not necessarily for the better. When he realizes that his parents' marriage is falling apart, Paddy stays up all night listening, half-believing that his vigil will ward off further fighting. It doesn't work, but it is sweet and sad that he believes it might. Paddy's logic may be fuzzy, but his heart is in the right place.

Sorting by
  • 4

    L'Irlanda dei sobborghi e gli episodi sconclusionati di vita di un ragazzino spietato e tenero. Molto raramente ho letto un libro nel quale la voce di un bambino suonasse così verosimile. Forse solo Roald Dahl mi aveva dato quest'idea di totale comprensione di meccanismi che crescendo tendiamo a ...continue

    L'Irlanda dei sobborghi e gli episodi sconclusionati di vita di un ragazzino spietato e tenero. Molto raramente ho letto un libro nel quale la voce di un bambino suonasse così verosimile. Forse solo Roald Dahl mi aveva dato quest'idea di totale comprensione di meccanismi che crescendo tendiamo a rimuovere e a dimenticare.

    Roddy Doyle, del quale avevo precedentemente letto "I commitments", è incredibilmente versatile. Bravo lui!

    said on 

  • 4

    Ben scritto, divertente!

    Io adoro Roddy Doyle, e in questo libro adoro come ogni sua parola, sia scritta dal protagonista, quindi da un bambino di 10 anni, la scrittua è spensierata e piena di perchè, la vita e le situazioni che questa ci porta ad affrontare sono viste e vissute con gli occhi dell'infanzia!
    Bellissimo!
    Q ...continue

    Io adoro Roddy Doyle, e in questo libro adoro come ogni sua parola, sia scritta dal protagonista, quindi da un bambino di 10 anni, la scrittua è spensierata e piena di perchè, la vita e le situazioni che questa ci porta ad affrontare sono viste e vissute con gli occhi dell'infanzia! Bellissimo! Qui la mia recensione: http://libriamocisu.blogspot.it/2014/08/paddy-clarke-ah-ah-ah-roddy-doyle.html

    said on 

  • 5

    La letteratura anglosassone é la mia preferita.
    sono di parte.
    Ma....
    quIrlanda Roddy Doyle é un libro magnifico , che parla di infanzia, dI irlanda, di cambiamenti sociali, di famiglia, di dolore.
    Paddy clarke é uno di quei personaggi che vorresti veder crescere nella vita, per vedere come ...continue

    La letteratura anglosassone é la mia preferita. sono di parte. Ma.... quIrlanda Roddy Doyle é un libro magnifico , che parla di infanzia, dI irlanda, di cambiamenti sociali, di famiglia, di dolore. Paddy clarke é uno di quei personaggi che vorresti veder crescere nella vita, per vedere come gli è andata, perché lui si merita il meglio.

    said on 

  • 4

    Paddy ha nove anni, una mamma e un papà giovani, un fratello minore da tormentare e due sorelline troppo piccole per essere davvero degne di nota. Paddy ha un migliore amico, Kevin, e una banda di amici nemici con cui vivere avventure su e giù per il loro paese, fienili, scavi, siepi, riti di ini ...continue

    Paddy ha nove anni, una mamma e un papà giovani, un fratello minore da tormentare e due sorelline troppo piccole per essere davvero degne di nota. Paddy ha un migliore amico, Kevin, e una banda di amici nemici con cui vivere avventure su e giù per il loro paese, fienili, scavi, siepi, riti di iniziazione, esperimenti, botte, scuola, lezioni. Uno spiraglio di infanzia maschile, spensierata e crudele, fino alla conclusione, amarissima.

    said on 

  • 2

    Dopo aver letto e riletto (con molto godimento) "Dentro la foresta" ho provato a rileggere anche questo libro, che tanto successo ha avuto, ma che ricordavo non mi fosse piaciuto. Confermo: non mi piace

    said on 

  • 5

    Raccontare bene è difficile, raccontare bene l'infanzia è quasi impossibile. Doyle ci riesce, al pari dei grandissimi, come per esempio McCourt.

    said on 

  • 3

    Pregio. Descrizione realistica del mondo visto con gli occhi di un bambino irlandese. Difetti. Troppo lungo. Mi sono trovato a saltare, anche a causa dell'assenza di una trama, pagine su pagine del libro.

    said on 

  • 4

    Inizio col dire che ho assegnato un voto in difetto al libro, perché sappiamo benissimo che Anobii non permette i mezzi voti. In realtà, infatti, sarebbe un 4+ o 4 1/2. Voti che al liceo farebbero schifo, ma qui no.
    Altra storia raccontata interamente da un bambino, e questo mese siamo giá a tre. ...continue

    Inizio col dire che ho assegnato un voto in difetto al libro, perché sappiamo benissimo che Anobii non permette i mezzi voti. In realtà, infatti, sarebbe un 4+ o 4 1/2. Voti che al liceo farebbero schifo, ma qui no. Altra storia raccontata interamente da un bambino, e questo mese siamo giá a tre. Anche in questo caso (con L'evoluzione di Calpurnia, invece, i giorni si susseguivano con filo logico e le vicende narrate pure) abbiamo eventi random, non per forza collegati tra loro, narrati dal nostro protagonista, Patrick 'Paddy' Clarke, appunto. Rimango sempre stupita dall'infinito numero di dettagli, che i bambini notano. Agli occhi di un adulto, probabilmente, determinate cose non parrebbero neanche importanti; per un bambino, invece no. Il bambino è alla continua scoperta di novità, di cose nuove, che, vedendole per la prima volta, gli suscitano curiosità. Anche in questo caso abbiamo un bambino molto intelligente, che nota tutto, anche stramberie, che si pone delle domande e che cerca di arrivare a delle conclusioni. Molto spesso fanno sorridere le macchinazioni e i pensieri che frullano nella testa del protagonista. E l'ingenuità anche in questo caso ricorre spesso ma..dopotutto è il bello dei bambini. Come accennato prima, viviamo assieme a Paddy le vicende che riguardano lui, i suoi amici, o finti tali, la sua famiglia, il suo fratellino Francis detto Sinbad, a random, ma che nascondono sempre, nel profondo, una morale celata. Un fatto che mi ha lasciata un po' shoccata e che mi ha stupito, è arrivare alla consapevolezza di quanto cattivi e un po' perversi possano essere i bambini, tra di loro soprattutto, ma anche con alcuni adulti che, forse, ritengono deboli e quindi facili da prendere di mira. La cattiveria con cui talvolta vediamo si trattano tra di loro, mi ha anche un po' rattristata. Nella loro ottica era probabilmente tutto un gioco o, magari, un modo per risultare più grandi e maturi.

    Ho dovuto iniziare il libro due volte, anche se alla prima andata non avevo letto molto. Inizialmente l'ho trovato un po' noisetto e la percentuale di pagine lette che aumentava a fatica sul Kindle, mi faceva temere di non riuscire a proseguire. Invece ce l'ho fatta perché, mano a mano, seppur le vicende continuassero ad essere a caso, il libro, la storia, mi ha preso. Ogni volta che spegnevo l'e-reader, mi mancavano tutti i personaggi e l'estrema lucidità e, di nuovo, ingenuità, con cui Paddy ammira il mondo dei grandi, ma anche quello dei piccoli. Più la storia prosegue, poi, e più il focus inizia a spostarsi sulla famiglia, sulla situazione a casa, sui litigi, sempre più frequenti, fra mamma e papà. Piano piano quello inizia a diventare il punto principale e più ricorrente. Arriviamo alla conclusione con una tristezza amara che ti ha preso giá da un po' di pagine per quel qualcosa che 'non va'. Arriviamo alla fine, con un piccolo groppo in gola, non tanto per quello che è successo (va be', anche) ma, soprattutto, per il modo in cui Paddy ci accompagna, verso il finale. E scopriamo anche il perché del titolo. Sì, i bambini possono essere proprio cattivi, quando vogliono.

    said on 

  • 3

    Storia tenera e semplice di una crescita. "Certe volte sembra che non succeda niente, ma è perché le cose stanno preparandosi a succedere." Tipo la vita.

    ps- Nell'ultimissima pagina capire il significato del titolo è una coltellata.

    said on 

Sorting by